fbpx
Connettiti con noi

Human Rights

Coppia di donne tormentata a Ravenna dalla vicina: “Brutte lesbiche, fate schifo”

È finita a processo per stalking la donna 55enne che, a Ravenna, ha tormentato per anni le due vicine di casa, abitanti dello stesso condominio, perché lesbiche e unite civilmente.


La stalker avrebbe perpetrato nel tempo insulti, vessazioni e turbative alla quiete delle due donne fomentata dalla sua intolleranza verso l’orientamento sessuale delle sue vicine di casa.

Parole feroci come “Brutte lesbiche, fate schifo“, rumori, dispetti a tutte le ore del giorno, minacce, tutte azioni che avrebbero condotto le due vittime ad un crescendo di esasperazione, portando addirittura una delle due a pensieri suicidi.

La vicina, finalmente denunciata, è comparsa davanti al giudice per l’udienza preliminare Corrado Schiaretti, che tuttavia ha concesso tempo per concordare un risarcimento alla parte offesa e chiudere la faccenda in sede extragiudiziale.  

ocse transessualità

Arcigay Ravenna: “Notizie a cadenza giornaliera, presto una legge che criminalizzi l’omofobia”

Il Presidente di Arcigay Ravenna Ciro Di Maio ha commentato la vicenda, dichiarandosi pronto a costituire l’associazione come parte civile del processo nell’eventuale fase del giudizio in tribunale.

Un attacco ad una famiglia è un attacco alle famiglie tutte. Anche quelle formate da due donne. Ennesimo attacco omofobo a Ravenna, questa volta ai danni di due donne sposate.

E continuando: “Tanta è la rabbia nel sapere che ancora si discuta della necessità di una legge nazionale che criminalizzi l’omofobia quando le cronache sono popolate da tali notizie con cadenza pressoché giornaliera. Tanta è la solidarietà che la comunità LGBT+ esprime a questa famiglia. Come Arcigay Ravenna ricordiamo alle vittime di questi vili comportamenti perpetrati nei loro confronti che le nostre volontarie ed i nostri volontari sono disponibili per ogni necessità. Nel caso in cui si dovesse arrivare ad una fase giurisdizionale Arcigay Ravenna si costituirà parte civile e si tiene a ricordare che con la recente legge regionale contro l’omofobia anche la Regione Emilia Romagna potrebbe valutare di procedere in tal senso.

Fonte: RavennaToday, Corriere di Romagna

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scioglimento unioni civili Scioglimento unioni civili

Unioni civili: la fine di un rapporto sotto il profilo giuridico.

Legalità

Giornata dell’orgoglio Bisessuale: né diversamente etero, né diversamente omo

Dr. Rainbow

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora