fbpx
Connettiti con noi

Editoriale

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in quarantena – Giorno 31-

Trentunesimo giorno di reclusione: Dantedì…


Nel mezzo del cammin di nostra vita,

mi ritrovai in una quarantena inaudita,

in terra Longobarda era sancita

questa perenne pena stordita.


Tra quattro mura iniziò il mio viaggio

di mental sogno, oppure miraggio.

Non feci in tempo a cominciarlo

che un drin di troppo interruppe il passaggio.


Cosa Fai a Milano, vieni indietro!

In Abruzzo torna!” mi disse Pietro.

“Non posso scampar a questa sorte

potrei portar il bacillo alle vostre porte!”


Convinto nell'affrontar questa avventura

proseguii il viaggio senza paura.

Triste fu il cominciare che m'apparve un duca

che col sorriso volea darsi alla fuga!


“Son Silvio, mio caro, cosa ci fai in queste lande

vieni a Nizza e con le mie care, senza mutande!”

“Presidente non son così tanto sciagurato

io sono il maestro Oscar Innaurato.


Proseguir il viaggio mi conviene

ed affrontar le casalinghe pene,

non mi par vero che voi fuggite come un friguello!"

Che dite, io tutelo solo il mio uccello!”


Fu così che il duca si mostrò bestia

e mi lasciò solo alle mie gesta.

In poco tempo mi raggiunse

un cinese con aria mesta.


Chi tu sei avventore mandorlato?

Tai chi quan Wuhan liù lato!

Non capisco nulla orientale amico,

non fa nulla vieni con me che ti dico.


Poco dopo si vide lo Stige,

attraccata una navicella che portava all'Ade.

Presi subito le mie d'or monete

per porgerle alla traghettatrice Carola Rakete.


Il viaggio in nave era lungo ed infame,

a bordo c'ero io, il cinese e la fame

di mille uomini e di donne

in cerca d'una vita solenne.


Sceso dalla chiglia sequestrata

misi piede nella terra dannata!

Inconsapevole del viaggio appena preso

ero sicuro di non uscirne illeso.


Lasciate ogni speranza o voi che entrate!

C'era scritto sulla soglia di quel posto

a forma di casa mia con le grate

e una autocertificazione senza costo.


Il cinese si mise la mascherina

me ne porse una che era fina fina.

Non lespilal da alcuna animella

il lespiro ti blucelà come fiammella!"


E giungemmo al primo girone dei dannati

quelli che non sapevan d'esser malati

che spargevano sputazzi a menadito

untori inconsapevoli e senza prurito.


Vidi Zingaretti con lo spritz in mano

Brindiamo alla nostra sorte non c'è paura

non dobbiamo limitarci ad andare piano

del naviglio solo l'acqua è oscura.”


In men che non si dica

arrivò un diavolo all'antica

che ficcò in gola il tampone

e gli lavò le mani col sapone.


Inorridito dalla fellatio estrema

me ne andai da quel loco con tanta lena.

Il cinese correva più veloce:

al suono di una gran voce.


Da sopra una rupe in streaming bel bello

apparve Conte con le paure di un vitello.

A casa tutti voi dovete stare

se il corona si vuole arrestare!


Sentitosi in causa chiamato,

il Fabrizio urlò come defenestrato.

In carcere io già ci sono da tempo,

dovete liberarmi in un lampo!


Io ed il cinese tremolanti,

assistemmo alla fuga dei dei carcerati,

sopra i tetti come irosi fanti

Libertà!” gridavano tutti urlanti.


Precedemmo la disceva nell'Avello

cercando un loco sicuro o un ombrello.

Piovevan sudici salive al centro del mese bisestile.

C'era il mostro urlante di Ferrara,l'ostile.


Tutti aven paura del cane rabbioso,

riconobbi il volto di Vittorio Sgarbi,

urlante di rabbia assai petoso

a suon di grida donava la vista agli orbi.


Precedetti dritto il cammino

in un girone assai vorticoso.

Migliaia di anime correnti

sparate a vista dal vicino uggioso.


Caro cinese, ma quando finirà?

Ed il mandorlato con un ghigno disse

Non c'è nessuno che lo sapLà

se questo male nel mondo si diffondelà!”


Lesti lesti con molto coraggio

giungemmo alla pisana galera.

Una stanza piena d'uno strano equipaggio

c'era Salvini, la Gelmini e Giorgia la Nera.


Poscia più chel'dolor potè il sondaggio!”

il nordico Matteo disse sofferente

sprofondando come fonde il formaggio

in una galera con tweeter dormiente.


Son furioso come una biscia!

continuò Matteone stonato

Finalmente lo vediamo che stLiscia!

ridacchio il cinese annoiato.


Poi superammo il girone dei Tg

e dei programmi d'approfondimento

che fomentavano il mal contento.

Stufo da quelle storie invocai Luigi...


Alla fine raggiunsi il centro dell'Inferno

Con al centro De Luca festante con la frusta

ritto e agghiacciante come un perno

che malmenava laureati con andatura composta.


Io ed il cinese fuggimmo per non prender sberle

ed uscimmo a riveder le stelle!

Avatar

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in quarantena -Giorno 45-

Editoriale

Una Favola al Telefono con… ALBERTO PISTILLO

Storie e Culture

gestire figli autistici coronavirus gestire figli autistici coronavirus

COVID-19: come gestire le persone con disturbo dello spettro autistico?

Dr. Rainbow

diritto visita tutela salute figlio diritto visita tutela salute figlio

Diritto di visita del genitore e tutela della salute del bambino

Human Rights

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in quarantena -Giorno 44-

Editoriale

Perù transgender tortura Perù transgender tortura

Il Perù condannato per la tortura di una donna transgender

Human Rights

Una Favola al Telefono con… ITALO SANNA

Storie e Culture

LILLI E IL VAGABONDO (2020) su Disney + LILLI E IL VAGABONDO (2020) su Disney +

LILLI E IL VAGABONDO _ C’è posto per tutti in famiglia (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli