fbpx
Connettiti con noi
kristen stewart

Spettacolo

Amando KRISTEN STEWART _ 3 film che non sapevi di voler vedere

Kristen Stewart (Los Angeles, 9 Aprile 1990) è un’attrice statunitense che si è fatta conoscere al grande pubblico nel ruolo di Bella Swan nella saga di TWILIGHT (2008-2012)
Ma in verità, per i più attenti e grandi divoratori di film e pop corn, la talentosa attrice si era già fatta notare nel thriller di David Fincher PANIC ROOM (2002) dove interpretava la figlia di Jodie Foster e per cui si aggiudicò una candidatura agli Young Artist Award come Miglior Attrice.


Nonostante buona parte del pubblico ancora oggi faccia fatica ad apprezzarne la versatilità e intensità della sua recitazione, la critica più volte ha evidenziato invece il contrario.

Per la sua breve partecipazione nel film INTO THE WILD di Sean Penn vince l’Orange Rising Star Award alla Migliore Stella Emergente ai BAFTA 2010. E sarà una pioggia di candidature per il suo ruolo in un film che è tra quelli che vi consiglio di recuperare…

Kristen Stewart tra gossip, passerelle e relazioni sentimentali chiacchierate si è cimentata nei ruoli più disparati, tra cinema indipendente (vedi il toccante LA SICUREZZA DEGLI OGGETTI, 2001 o CAMP X-RAY, 2014 o il sottovalutato EQUALS,2015) e grandi produzioni hollywoodiane (vedi BIANCANEVE E IL CACCIATORE, 2012 o CHARLIE’S ANGELS, 2019).

Tra i film più attesi del 2021 e per cui potrebbero arrivare nuovi riconoscimenti a questa giovane ragazza è certamente il film SPENCER per la regia di Pablo Larrain, dove Kristen Stewart vestirà i panni e i drammi interiori dell’amata Lady Diana.

Ma è tempo di scoprire i titoli che ho selezionato per voi.
Segui l’hashtag #3filmchenonsapevidivolervedere per scoprire tanti film passati in sordina o piccoli capolavori sepolti dalla polvere del tempo.

Una foto pubblicitaria per il film THE RUNAWAYS (2010) con Dakota Fanning e Kristen Stewart

Il primo titolo che vi invito a recuperare è THE RUNAWAYS (2010) per la regia di Floria Sigismondi.
Il film racconta dell’omonimo gruppo rock femminile che nacque negli anni ’70 e che nel bene e nel male segnò una tappa fondamentale nella storia della musica: la notorietà di Jett e Currie e la meteorica ascesa alla fama della band hard rock e l’ambigua presenza del loro manager Kim Fowley. Sebbene gli altri componenti del gruppo restino nell’ombra, la cinepresa sceglie di seguire le personalità certamente più interessanti e esemplificative delle due ragazze sopracitate e di come il successo e la fama possano essere mostri pronti a divorarti l’anima.
Nei panni delle due protagoniste splendono di luce propria Dakota Fanning nel ruolo di Cherie Currie, che qui semplicemente conferma il proprio talento, ma a sorprendere è la giovane Kristen Stewart che pare trovarsi a suo agio nei panni e nella grinta di Joan Jett.
Un film che non resterà certamente negli annali del cinema, ma che è una pagina della musica che i più non conoscono e che riflette sui pericoli della droga.
Curiosità: le due attrici si ritroveranno a lavorare assieme sul set della saga di Twilight.

Juliette Binoche e Kristen Stewart sul set di SILS MARIA (2014)

Nel 2014 Kristen Stewart viene scelta dal rinomato regista Olivier Assayas come coprotagonista nel film SILS MARIA, al fianco della magnetica Juliette Binoche.
Il film vede la Binoche nel ruolo di Maria Enders, celebre attrice a cui viene proposto di recitare in un remake del film che l’ha portata alla fama 20 anni prima dove interpretava Sigrid, ragazza che portava al suicidio il suo capo, Helena. Oggi però viene proposto a Maria di recitare il ruolo della protagonista più matura.
La donna partirà alla volta di Sils Maria, paesino dell’Engadina, affiancata dalla sua assistente (interpretata da Kristen Stewart).
Assayas costruisce un racconto che intriga e confonde lo spettatore, trascinato inconsapevolmente in un gioco di specchi e di vite e di ruoli che si riflettono e si sovrappongono con intelligenza e malizia e un senso di costante minaccia sottile e tagliente come un diamante.
Se la Binoche offre una delle sue migliori interpretazioni, tornando sotto una luce che pareva essersi affievolita, è la calda e silente presenza della Stewart a conferire anima e colore a un racconto che talvolta pare voglia raggelare i contorni di un cuore disperato. Non a caso Assayas vorrà nuovamente Kristen Steawart come protagonista assoluta dello splendido PERSONAL SHOPPER (2016).


Una scena romantica tratta dal film Lizzie (2018) con Kristen Stewart e Chloe Sevigny

Chiudiamo questa rassegna con un altro titolo tutto al femminile del 2018.
LIZZIE (ancora inedito in italia) segue le tragiche vicende che si abbatterono nel 1982 sulla famiglia Borden.
Siamo nel Massachusetts. Lizzie vive col padre, la matrigna e la sorella a Fall River. La ragazza, una brava e sempre magnetica Chloe Sevigny (vedi BOYS DON’T CRY, 1999) vive secondo le rigide regole del padre padrone. Tutto cambia e precipita con l’arrivo della nuova domestica, Bridget (interpretata da una sensuale Kristen Stewart). Le due ragazze instaurano da subito un’amicizia via via sempre più intima, ma la vita opprimente della povera Lizzie porterà a delle tragiche quanto irreversibili conseguenze.
Un thriller psicologico che affascina e turba allo stesso modo e che riflette sui rapporti malsani che spesso trovano radici nell’ignoranza e nei legami affettivi. Il regista Craig William Macneill sceglie di accarezzare i volti e i sentimenti delle due giovani donne in contrapposizione alle imposizioni e punizioni del padre di Lizzie. Un film non perfetto, ma da vedere.

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

Fondazione Falcone: proposta riforma ergastolo ostativo

Legalità

oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali

oroscoPERÒ_ della beatitudine e della dannazione

Sociality

Barbero e le differenze strutturali delle donne: non è “biologia”, è patriarcato.

Desdemona

LA MAFIA SPIEGATA AI BAMBINI di M. Rizzo e L. Bonaccorso (BeccoGiallo) | Recensione

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×