Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
sciami locuste

Mondo

Come l’Africa sta attraversando la più violenta invasione di locuste degli ultimi decenni

foto: La Repubblica

Vasti sciami di locuste del deserto stanno lacerando il Corno d’Africa e l’Asia meridionale, divorando raccolti e minacciando i rifornimenti di cibo e mezzi di sussistenza. Si tratta della peggiore infestazione in un quarto di secolo. 


Ma come si è arrivati a questo?

Una locusta del deserto come questa – un tipo di cavalletta – di solito ama vivere una vita timida e solitaria. Si sviluppa da un uovo in una giovane locusta – nota come tramoggia – e poi in un adulto volante. È un’esistenza semplice, anche se insignificante (BBC).

Ma ogni tanto le locuste del deserto subiscono una trasformazione in stile Dr. Jekyll e Mr Hyde

Quando si raggruppano, ad esempio in aree dove la  vegetazione verde sta diminuendo, smettono di essere creature solitarie e diventano mini-bestie “gregarie”. In questa nuova fase socievole, gli insetti cambiano colore e formano gruppi che possono svilupparsi in enormi sciami volanti di famelici parassiti.

Tali sciami di locuste possono essere enormi. Arrivano a contenere fino a 10 miliardi di esemplari e si estendono per centinaia di chilometri. Possono coprire fino a 200 km in un giorno, devastando i mezzi di sussistenza rurali nella loro implacabile spinta a mangiare e riprodursi.

invasione locuste africa
Invasione di locuste

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), anche uno sciame medio può distruggere le colture sufficienti per nutrire 2.500 persone per un anno. L’ultima grande impennata nell’Africa occidentale nel 2003/2005 è costata 2,5 miliardi di dollari in perdite di raccolto, secondo le Nazioni Unite.

Si tratta di un fenomeno ciclico: negli anni ’30, ’40 e ’50  ci furono grandi e dannose invasioni, estese anche su più regioni, tanto da  essere dichiarate “pestilenze“.

Nel complesso, la FAO stima che la locusta del deserto influisca sul sostentamento di una persona su 10 sul pianeta, rendendolo il parassita migratore più pericoloso del mondo.

I peggiori sciami di locuste del deserto degli ultimi decenni stanno ora decimando raccolti e pascoli attraverso il Corno d’Africa – un’area che copre Gibuti, Eritrea, Etiopia e Somalia – e oltre, minacciando la sicurezza alimentare dell’intera macroregione.

Source: BBC

La direzione dello sciame di locuste

I famelici insetti si stanno attualmente diffondendo in Kenya dopo aver provocato il caos in Somalia ed Etiopia. È la peggiore infestazione in Kenya da 70 anni e la peggiore in Somalia ed Etiopia da 25.

La Somalia ha dichiarato un’emergenza nazionale in risposta alla crisi. È il secondo paese a farlo dopo il Pakistan, dove gli insetti hanno devastato cotone, grano, mais e altre colture nelle aree orientali.


Source: BBC

Ma è il Corno d’Africa a destare maggiore preoccupazione, afferma la FAO, con le locuste che crescono così in fretta che i numeri potrebbero crescere di 500 volte, entro giugno.

Alcuni sciami hanno attraversato domenica il confine con l’Uganda, e la FAO ha avvertito che l’aumento potrebbe diventare una piaga regionale se non affrontata. Alla fine di dicembre, i parassiti avevano già distrutto oltre 175.000 acri di terreni agricoli in Somalia ed Etiopia.

Mangiano 1,8 milioni di tonnellate di vegetazione al giorno su 350 chilometri quadrati, afferma la FAO.

L’organizzazione ritiene che uno sciame in Kenya abbia coperto un’area di 40 km per 60 km.

Quanto può consumare una locusta?

Una locusta del deserto adulta può mangiare ogni giorno il proprio peso in cibo – circa 2g. Un chilometro quadrato di locuste può ingerire l’equivalente degli alimenti per 35mila persone

Source:BBC

Le autorità della regione ora temono che la crisi delle locuste possa portare a un calo della produzione agricola, minacciando ulteriormente i rifornimenti di cibo in un’area già soggetta agli effetti di inondazioni e siccità. Più di 20 milioni di persone nella regione potrebbero essere colpite, afferma l’ONU.

Siamo molto preoccupati per il Kenya e l’Etiopia perché queste sono le due aree che hanno sciami molto grandi“, afferma Keith Cressman, responsabile delle previsioni delle locuste della FAO. “Inoltre, in Etiopia c’è una riproduzione in corso, quindi le locuste aumenteranno di numero“.

Il clima estremo ha alimentato la crisi

Le cause dell’attuale infestazione risalgono ai cicloni e alle forti piogge del 2018-19. Le locuste del deserto vivono in genere nelle zone aride di circa 30 paesi tra Africa occidentale e India, una regione di circa 16 milioni di kmq, ma le condizioni umide e favorevoli di due anni fa nella penisola arabica meridionale hanno permesso a tre generazioni di locuste di prosperare inosservate.

