fbpx
Connettiti con noi
ddl zan omofobia

Human Rights

Depositato il ddl Zan sull’omotransfobia, ecco il contenuto

Alessandro Zan

È stato depositato oggi presso la Commissione Giustizia il testo di Legge unificato avente ad oggetto la Legge contro l’Omotransfobia. Approderà presto in aula – presumibilmente nei prossimi giorni di luglio – per essere approvato.


Appena diffusa la notizia del suddetto deposito abbiamo, purtroppo, assistito a diverse contestazioni, perlopiù provenienti dalla CEI e dai gruppi anti-lgbt.

Il nuovo disegno di legge, in cui vengono riunificati bene cinque (5) ddl, Boldrini-Zan-Scalforotto-Perantoni e Bartolozzi, ha lo scopo di amplificare, estendendola, la normativa sulla protezione della popolazione Lgbt.

Tale scopo vuole essere raggiunto introducendo l’orientamento sessuale e l’identità di genere all’interno dei reati caratterizzati dall’odio.


Laddove approvato, il ddl consentirebbe di ottenere un’estensione della Legge Mancino che, sebbene preveda delle sanzioni ed identifichi i reati d’odio, per il tempo in cui fu emanata prevede questi reati solo connessi alla nazionalità, all’origine etnica e alla confessione religiosa dell’individuo.

Ddl Zan contro l’omotransfobia: il testo

Il disegno di legge originario è stato ampliato e, pertanto, oltre agli articoli 1 e 2, che prevedevano la modifica degli art. 604 bis cp e 604 ter cp, sono stati previsti ulteriori otto (8) articoli.

La struttura di questi articoli potrebbe risultare particolare poiché, nonostante sarebbe stato auspicabile la formulazione degli stessi con riferimento specifico a casi concreti, contengono una semplice indicazione delle modifiche che verranno apportate alle varie leggi.

Analizzando gli articoli da 1 a 5, come detto, sono elencate le modifiche che verranno apportate all’art 604 bis cp, art. 1, all’art. 604 ter cp, art. 2, al d.l n. 122/93, art. 3, all’art. 7 del DPR 115/02, art. 4, ed all’art. 90 quater cpp, art. 5.

Vale la pena fare una precisazione sull’art. 3.

In questo caso viene espressamente indicato il testo che sostituirà l’antecedente. Per chi istiga a commettere violenza o atti di provocazione alla violenza anche per motivi legati all’orientamento sessuale o all’identità di genere è prevista la reclusione da sei mesi a quattro anni, con la possibilità di accedere a pene alternative.

Ebbene, chi scrive non è assolutamente d’accordo con la previsione di poter scontare la pena tramite il ricorso ad un servizio di pubblica utilità. Un crimine d’odio, cosi debbono essere definiti quelli che si basano su una discriminazione, non può essere punito riconoscendo al colpevole la possibilità di scontare la propria pena eliminando le scritte dai muri o dalle panchine oppure facendo del volontariato.

Sarebbe stato più opportuno ipotizzare un percorso terapeutico prendendo, magari, ad esempio i centri di ascolto e di aiuto che si occupano degli uomini maltrattanti.


All’art. 6 viene confermata la previsione di istituire, in data 17 Maggio, la Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia.

Si deve, tuttavia, evidenziare la contraddizione intrinseca presente nell’articolo, sin da subito evidente laddove si confrontino i vari commi che costituiscono l’articolo.

Al I comma si prevede a chiare lettere l’intento di promuovere “la cultura del rispetto e dell’inclusione nonché di contrastare i pregiudizi, le discriminazioni e le violenze motivati dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”.

Al II comma si precisa che “ la Giornata [..omissis…] non determina riduzioni dell’orario di lavoro degli uffici pubblici né, qualora cada in un giorno feriale, costituiscono giorno di vacanza o comporta la riduzione di orario per le scuole.

Al III comma si legge “ ..[omissis]..sono organizzate cerimonie, incontri e ogni altra iniziativa utile…[omissis]…”.

Non credo che fosse necessario realizzare tre commi per esprimere un concetto, in realtà, assai semplice: sarebbe bastato dire che nel corso della giornata del 17 Maggio dovevano, o avrebbero potuto essere organizzati eventi, e non solo, finalizzati a promuovere la cultura del rispetto degli altri.

L’eccessiva prolissità rischia di essere la rappresentazione della confusione su come deve essere gestita questa giornata: si parla di un argomento estremamente delicato, ove non basta organizzare un incontro o una manifestazione ma va mutato il tessuto sociale, il modo di pensare.

In sostanza vanno abbattute le barriere.

Il mezzo per ottenere un tale risultato, in realtà, non è previsto dalla Legge che all’art. 7 si limita a prevedere “ una strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni..”.

La suddetta strategia deve essere elaborata con cadenza triennale ma manca, all’interno della Legge, qualsiasi spunto per comprendere come dovrebbe svilupparsi la strategia.

All’art. 8 si prevede di finanziare il programma per la realizzazione su tutto il territorio nazionale di centri contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere. Questi centri dovranno essere in grado di offrire un’assistenza a tutto tondo ovvero legale, sanitaria e psicologica.

Particolare menzione va alla previsione di una mediazione sociale e alla disposizione, ove necessaria, di fornire adeguate condizioni di vitto ed alloggio al soggetto bisognoso di assistenza.

Sarebbe opportuno, anche al fine di evitare scontate quanto prevedibili contestazioni, indicare cosa si intenda con la frase “ove sia necessario”.

Ottima anche la previsione dell’anonimato.

L’art. 9 prevede, sempre con cadenza triennale, che vengano svolte attività di raccolta dati a fini statistici per verificare e registrare discriminazioni e violenze.

All’art. 10 sono contenute le previsioni legate alla copertura finanziaria.

DDL Zan: un testo migliorabile

Le criticità di questa Legge sono ancora moltissime e sarebbe stato opportuno, a parere di chi scrive, essere meno fumosi sebbene rispettosi del principio di genericità.

Sarebbe stato auspicabile anche provare ad introdurre, nel testo della legge, direttive su come affrontare il tema della sessualità nelle scuole: sarebbe bastato introdurre un’ora di educazione sessuale nel corso della quale parlare ai ragazzi dei vari orientamenti sessuali.

Sarebbe stato utile, inoltre, prevedere pesanti punizioni avverso i crimi di odio e prevedere un percorso di recupero anche solo allo scopo di comprendere dove e quando intervenire per evitare il nascere, o il cristallizzarsi, della discriminazione.

Avatar
Scritto da

Non faccio l'Avvocato ma lo sono. Calabra di nascita e "fiorentina" per adozione.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

disclosure netflix recensione disclosure netflix recensione

“Disclosure”, viaggio catartico oltre gli stereotipi transgender sullo schermo (recensione)

Spettacolo

rimborsi voucher rimborsi voucher

Rimborso viaggi: cosa cambia l’intervento della Commissione Europea

Legalità

primario devo perdere tempo con questo frocio primario devo perdere tempo con questo frocio

Varese, primario offende un paziente sedato “questo fr*cio”: denunciato e sospeso

Human Rights

365 giorni recensione film 365 giorni recensione film

365 GIORNI _ Perché è un film brutto e pericoloso (recensione)

Spettacolo

polonia omofobia polonia omofobia

Polonia, Duda vuole il divieto costituzionale alle adozioni gay

Mondo

ennio morricone cinema ennio morricone cinema

Addio a Ennio Morricone. #Le5 colonne sonore che hanno fatto la storia del cinema

Spettacolo

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ _ insolazioni e risentimenti sotto l’ombrellone

Sociality

Pescara dice basta alle discriminazioni: si scende in piazza.

Human Rights

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora