Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
marcia nazionale per i diritti di gay e lesbiche

Storie e Culture

14 ottobre 1979: si tiene la prima marcia per i diritti di gay e lesbiche a Washington

Si teneva 41 anni fa la “National March on Washington for Lesbian and Gay Rights“, ovvero la prima marcia per i diritti delle persone LGBT+


Furono circa centomila le persone che sfilarono per rivendicare dignità e diritti civili, in un’epoca in cui le persone omosessuali non godevano di alcun riconoscimento e alcuna tutela in nessuna parte del mondo. Prima di quel giorno, tutti i tentativi di realizzare una marcia per i diritti gay erano sempre falliti.

La prima occasione persa risale al 1973, in un clima di grande tensione tra le associazioni lgbt+ e le autorità locali, che costrinse i manifestanti a recedere dal proposito e rimandare l’evento a data da destinarsi. Il secondo tentativo avvenne nel 1978, ma i malumori interni portarono gli organizzatori a optare per l’annullamento.

Fu necessario un evento drammatico come l’assassinio, ad opera di Dan White, dell’attivista del movimento di liberazione omosessuale Harvey Milk, prima persona dichiaratamente gay ad accedere alle istituzioni in USA, che riuscì a ricompattare la comunità arcobaleno. Sulla spinta di questo evento, pochi mesi più tardi si tenne una Conferenza a Philadelphia con delegati provenienti da tutto il paese, che misero nero su bianco cinque richieste che sarebbero servite da punto di partenza per la marcia: tra queste istanze figuravano la fine delle leggi antiomosessuali e una spinta per un divieto di discriminazione nel governo federale basato sull’orientamento sessuale.

La battaglia assunse una portata nazionale, e crebbe in modo esponenziale fino alla grande marcia del 14 ottobre, che raccolse circa 100.000 persone nella capitale del paese.

La National March on Washington for Lesbian and Gay Rights ebbe una notevole risonanza negli Stati Uniti, tanto che la comunità LGBT+ fu invitata a partecipare solo due giorni dopo alla conferenza del Constituent Lobbying Day: in questa occasione, vi fu un primo riconoscimento esterno nei confronti della comunità LGBT+.

Il Comitato Direttivo Nazionale della marcia prevedeva la parità di genere obbligatoria e il 25% di rappresentanza per le minoranze afrodiscendenti, e fu selezionato dai meet up in tutto il paese.

marcia gay Washington 1979
LA NATIONAL MARCH ON WASHINGTON FOR LESBIAN AND GAY RIGHTS

Dal volantinoWhy We Are Marching“, diffuso prima della marcia del 1979 su Washington:

Persone in tutta la nazione si stanno unendo per rendere la marcia su Washington per i diritti di lesbiche e gay un evento stimolante e di successo, un evento così importante che spingerà in avanti la liberazione di lesbiche e gay in un modo che non è stato fatto dai tempi dei Moti di Stonewall. La marcia su Washington segnerà un punto importante nell’evoluzione della forza lesbica e gay: l’incontro di persone e organizzazioni da tutto il paese per lavorare per la prima azione nazionale pianificata dalla comunità lesbica e gay.

Il 1979 è il decimo anniversario delle rivolte di Stonewall, la storica ribellione che ha contribuito a lanciare l’attuale ondata di liberazione di lesbiche e gay. Quale modo migliore per noi per commemorare questo anniversario che mobilitare le nostre sorelle e fratelli, così come tutti i nostri sostenitori, nella prima marcia nazionale per i diritti delle lesbiche e dei gay. La marcia sarà una celebrazione della nostra solidarietà comunitaria e un segno della nostra forza politica …

Saremo a Washginton, a costruire un ampio movimento di massa per combattere per la nostra libertà. La nostra manifestazione insisterà sulla libertà per tutte le persone gay e dovrà riflettere la rabbia e l’orgoglio della nostra comunità di fronte all’insensibilità del governo, ai discorsi doppi e all’inazione. Dovremmo marciare su Washington, non implorare il governo di concessioni simboliche, ma chiedere e lottare per la liberazione e la fine delle persecuzioni“.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

discriminazione asessuali discriminazione asessuali

L’afobia vista da un’attivista asessuale: cos’è e come si manifesta (intervista)

Human Rights

Telegram: “DeepNude” e siamo nudi con un click

Sociality

ddl zan 28 ottobre emendamenti ddl zan 28 ottobre emendamenti

Camera: il ddl Zan prosegue spedito e accoglie anche il contrasto all’abilismo

Human Rights

camilla ragazza lesbica camilla ragazza lesbica

La vicina è lesbica, l’aggrediscono e le danneggiano l’auto: lo sfogo di Camilla sui social

Human Rights

dancer in the dark vent'anni dancer in the dark vent'anni

DANCER IN THE DARK: il “musical” di Lars von Trier usciva in Italia 20 anni fa

Spettacolo

presidente conte dpcm presidente conte dpcm

DPCM 25 Ottobre 2020: Lockdown mascherato, disastro assicurato.

Legalità

ddl omofobia pregiudiziale ddl omofobia pregiudiziale

RESPINTA la pregiudiziale di costituzionalità del DDL ZAN, comincia il voto agli emendamenti

Human Rights

stormfront stormfront

Inside… The Boys, le differenze LGBT tra serie e fumetto

Sociality

Scopri i nostri social