fbpx
Connettiti con noi

Human Rights

Coppia di donne tormentata a Ravenna dalla vicina: “Brutte lesbiche, fate schifo”

È finita a processo per stalking la donna 55enne che, a Ravenna, ha tormentato per anni le due vicine di casa, abitanti dello stesso condominio, perché lesbiche e unite civilmente.

La stalker avrebbe perpetrato nel tempo insulti, vessazioni e turbative alla quiete delle due donne fomentata dalla sua intolleranza verso l’orientamento sessuale delle sue vicine di casa.

Parole feroci come “Brutte lesbiche, fate schifo“, rumori, dispetti a tutte le ore del giorno, minacce, tutte azioni che avrebbero condotto le due vittime ad un crescendo di esasperazione, portando addirittura una delle due a pensieri suicidi.

La vicina, finalmente denunciata, è comparsa davanti al giudice per l’udienza preliminare Corrado Schiaretti, che tuttavia ha concesso tempo per concordare un risarcimento alla parte offesa e chiudere la faccenda in sede extragiudiziale.  

ocse transessualità

Arcigay Ravenna: “Notizie a cadenza giornaliera, presto una legge che criminalizzi l’omofobia”

Il Presidente di Arcigay Ravenna Ciro Di Maio ha commentato la vicenda, dichiarandosi pronto a costituire l’associazione come parte civile del processo nell’eventuale fase del giudizio in tribunale.

Un attacco ad una famiglia è un attacco alle famiglie tutte. Anche quelle formate da due donne. Ennesimo attacco omofobo a Ravenna, questa volta ai danni di due donne sposate.

E continuando: “Tanta è la rabbia nel sapere che ancora si discuta della necessità di una legge nazionale che criminalizzi l’omofobia quando le cronache sono popolate da tali notizie con cadenza pressoché giornaliera. Tanta è la solidarietà che la comunità LGBT+ esprime a questa famiglia. Come Arcigay Ravenna ricordiamo alle vittime di questi vili comportamenti perpetrati nei loro confronti che le nostre volontarie ed i nostri volontari sono disponibili per ogni necessità. Nel caso in cui si dovesse arrivare ad una fase giurisdizionale Arcigay Ravenna si costituirà parte civile e si tiene a ricordare che con la recente legge regionale contro l’omofobia anche la Regione Emilia Romagna potrebbe valutare di procedere in tal senso.

Fonte: RavennaToday, Corriere di Romagna

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Amo il mare azzurro, i violini nei film di François Truffaut e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo di diritti umani, cultura e spettacolo.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

“Le Favolette di Alice” di GIANNI RODARI. 100anniRODARI. Recensione.

Storie e Culture

IL TRADITORE di Bellocchio e l esue 18 candidature ai David Di Donatello 2020 IL TRADITORE di Bellocchio e l esue 18 candidature ai David Di Donatello 2020

DAVID DI DONATELLO 2020 _ Il Traditore, Il Primo Re e Pinocchio i favoriti

Spettacolo

omosessualità in uzbekistan omosessualità in uzbekistan

Uzbekistan, dove la società incoraggia la violenza omofobica e la politica la ignora

Mondo

Perché il capezzolo femminile è censurato ma quello maschile no?

Desdemona

tutti gli uomini sono porci tutti gli uomini sono porci

“All men are pigs”, tutto sulla nuova piccante demo rilasciata dalla Kaimaki Games

Sociality

riforma bonafede riforma bonafede

Riforma Bonafede della prescrizione: perché gli Avvocati si oppongono? Le ragioni del sì e del no.

Human Rights

memorie di un assassino di Bong Joon-ho memorie di un assassino di Bong Joon-ho

MEMORIE DI UN ASSASSINO _ Siamo Tutti Colpevoli! (recensione)

Spettacolo

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ e gli strascichi dell’amore peloso post San Valentino (VM18)

Sociality

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli