fbpx
Connettiti con noi

Legalità

Chat Omegle: Anonimato privacy o pericolo?

A cura di Sara Astorino


Quando per la prima volta mi hanno parlato di Omegle non avevo idea di cosa fosse.

Successivamente, nel seguire un caso, ho scoperto che era una chat utilizzata da tanti ragazzini.

Il campanello di allarme è suonato quando ho capito che era completamente anonima.

Omegle come funziona?

Partiamo col dire che l’uso della chat sarebbe riservata agli utenti dai 14 anni in su.

A differenza di tutti gli altri sistemi di messaggistica non è richiesto un account nè una registrazione.

Questa mancanza garantisce l’anonimato.


Per tale ragione le chat avvengono del tutto casualmente poichè chi utilizza il servizio non conosce il soggetto con cui parla.

Si tratta di un appaiamento del tutto casuale.

Nel corso della chay, quindi, ci sarà uno You che chatta con uno strangers.

In pochissimo tempo, tra i giovanissimi, si sono diffuse espressioni come “Talk to strangers!” e messaggi automatici come “Stranger has disconnected” (Lo sconosciuto si è disconnesso).


Foto tratta dal sito: https://www.internetmatters.org/it/hub/news-blogs/what-is-omegle-what-parents-need-to-know/

Spy Mode

Esiste, inoltre, una funzione / modalità definita “Spy Mode” (Modalità Spia), che collega tre estranei.

Come funziona?

Uno dei partecipanti formula una domanda e gli altri due discutono sull’argomento.

Come vengono creati gli abbinamenti?

Tramite Facebook Connect.

Utilizzando la predetta risorsa sarà possibile trovare ed incontrare estranei con gli stessi interessi.

Le compatibilità verranno individuate sulla base dei “mi piace” utilizzati su Facebook.

Immagine tratta dal sito: https://www.bolisedizioni.it/it/be_news/seguici-su-facebook

Cautele applicate dalla chat.

La garanzia dell’anonimato contrasta con le esigenze di tutela per tale ragione Omegle ha delle regole bene precise.

La prima è che i minori di 13 anni non possono usare la chat.

La seconda i minori di 18 anni dovrebbero essere accompagnati.

Gli indirizzi IP vengono memorizzati e tenuti in memoria sino a 120 giorni.

Esiste poi un filtro per impedire la pubblicazione di nudi.

Queste tutele bastano per tutelare l’utente?

La risposta è no.

Fornendo indicazioni false sul proprio conto si commette reato di sostituzione di persona.

Altro possibile reato è quello di adescamento di minori.

Basterebbe, non potendo avere informazioni precise, chattando con un minore di 16 anni, compeire qualsiasi atto idoneo a carpirne la fiducia mediante lusinghe, artifici o minacce.

Ed ancora se la chat, per un qualsiasi motivo divenisse aggressiva si può commettere il reato di minacce

La cosa più pericolosa è la versione video di Omegle.

Laddove venissero compiuti gesti più o meno espliciti si potrebbero verificare due orribili scenari.

Il primo è quello del ricatto, il secondo è quello della diffusione non autorizzata dei video compromettenti.

Scritto da

Non faccio l'Avvocato ma lo sono. Calabra di nascita e "fiorentina" per adozione.

Mostra i commenti

Articoli simili

L’omosessualità nel Codice penale preunitario e postunitario italiano

Storie e Culture

spot televisivi coming out spot televisivi coming out

#Le5 pubblicità sul Coming Out (Coming Out Day)

Sociality

francesco d'assisi di Borbone francesco d'assisi di Borbone

La storia di Francesco d’Assisi di Borbone, il misterioso Re consorte a cui piacevano i merletti

Storie e Culture

Zannoni (con la sua faina) vince il 60° Premio Campiello

News

Scopri i nostri social
×