fbpx
Connettiti con noi

Spettacolo

CHIAMAMI COL TUO NOME (2017)

Voto 9


Siamo nell’afosa estate del 1983 quando il giovane ventiquatrenne Oliver, statunitense, giunge in Italia per il suo dottorato, ospitato dal signor Perlman, docente universitario.
Il ragazzo americano verrà accolto con curiosità e piacere da tutta la famiglia.
Soltanto il diciasettenne Elio, figlio del professore, pare restare sì affascinato ma in principio quasi ostile. In realtà la sua è soltanto una forma di difesa e col passare dei giorni le diffidenze iniziali muteranno per liberarsi e rivelarsi.

Luca Guadagnino, qui alla sua quinta regia dopo le ottime critiche ottenute per le sue due opere precedenti “IO SONO L’AMORE” (2009) e “A BIGGER SPLASH” (2015), torna a indagare sulle irragionevolezze del cuore.
Guardando ai grandi classici e ai maestri del cinema del passato, egli ci riporta una sua linea stilistica ormai consolidata, costruendo un film quasi perfetto meritatamente candidato a Miglior Film per i prossimi premi oscar 2018.

Affidandosi all’esperienza e all’eleganza formale di James Ivory ( regista per altro di titoli come “CAMERA CON VISTA”, 1985; “CASA HOWARD”, 1991; “QUEL CHE RESTA DEL GIORNO”, 1993 ) che qui firma la splendida sceneggiatura tratta dall’omonimo romanzo di André Aciman ; Guadagnino ci riporta all’età della giovinezza e della scoperta del sé.
Tra paradisiache e rigosliose campagne lombarde, in prossimità e dentro le piscine e i laghi, che raffreddano e temperano i desideri cocenti sulla pelle scottata dal sole; nelle tante stanze di una villa d’epoca; i due ragazzi si studiano, si osservano, si cercano per poi allontanarsi, si sfiorano con imbarazzo; uno guarda l’altro con gelosia mentre danza con una ragazza; uno ascolta incantato l’altro suonare un pezzo di Bach al pianoforte. Nei giorni che si inseguono e corrono ora lenti e ora veloci, i due ragazzi si comprendono, si riconoscono come animi affini, seppure provenienti da realtà così distanti tra loro; sono come calamite, come forme che vanno a scontrarsi per sciogliersi e contaminarsi, unendosi e mischiandosi, per sempre.

I moti dell’animo, le inquietudini, le volontà e le mollezze del cuore espresse e non, sono sottolineate e sublimate da una colonna sonora incantevole che accarezza e impreziosisce ogni scena, innalzando ogni fotogramma a qualcosa di ideale e di perfetto, che fa bene all’anima. Tra brani di Loredana Berté e Marco Armani e Franco Battiato che ci riportano alla nostra vecchia Italia, ecco spuntano le musiche e la voce evocativa di Sufjan Stevens (candidato il suo brano “Mistery Of Love” a Miglior Canzone) che chiude anche il film con la malinconica “Visions Of Gideon”.

E a dar corpo e anima a questo sentimento che via via prende coscienza e che dagli abissi dell’inconscio viene a svelarsi come un bronzo rinvenuto nelle profondità del mare (una delle scene più evocative del film) , ecco spiccare la distratta bellezza e lo sguardo sfuggente del bravo Armie Hammer ( vedi anche “THE SOCIAL NETWORK”, 2010 e “J. EDGAR”, 2011 ).

Ma è sopratutto la prova attoriale del giovanissimo Timothée Chalamet a soprendere e a restituire buona parte della poesia del libro. Giustamente candidato all’oscar come Miglior Attore Protagonista, Timothée è un corpo che sa parlare, ha la sfrontatezza e tutta l’irrequieta incostanza della sua età, è sempre vero in ogni capriccio o incertezza; illumina le inquadrature con la sua energia e ci spezza il cuore quando a stento trattiene le lacrime o si lascia prendere dal pianto ( il lungo primo piano dei titoli di coda ). Bravissimo.

Un film davvero intenso e grande come è l’amore, che pur sottraendosi ad alcuni passaggi del romanzo, ne rispetta l’anima più profonda, colpendo lo spettatore dritto al cuore.
Superlative le intepretazioni e la tensione narrativa in due scene in particolare: quella della pesca che diviene quasi simbolo del frutto del peccato originale e quella del confronto tra padre e figlio.
DA VEDERE!

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

orso d'argento migliore interpretazione berlino orso d'argento migliore interpretazione berlino

Festival di Berlino, aboliti i generi per la “migliore interpretazione”

Spettacolo

malick recensione a hidden life malick recensione a hidden life

A HIDDEN LIFE: Il grande ritorno di Terrence Malick (recensione)

Spettacolo

lucia bosè lucia bosè

Morta Lucia Bosé per Coronavirus, era un’icona del cinema

Spettacolo

home video home video

#GuardoUnFilmACasa: i consigli della redazione di BL Magazine

Spettacolo

PARASITE di Bong Joon-ho PARASITE di Bong Joon-ho

Speciale CINEMA 2019 _ Il meglio e il peggio dell’anno appena trascorso

Spettacolo

“Volevo essere la tua ragazza” di Meredith Russo (Newton Compton) Recensione #BLlibri

Storie e Culture

PARASITE di Bong Joon-ho PARASITE di Bong Joon-ho

PARASITE _ La povertà è un odore che non va più via (recensione)

Spettacolo

e ora parliamo di kevin e ora parliamo di kevin

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN _ Crescere e amare il male (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora