fbpx
Connettiti con noi

Human Rights

11 ottobre: COMING OUT DAY. Quando dichiararsi rende liberi

Ricorre oggi per la comunità LGBTI+ il “Coming Out Day“, in cui si celebra a livello internazionale la consapevolezza della propria sessualità e l’importanza di esplorare la propria identità.


L’espressione “coming out” è una semplificazione dell’inglese “coming out of the closet“, ossia letteralmente “uscire dall’armadio“, nell’accezione di “venire allo scoperto“. In italiano non esiste un corrispettivo come ad esempio in spagnolo (salir dal armario) o dal francese (sortir du placard), ma viene piuttosto utilizzata la formula “dichiararsi”.

Il coming out è una scelta personale, volontaria e consapevole, attraverso la quale si rende partecipi gli altri del proprio orientamento o della propria identità sessuale. Non va confuso con l’outing, che rappresenta invece la dichiarazione della sessualità altrui senza il consenso del soggetto interessato.

Coming Out Day: la Storia

origine coming out day

Il Coming Out Day fu festeggiato per la prima volta l’11 ottobre 1988, dall’intuizione di uno psicologo del New Mexico, Robert Eichberg, e da Jean O’Leary, politica e attivista lesbica di Los Angeles, durante il workshop The Experience and National Gay Rights Advocates. Fu scelta la data dell’11 ottobre in quanto primo anniversario della seconda marcia nazionale su Washington per i diritti LGBT: un’occasione eccezionale di condivisione e partecipazione che superò le 200.000 presenze.

Il primo Coming Out Day si tenne presso la sede della National Gay Rights Advocates a West Hollywood, in California, alla presenza dei delegati di 18 Stati e dei principali media nazionali. La seconda edizione ebbe luogo a Santa Fe con 21 stati, mentre solo nel 1990, e grazie al coinvolgimento della Human Right Campaign, la celebrazione del Coming Out Day si estese all’intero territorio statunitense. Da allora, ogni anno ha abbracciato e interessato sempre più persone.

Sia la O’Leary, apertamente lesbica, che Eichberg, attivista e militante, morirono nel 1995: la O’Leary per un cancro ai polmoni ed Eichberg per le complicanze dell’AIDS.

Della O’Leary, Gloria Steinem del New York Times ha scritto “ha aiutato il movimento delle donne a riconoscere il costo universale dell’omofobia, e il movimento gay ha visto che emarginare le voci delle lesbiche avrebbe solo diminuito il suo potere.

L’importanza del Coming Out

Ogni Coming Out è una piccola rivoluzione, e come ogni rivoluzione rompe un ordine precostituito per dare spazio ad una nuova visione e ad una prospettiva forte, inedita e libera.

La paura, la diffidenza e la chiusura rispetto alla realtà lgbt è spesso avallata da una sfiducia diffusa nei confronti degli omosessuali e della conoscenza della loro dimensione sociale. Il Coming Out, tuttavia, è anche per queste ragioni fondamentale nel processo di normalizzazione di una condizione personale che coinvolge l’intera collettività. Pensate che grazie al vostro coming out, familiari e amici che prima guardavano con diffidenza il mondo lgbt+, considerandolo lontano e distante dalla propria quotidianità, sapranno grazie a voi che l’omosessualità non si nasconde solo dietro lustrini, paillettes ed estrosità, ma anche nello sguardo disinteressato del vicino di casa, nel postino che da anni porta la corrispondenza, nella cameriera che il sabato sera ci serve la pizza al pub. Normalizzazione, nient’altro.

coming out day 2019

Il risvolto sociale positivo del coming out (ricordiamo che solo a seguito delle rimostranze degli attivisti lgbti siamo giunti all’ottenimento di una legge per i diritti civili), inoltre, si accompagna ad un senso di liberazione, sollievo e benessere mentale che nella gran parte delle situazioni coinvolgono positivamente la sfera personale e affettiva, spesso migliorando i rapporti con le nostre persone care.

Secondo uno studio condotto dall’ISPES, gli uomini gay hanno una probabilità di tentare il suicidio di tre volte superiore rispetto agli uomini eterosessuali, il 32,5% di gay e lesbiche sotto i 20 anni ha pensato almeno una volta di suicidarsi e il 10,8% ci ha provato davvero.

Pensiamo quindi che la discussione sul tema del Coming Out non sia mai abbastanza: non si può vincere da soli una battaglia contro se stessi. Informare, creare campagne di sensibilizzazione, combattere la discriminazione, creare ponti tra eterosessuali, gay, lesbiche è il presupposto vitale per far sì che il colorato mondo lgbti+ sia considerato come un contesto di contaminazione, arricchimento sostegno reciproco e autentica libertà.



Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora