fbpx
Connettiti con noi

Editoriale

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 24)

Da quando è partita l’emergenza coronavirus abbiamo assistito alle più becere forme di sottomissione della popolazione. Le doverose misure di contenimento dei contagi spesso e volentieri sono sfociate in vere e proprie sopraffazioni istituzionali.


In tutte le nazioni qualcosa è cambiato inesorabilmente giorno dopo giorno.

A Minneapolis, negli Stati Uniti, la polizia ha fermato, per motivi ancora da chiarire, un uomo di nome George Floyd, afroamericano. E’ stato immobilizzato da quattro agenti.

Uno di questi lo ha bloccato a terra con il ginocchio sul collo. I passanti hanno iniziato a filmare e fare dirette sui social network su quello che stava accadendo.

L’uomo supplicava il poliziotto di lasciarlo respirare.

“I can’t breathe…”

Le persone lì presenti protestano ed assistano alla perdita degli umori di Floyd. Impassibili i poliziotti.

L’uomo muore in diretta facebook.

A meno di ventiquattro ore nella Mill City si sono scatenate numerosissime proteste dei cittadini.

La polizia non riesce a contenere le manifestazioni spontanee di protesta.

Attualmente i poliziotti non sono stati incriminati di nulla ma sono stati licenziati.

L’America non è nuova a questo tipo di aggressioni razziste.


In passato anche la comunità italiana fu bersaglio di poliziotti conservatori. Lo stesso accadde con gli ispanici e, gli afroamericani, dal 1700, continuano a vivere con la consapevolezza di essere odiati da qualcuno nella loro nazione solo per il colore della loro pelle.

Il Presidente Trump non ha dichiarato nulla. Anzi, ha inscenato un teatrino discutibilissimo con i vertici di Tweeter. Non solo si è limitato a bacchettare il colosso Social di San Francisco, ma , a reti unificate, ha dichiarato di voler chiudere i social network millantando poca par condicio dei social nei confronti dei conservatori.

Le cose sembrano non aver alcun nesso. Invece la medioevale dialettica del Tycoon è lineare.

Attualmente una delle città più popolose d’America, Minneapolis, sta vivendo scontri tra civili e polizia a causa dell’omicidio in diretta social di George Floyd. L’attenzione mediatica non poteva essere incentrata su questo enorme problema. Donald Trump non può in questo momento fare alcuna dichiarazione per non inimicarsi la parte razzista del suo elettorato. A novembre ci saranno le elezioni.

In realtà Trump si sta mostrando per quello che è: un antidemocratico incapace di guidare la più grande democrazia del mondo che ha mostrato, ancora una volta, la falsità in cui è avvolta quella nazione.

Solo ieri il Presidente Americano voleva dare lezioni di democrazia alla Cina sulla questione Hong Kong. Il bue che dice cornuto all’asino.

Questa epoca puzza di marcio. Occorre immediatamente una svolta epocale.

Il tramonto del capitalismo è stato accelerato dalla pandemia.

Sarà compito delle donne e degli uomini contemporanei cercare una soluzione comune. Il malcontento planetario è solo il primo sintomo di una nuova era. Auspicabilmente non esplosiva.

Ora però torno ad informarmi sul web di fatti nazionali: Sandra Milo si è incatenata davanti palazzo Chigi.

Avatar

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora