fbpx
Connettiti con noi
coming out day

Sociality

11 Ottobre: ecco quando si celebra il Coming Out Day

Coming out: espressione inglese (letteralmente in italiano “venire fuori”) è usata per indicare la decisione di dichiarare apertamente il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere. Da non confondere con l’outing che, a differenza del coming, non è una scelta volontaria di chi lo fa ma viene deciso da altri.


Era il 1988 e negli Stati Uniti nacque la prima edizione del Coming Out Day. Furono lo psicologo del New Mexico Robert Eichberg e il politico ed attivista LGBT di Los Angeles Jean O’Leary che diedero vita l’11 Ottobre alla prima edizione.

“La maggior parte delle persone pensa di non conoscere nessuno gay o lesbica, e in realtà, tutti lo conoscono. È imperativo uscire allo scoperto e far sapere alla gente chi siamo e dissuaderla dalle sue paure e dai suoi stereotipi”, disse Robert Eichberg nel 1993

Coming Out Day
founders Robert Eichberg (left) Jean O’Leary (right)

Perché proprio questa data?

Nel 1987  su Washington si svolse la seconda marcia nazionale per i diritti delle lesbiche e dei gay. Evento che, con il passare degli anni ha acquistato sempre piu rilevanza. 

Tra i tanti supporter della comunità LGBTQ+ ritroviamo l’attrice Ruby Rose, l’imprenditrice Angelica Ross, lo stylist Law Roach, l’attore Nico Tortorella e lo youtuber Tyler Oakley. Nell’edizione del 2020 si ricorda Demi Lovato  che, con Tan France di Queer Eye, ha condotto uno speciale su facebook. 

Dal 1995 Candace Gingrich è la portavoce del Coming Out Day.

Il Coming Out Day è un condividere testimonianze di coloro che hanno intrapreso il  viaggio verso la dichiarazione aperta e coraggiosa del proprio orientamento sessuale e identità di genere. 

Coming Out Day

Il coming out, per chi lo vive, è tuttavia un processo generalmente mai concluso.  non è un avvenimento unico nella vita di un omosessuale, è un processo che si verifica in modi diversi in  in diversi ambiti, con soggetti diversi e attraverso diverse modalità.


Ovviamente si riferisce anche a tutte le persone che ancora non sono pronte a fare coming out, momento e percorso che rimane tutt’oggi una scelta personale.

Ogni anno, alla data della ricorrenza vengono organizzati eventi per celebrare il coming out. Aumentare e rafforzare coscienza e consapevolezza nella comunità LGBT.

I simboli che più ricorrono sono, oltre ai vestiti coi colori dell’arcobaleno, quelli che rappresentano l’orgoglio lgbt: i triangoli rosa  per i gay, il triangolo nero per le lesbiche, la bandiera dell’orgoglio bisessuale, la lettera greca lambda.

Ogni edizione ha un tema specifico che viene individuato grazie anche alla Human Rights Campaign che collabora per individuare argomenti per questo evento oltre a quelli relativi al National Coming Out Project


Questo progetto ha lo scopo di diffondere l’accettazione delle famiglie LGBT e la consapevolezza nei singoli, nelle coppie e nelle famiglie.

Mandare il messaggio della possibilità di vivere la propria vita in maniera aperta e onesta. 

Tra gli ultimi temi del Coming Out Day troviamo: 

Come Out to Congress (1999)

Think it O-o-ver (Who Will Pick the New Supremes?) (2000)

An Out Odyssey (2001)

Being Out Rocks! (2002)

It’s a Family Affair (2003)

Come Out. Speak Out. Vote (2004)

Conversations from the Heart (2009)

Talk About It (2007, 2006, 2005)

Coming Out for Equality (2010)

I paesi in cui si celebra il Coming Out Day oltre all’america sono  Australia, Canada, Croazia, Germania, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Polonia, Svizzera e Regno Unito. 

Scritto da

Non mi descrivo mai perché non sono gentile con me stessa

Mostra i commenti

Articoli simili

Fondazione Falcone: proposta riforma ergastolo ostativo

Legalità

oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali

oroscoPERÒ_ della beatitudine e della dannazione

Sociality

Barbero e le differenze strutturali delle donne: non è “biologia”, è patriarcato.

Desdemona

LA MAFIA SPIEGATA AI BAMBINI di M. Rizzo e L. Bonaccorso (BeccoGiallo) | Recensione

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×