fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
argentina non binary

Human Rights

Argentina: autorizzata legalmente la prima identificazione “non binary”

Shanik Lucián Sosa Battisti viene della città di Ushuaia, in Argentina, ha 25 anni e ha compiuto un passo molto importante per la comunità non-binary dell’America Latina: è stata riconosciuta la sua identificazione come “non binario-egualitario“.


La notizia, pubblicata su “La Nacion“, risale allo scorso dicembre, ma solo negli ultimi giorni è rimbalzata sui blog d’informazione lgbt argentini. In questa battaglia lunga più di 10 anni, Shanik ha ricevuto il supporto legale dell’associazione “Red Diversa Positivo” e del collettivo “Transderechos“, che sono riusciti a ottenere una sentenza favorevole grazie ad un ricorso al Tribunale in cui, oltre a richiedere il cambio di nome, si è avanzata la richiesta di registrazione del sesso di appartenenza come “non binario / egualitario” sia nell’identificazione che nel certificato di nascita.

Sono molto felice, ringrazio il giudice per avermi concesso la libertà di essere ciò che sono. Adesso che mi sento liber*, più della felicità e della gioia non posso avere (…)” ha detto Sosa Battisti in un’intervista per il sito web argentino La Nación. “Mi ci è voluto molto tempo per scoprire come stavo e cosa fossi, e questo è un momento molto importante per la mia vita, mi sono liberato di un grosso peso“.

non binario
Shanik Lucian Sosa Battisti

Il rappresentante legale di Shanik, l’avvocato Solange Verón, ha affermato nella stessa intervista che la sentenza rompe il binarismo di genere legalmente: “Il genere binario fa parte della struttura patriarcale, binaria e ideologica, in cui si desidera interpretare il sesso come biologico. Verón chiarisce che la sentenza riguarda l’identità della persona che rappresenta, ma dal momento che la stessa protegge il suo cliente da ogni episodio di discriminazione, confida che possa essere d’esempio per i diritti all’intero collettivo transgender nella nazione. “Vorremmo che, da questa sentenza, chiunque potesse comparire nel registro civile e apportando il cambiamento che richiede“. ha concluso.

La misura giudiziaria andrà anche a beneficio del figlio di Shanik, poiché il nome di Sosa sarà rettificato sul certificato di nascita del bambino di 7 anni.

Non è ancora stato definito il modo in cui il registro civile di Ushuaia effettuerà la rettifica, perché esiste la possibilità che il registro civile faccia ricorso alla misura.

L’attuale legislazione sull’identità di genere in Argentina consente agli adulti di cambiare il nome in base alla propria identità, ma la classificazione per sesso è ancora mantenuta con l’opzione binaria maschio / femmina.

Tuttavia, l’Argentina possiede una delle legislazioni più all’avanguardia nel mondo in tema di identità di genere. Nel novembre 2018 un cittadino di Mendoza, Geronimo Carolina, ha chiesto e ottenuto che fosse eliminato dai suoi documenti e dal certificato di nascita ogni riferimento al sesso di appartenenza. Diverso il caso di Shanik Lucian Sosa Battisti, che ha differenza di Geronimo Carolina è stato legalmente riconosciuto come non-binary.


In basso è riportata la sentenza

shanik lucian sosa battisti non binary
Il testo della sentenza

fonte: seisfranjas

Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

A MODERN FAMILY (2018) A MODERN FAMILY (2018)

A MODERN FAMILY _ Due padri… all’improvviso! (recensione)

Spettacolo

MONZA: Vandalizzato il monolite contro l’omotransbifobia.

News

daltonism daltonism

I “fatti straordinari” dei daltonici: quando l’inclusione passa anche dai colori

Dr. Rainbow

legge zan omofobia testo legge zan omofobia testo

Legge Zan: e ora che succede?

Editoriale

Scopri i nostri social
×