All’inizio del 2019, i primi sciami si sono diretti verso Yemen, Arabia Saudita e Iran, riproducendosi ulteriormente prima di trasferirsi in Africa orientale, e in seguito si sono formati altri sciami che alla fine dell’anno scorso si erano sviluppati in Eritrea, Gibuti e Kenya.

Gli sciami si stanno anche sviluppando lungo entrambe le sponde del Mar Rosso, colpendo l’Egitto, il Sudan, l’Arabia Saudita e lo Yemen e lungo il confine India-Pakistan – una situazione che le Nazioni Unite hanno definito “estremamente allarmante“.

Anche se tali infestazioni sono notoriamente difficili da combattere a causa dell’ampia area geografica interessata, un portavoce della FAO, Keith Cressman (Senior Locust Forecasting Officer) ritiene che si sarebbe potuto fare di più prima per affrontare questa particolare insorgenza di locust, affermando che “Se in alcuni dei paesi chiave fossero stati compiuti sforzi di controllo maggiori e di maggior successo, ciò avrebbe potuto ridurre al minimo la situazione“.

Con gli sciami di locuste nel Corno d’Africa, adesso senza precedenti in termini di dimensioni e potenziale distruttivo, i paesi si stanno organizzando per affrontarli.

Source: FAO

Le operazioni di contenimento delle locuste

Il contenimento dell’epidemia dipende da due fattori principali: il monitoraggio e il controllo efficace.

Il servizio di informazioni sulle locuste del deserto, gestito dalla FAO, fornisce previsioni, allerta precoce e avvisi su tempi, dimensioni e ubicazione delle invasioni e della riproduzione. Tuttavia, una volta che le popolazioni raggiungono livelli critici, come nel Corno d’Africa, è necessario intervenire con urgenza per ridurre le popolazioni di locuste e prevenire la formazione e la diffusione di più sciami.

Sempre Cressman afferma:  “Dato che le popolazioni di locuste sono ora  principalmente costituite in sciami di insetti maturi, sarebbe ideale colpirle duramente con gli aerei, in modo da poter ridurre il numero che potrebbe maturare e deporre le uova“.

Sebbene siano in corso ricerche su soluzioni più rispettose dell’ambiente, come i pesticidi biologici o l’introduzione di predatori naturali, il metodo di controllo più comunemente usato è lo spray antiparassitario.

Inondati dai parassiti tramite pompe manuali, veicoli terrestri o aerei, interi sciami possono essere colpiti e uccisi con sostanze chimiche in un periodo di tempo relativamente breve, ma la grande sfida è il controllo di popolazioni su aree remote e molto ampie, come alcune zone del Kenya.

Inoltre, è particolarmente difficile in paesi e regioni che non hanno avuto a che fare con locuste per decenni, poiché non vi sono infrastrutture in atto e nessuna memoria collettiva.

Le azioni intraprese in Somalia, Etiopia e Kenya – così come in Pakistan – determineranno cosa succederà dopo. Le Nazioni Unite affermano che le operazioni di irrorazione aerea e terrestre nella regione sono attualmente “insufficienti” e hanno fatto appello a donatori internazionali per 70 milioni di dollari in aiuti di emergenza per aiutare ad affrontare la crisi.

Choosy Kris
Scritto da

Mi piace chi sceglie con cura le parole da non dire. Ligure esportato al sud in bilico tra filantropia e misantropia

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

stanchezza da pandemia stanchezza da pandemia

L’OMS allerta: siamo in “pandemic fatigue”. Come combattere lo stress da Covid prolungato?

Dr. Rainbow

PALM SPRINGS (2020) PALM SPRINGS (2020)

PALM SPRINGS _ La trappola che ci siamo meritati (recensione)

Spettacolo

discriminazione asessuali discriminazione asessuali

L’afobia vista da un’attivista asessuale: cos’è e come si manifesta (intervista)

Human Rights

Telegram: “DeepNude” e siamo nudi con un click

Sociality

ddl zan 28 ottobre emendamenti ddl zan 28 ottobre emendamenti

Camera: il ddl Zan prosegue spedito e accoglie anche il contrasto all’abilismo

Human Rights

camilla ragazza lesbica camilla ragazza lesbica

La vicina è lesbica, l’aggrediscono e le danneggiano l’auto: lo sfogo di Camilla sui social

Human Rights

dancer in the dark vent'anni dancer in the dark vent'anni

DANCER IN THE DARK: il “musical” di Lars von Trier usciva in Italia 20 anni fa

Spettacolo

presidente conte dpcm presidente conte dpcm

DPCM 25 Ottobre 2020: Lockdown mascherato, disastro assicurato.

Legalità

Scopri i nostri social