fbpx
Connettiti con noi
india gay marriage

Mondo

Anche l’India verso il matrimonio egualitario?

Le legali attiviste fautrici dell’abrogazione della Sezione 377 del codice penale indiano (che criminalizzava i rapporti omosessuali), fanno ora un passo in avanti per migliorare la condizione dei diritti civili in India.


Arundhati Katju e Menaka Guruswamy hanno ora deciso di spingersi ancora oltre per promuovere l’uguaglianza tra tutti i cittadini: il riconoscimento dei matrimoni LGBT.

Le due legali Arundhati Katju e Menaka Guruswamy

Verso la legalizzazione

La comunità LGBTQ in tutta la nazione ha emesso un sospiro di sollievo nel settembre del 2018, quando l’allora Giudice Capo Dipak Misra della Corte Suprema pronunciò la fatidica sentenza “I am what I am, take me as I am” (Io sono quello che sono, prendimi come sono), che eliminò dopo 155 anni la Sezione 377 del Codice Penale per rendere liberi gli atti omosessuali nel paese. Criminalizzare l’omosessualità è irrazionale e indifendibile“, aveva detto Misra, aggiungendo che la norma “era diventata un’arma per la persecuzione della comunità Lgbt“.

Gli avvocati portavoce di quella lotta, Arundhati Katju e Menaka Guruswamy, saranno ora i promotori della legalizzazione dei matrimoni LGBT in India.

Non siamo un paese che riconosce fidanzata, fidanzato o appuntamenti. Siamo un paese che santifica un solo tipo di relazione e che è il matrimonio”, ha dichiarato a Business Insider Guruswamy che, insieme alla sua partner Arundhati Katju, sta attivamente sostenendo un quadro giuridico, il “Marriage Project“, che mira a rendere legittimi costituzionalmente i matrimoni tra persone dello stesso genere.

Guruswamy afferma che gay o etero, indù o musulmano, casta superiore o casta inferiore, maschio o femmina, desiderano tutti la stessa cosa: una relazione duratura a lungo termine “riconosciuta dalla società e dalla legge“.

Per quanto riguarda il “Marriage Project”, coppie dello stesso sesso con sede nel Kerala, Sonu e Nikesh Pushkaran hanno già presentato una petizione presso l’Alta Corte del Kerala per ottenere il riconoscimento legale del loro matrimonio.

Secondo i dati raccolti dagli utenti dell’app di incontri OkCupid, che conta oltre un milione di utenti in tutto il paese, il 55% degli uomini e l’82% delle donne della comunità OkCupid ritiene che sia giunto il momento di legalizzare il matrimonio gay nel paese.


È possibile il matrimonio egualitario in India?

In India i matrimoni omosessuali non sono riconosciuti dalla legge, ma ai sensi dello Special Marriages Act del 1954 può essere registrata un’unione tra due persone maggiorenni. In gran parte dell’atto viene utilizzato un linguaggio perlopiù neutro dal punto di vista del genere, consentendo in teoria l’unione omosessuale.

Tuttavia, dopo il cambiamento di prospettiva sulla legalizzazione dell’omosessualità, la sfida è stata lanciata sull’illegalità dei “matrimoni” gay. Adesso toccherà all’alta corte definire i limiti della legge nel paese all’indomani della depenalizzazione dell’omosessualità.

Attivista lgbt in India

Il matrimonio egualitario nel mondo

Allo stato attuale sono almeno ventotto i paesi in tutto il mondo che hanno legalizzato i matrimoni tra persone dello stesso genere, e diverse democrazie hanno istituito le unioni civili.

Il 27 maggio, il Costa Rica è diventato l’ultimo paese a legalizzare i matrimoni di genere.


Fonte: Jagran

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin

IL GRANDE DITTATORE di Charlie Chaplin (1940) Un capolavoro senza tempo

Spettacolo

diritto al nome transessuali diritto al nome transessuali

Arriva anche al Liceo Scacchi di Bari la “carriera alias” per gli studenti in transizione

Human Rights

Superman è bisessuale! Il coming out annunciato

Sociality

Nozze gay reali? Si può fare. Via libera nei Paesi Bassi da Mark Rutte

Sociality

Scopri i nostri social
×