matrimonio gay in chiesa

Vi abbiamo già parlato del binomio possibile tra chiesa e matrimonio gay (potete recuperare qui). Sono diverse, ormai, le confessioni religiose (soprattutto protestanti) che riconoscono le coppie dello stesso sesso e ne consentono addirittura il matrimonio, soprattutto nel nord Europa.

All’elenco si aggiunge oggi la chiesa nazionale protestante di un piccolo Paese che confina con l’Italia: l’Austria.

austria rainbow flag
La bandiera dell’Austia nella bandiera arcobaleno
Una decisione del sinodo

La Chiesa Luterana Austriaca, per mezzo del sinodo straordinario dei vescovi ha sancito, a larga maggioranza (45 voti su 63), la possibilità di usufruire di benedizioni e servizi religiosi da parte delle coppie dello stesso sesso, purché queste siano già sposate civilmente.

Viene quindi riconosciuta formalmente un’analogia tra le unioni omosessuali e il matrimonio eterosessuale, per quanto, si tiene a precisare in una nota, il sinodo ritenga che “il matrimonio sia un’unione tra un uomo e una donna basata sulla fedeltà“.

Un accordo fondamentale verso la parità dei diritti per le coppie dello stesso sesso” ha commentato Mons. Michael Bunker, a capo della chiesa luterana austriaca.

Bishop Michael Bünker
Mons. Michael Bünker, capo della chiesa luterana austriaca.

Tuttavia, la scelta della celebrazione del matrimonio religioso per le coppie gay sarà una prerogativa strettamente riservata al pastore, che non sarà quindi obbligato a officiare la funzione.

La Chiesa Luterana Austriaca conta circa 300.000 fedeli, pari al 5% della popolazione, a fronte di una maggioranza cristiana-cattolica pari al 65%

L’Austria, che aveva già introdotto le civil partnership dal 2010, permette il matrimonio egualitario dal 1 Gennaio 2019, a seguito della sentenza di incostituzionalità della legge anti-matrimonio gay emessa dalla Corte Costituzionale nel 2017.

fonte: rtve

, , , ,