fbpx
Connettiti con noi

Editoriale

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in quarantena – Giorno 64 –

Sessantaquattresimo giorno di quarantena.


Le Congiunzioni di quello che manca.

Ieri sera il Premier Giuseppe Conte ha annunciato la famigerata “Fase 2”.

Andando a spulciare il decreto ci si rende subito conto che i cambiamenti con la Fase 1 sono pochi e pallidi.


Proprio come le versioni rimasterizzate dei dischi di Madonna, non cambierà quasi nulla.

E cosa credevamo? Non è passata alcuna Fatina antivirus a scongiurare la pestilenziale parentesi italiana.

Ovviamente ci sono tematiche controverse nel decreto. In effetti ogni qualvolta il Governo applica misure per arrestare i contagi dal coronavirus appaiono stonature o controsensi.

Il più grande in assoluto è quello che riguarda i “congiunti”.

Per un attimo ho sussultato pensando che si riferisse al paesino nei pressi di Pescara: Congiunti appunto.

No, si tratta proprio della possibilità di poter incontrare quelle persone con cui si ha in comune un legame di sangue.

Ecco, questa indicazione sarebbe stata assolutamente opportuna nell’Italia degli anni ’50, quella fatta di Famiglie Tradizionali tanto care agli Adinolfi qualunque. Quei luoghi sociali di antica memoria che solo 20 anni dopo hanno modificato la loro forma.

Il Governo non ha tenuto conto delle molteplici variazioni dei «congiunti».


Questo genererà assoluta confusione per le famiglie allargate o per quelle arcobaleno che attualmente NON SONO ANCORA RICONOSCIUTE. Inoltre affosserà la psiche di chi non ha famiglia rinnovando l’orrenda consapevolezza della solitudine.

Questo decreto non tiene conto degli affetti, ma solo dei contratti.

Ma in effetti come si riuscirebbe a stabilire quale sia il legame tra le persone se non attraverso i documenti?

Sarebbe stato più opportuno procrastinare a data da destinarsi il ricongiungimento familiare!

Quantomeno non avrebbe creato malumori di alcuni: mal comune mezzo gaudio.

Nel frattempo la Ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia, Elena Bonetti, è muta nei Palazzi Romani…. almeno un tweet per lavarsi la faccia avrebbe potuto farlo.

E nel mentre l’Italia intera si indigna e riflette sul concetto nazionale che riguarda gli affetti, come un’eco dal passato la CEI tuona: nella fase due viene meno il diritto alla libertà di culto.

In realtà nessuno sta impedendo i culti dei credenti!

Non prendiamoci per il culto…. per favore!

Probabilmente i Vescovi Italiani non hanno letto adeguatamente Manzoni. La propagazione delle malattie è più facile che avvenga tra le navate di una chiesa che non in casa. Poi come gestirebbero il distanziamento sociale, la sanificazione dei banchi e il rito eucaristico?

Se, oltre la polemica, avessero studiato un piano di “sanificazione perpetua” avrebbero avuto i margini per poter criticare il decreto!

È invece lampante che la CEI si stia occupando di un’altra tematica parallela: la recessione globale dei cestini!

La Conferenza Episcopale Italiana evidentemente non sta pensando al gregge di pecorelle che in questo momento è totalmente smarrito…. la reale preoccupazione è che non potranno mungere gli ovini credenti.

Sarebbe stato più cristiano pontificare l’assenza al diritto universale dell’infanzia.

L’Italia si sta dimenticando dei Bambini anche nella fase due.

Scuole chiuse. Relazioni sociali da monache di clausura del deserto del Gobi. Assenza di vita all’aria aperta. Insomma la cattività dei gorilla negli zoo.

In altre nazioni i Governi si sono più volte premurati di spiegare ufficialmente ai bambini quello che stiamo vivendo in tutto il mondo. In Italia li piazziamo su Boing h 24….

Non lamentiamoci se un domani ci parcheggeranno in una RSA: non siamo ancora in grado di poter garantire una infanzia istituzionalmente felice.

Gli Italiani del Futuro però si ricorderanno della pandemia indelebilmente e sono convinto che non ci giudicheranno affatto bene!

Avatar

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

BDSM e Femminismo: intervista al Non Collettivo Queer di Genova.

Desdemona

legge omofobia zan legge omofobia zan

Legge Zan il 3 agosto alla Camera, il testo approvato dalla Commissione Giustizia

Human Rights

puglia preferenza di genere puglia preferenza di genere

In Puglia si affossa la parità di genere, la politica non difende le donne

Human Rights

willow lesbica willow lesbica

Scooby Gang! Willow, Velma, e le occasioni mancate

Sociality

schiavi italia schiavi italia

Nel 2019 in Italia oltre 2000 “nuovi schiavi” nell’indifferenza generale

Human Rights

I SAPIOSESSUALI e la nuova attrazione che parte dal cervello

Sociality

coming out coming out

I genitori religiosi reagiscono due volte peggio degli altri al coming out dei propri figli

Mondo

erdonag libertà di stampa erdonag libertà di stampa

Con la legge “anti social media” Erdogan censurerà internet

Mondo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora