fbpx
Connettiti con noi

Spettacolo

BLACK PANTHER (2017)

voto 7-


Il Wakanda, nazione dell’Africa centro-orientale, è in apparenza una terra priva di risorse.
In realtà è il paese più evoluto del mondo, tecnologicamente parlando, grazie alla massiccia presenza di un minerale alieno, il vibranio.
Quando T’Challa siede sul trono, divenendo la nuova Pantera Nera, vorrebbe portare avanti le tradizioni e i progetti del padre morto, ma una minaccia giunge dal passato e lo costringerà a rivedere i suoi piani e proteggere il suo popolo.

Black Panther con la sua estetica e un’imponente colonna sonora è diventato in breve tempo un successo senza precedenti, imponendosi come modello di tendenze al pari di grandi film del passato.
L’universo Marvel Studios aggiunge un eroe e una storia a sé alla già folta schiera di volti e di storie che già tutti amiamo, riportando sul grande schermo uno degli eroi “black” più amati.

Creato da Stan Lee e Jack Kirby, fece la sua prima apparizione nel 1966 nel fumetto “Fantastic Four” vol.I n°52.
Stavolta però assume un’identità molto più marcata rispetto ai suoi predecessori sul grande schermo: l’attenzione messa nella realizzazione nelle scenografie in digitale è più che lodevole così come l’accuratezza dei costumi e delle caraterizzazioni di alcuni personaggi secondari.

Il giovane regista Ryan Coogler ( vedi CREED – Nato Per Combattere, 2015 ) è chiamato a dirigere il film più politico dell’universo Marvel e lo fa con il giusto equilibrio tra serietà e intrattrenimento.
Ci aveva già provato “CAPTAIN AMERICA: The Winter Soldier” ma il film di Coogler fa un passo avanti, forse azzardato: si immerge nella realtà politica attuale sollevando questioni ancora aperte sul razzismo, la tolleranza, lo schiavismo. Certo lascia un attimo interdetti la sua posizione nei confronti del terrorismo e di governi stranieri, così come fa storcere il naso il ruolo della CIA, considerando il suo ruolo nella storia dei governi africani. Tuttavia è più che apprezzabile il tentativo del regista di affrontare tematiche scomode e solo apparentemente superate in una società – come quella americana – caratterizzata da infinite contraddizioni.

Rispetto al fumetto poi sono state apportate piccole ma importanti modifiche narrative, come ad esempio il ruolo del cattivo Ulysses Klaue ( già apparso in AVENGERS: Age of Ultron ) che ha il volto di Andy Serkis. Nel fumetto era lui ad uccidere il padre di T’Challa, accendendo nel nostro eroe il desiderio di vendetta. Nel film invece egli viene ridotto a personaggio secondario perché si pongano le basi narrative che esaltino la figura di Erik Killmonger ( il bellissimo Michael B. Jordan ).
Così come cambia il nome del primo amore di T’Challa per questione di diritti: non è Ororo Munroe, alias Tempesta degli X-Men.
Ma al di là di questo il film rispetta e esalta l’anima del fumetto, grazie anche alla spledida fotografia di Rachel Morrison che dona colore e forza e diginità al continenete africano.

A fianco del protagonista Chadwick Boseman ( che non eccelle per intensità recitative) a brillare sono però i personaggi femminili che risultano essere anche i più “cazzuti”: dalla madre di T’Challa, Ramonda ( una sempre gloriosa Angela Bassett ) alla sorellina e principessa super nerd Shuri che ha il volto di Letitia Wright; dalla bella Nakia, primo amore e guardia del corpo di T’Challa (la bravissima Lupita Nyong’o) fino alla tosta Okoye, capo delle Dora Milaje, interpretata da Danai Gurira ( celebre per il suo ruolo nella serie THE WALKING DEAD ).
Sono loro a dare maggiore spessore e pathos alle tante scene di azione e di combattimento che peccano di un’estetica troppo vicina ai videogiochi.

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

orso d'argento migliore interpretazione berlino orso d'argento migliore interpretazione berlino

Festival di Berlino, aboliti i generi per la “migliore interpretazione”

Spettacolo

malick recensione a hidden life malick recensione a hidden life

A HIDDEN LIFE: Il grande ritorno di Terrence Malick (recensione)

Spettacolo

lucia bosè lucia bosè

Morta Lucia Bosé per Coronavirus, era un’icona del cinema

Spettacolo

home video home video

#GuardoUnFilmACasa: i consigli della redazione di BL Magazine

Spettacolo

PARASITE di Bong Joon-ho PARASITE di Bong Joon-ho

Speciale CINEMA 2019 _ Il meglio e il peggio dell’anno appena trascorso

Spettacolo

“Volevo essere la tua ragazza” di Meredith Russo (Newton Compton) Recensione #BLlibri

Storie e Culture

PARASITE di Bong Joon-ho PARASITE di Bong Joon-ho

PARASITE _ La povertà è un odore che non va più via (recensione)

Spettacolo

e ora parliamo di kevin e ora parliamo di kevin

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN _ Crescere e amare il male (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora