fbpx
Connettiti con noi
elena bonetti

Human Rights

Cosa pensa davvero la Ministra Elena Bonetti sulle adozioni gay?

Intervento del ministro alle Pari opportunita Elena Bonetti all'evento organizzato da Generali: ''Ora di futuro'', a Palazzo Madama, Roma, 30 settembre 2019. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Era il 24 ottobre quando la Ministra della Famiglia e delle Pari Opportunità Elena Bonetti (Italia Viva) in diretta durante la trasmissione Agorà di Raitre, esordiva così sul tema “famiglie arcobaleno“.

Le famiglie arcobaleno esistono perché ci sono nel nostro Paese. Io sto esercitando questo mio servizio come Ministra al servizio di tutte le donne e gli uomini e, ancor di più, al servizio di tutti i bambini e i giovani del nostro Paese“. Aggiungendo che: “Ad ogni bambino che c’è, che vive, che è un nostro cittadino, che fa parte della nostra comunità, va tutto il nostro sostegno“. 

Parole senza dubbio confortanti, che la comunità lgbt+ aveva interpretato come una storica apertura alle adozioni per le coppie omogenitoriali, e in netta contrapposizione rispetto alle dichiarazioni dell’ex ministro leghista Lorenzo Fontana il quale nel giugno 2018, a inizio mandato, aveva chiuso nettamente a ogni possibilità di affrontare la questione affermando con sicurezza che “le famiglie arcobaleno non esistono“.

La Bonetti ha poi aggiunto, pur con estrema cautela e misura, il suo delicato approccio alla questione: “È un argomento che, se vorrà essere affrontato, andrà fatto con estrema attenzione per tutte le sensibilità. Io auspico che questi dibattiti, che riguardano la vita dei bambini in primo luogo, vengano fatti con attenzione nei confronti di tutte le implicazioni. Come ministro non sono pregiudizialmente contro a nulla che possa garantire il bene delle persone e il bene dei giovani. – ha continuato – Ho un’idea mia personale sulle adozioni per gli omosessuali, che si confronterà in Parlamento“.

In conclusione, la Bonetti aveva poi aggiunto che “se c’è un bimbo, a quel bimbo va garantito il diritto alla cura, all’accoglimento, e in quel caso c’è una responsabilità genitoriale che va esercitata“, con un chiaro riferimento allo stop richiesto da Fontana al riconoscimento dei bambini concepiti all’estero con la gpa, pratica vietata in Italia sia per eterosessuali che per omosessuali.

bonetti adozioni gay
La Ministra Elena Bonetti ad Agorà

“Deciderà il Parlamento”

Dopo Agorà, è giunta una seconda dichiarazione il 29 ottobre, in un’intervista sulle pagine del quotidiano La Repubblica dove la Ministra Bonetti, pungolata sulle adozioni gay, specificava: “Non sta a me dire sì o no alle adozioni gay, sarà il parlamento a decidere. Quando parliamo di adozioni al primo posto devono esserci i diritti dei bambini a cui si devono il sostegno, amore e la cura di una famiglia e non scontri ideologici“.

La Bonetti a Rimini: “Adozioni gay non in programma

L’ultima precisazione della Ministra Bonetti sulle adozioni – peraltro in linea con le precedenti dichiarazioni – è giunta due giorni fa durante un incontro pubblico a Rimini.

Come ministro per la Famiglia accoglierò eventuali percorsi che il Parlamento decide di mettere in campo. Oggi questi percorsi non sono in pista. Sono argomenti che vanno a toccare la definizione di umanità della nostra società e se il Parlamento deciderà di affrontarli, mi auguro che venga fatto lontano da qualsiasi forma ideologica. In questo momento il nostro Paese ha bisogno di riconciliarsi certamente riguardo ad alcune posizioni polarizzanti.

La Bonetti ha infine annunciato il suo supporto, come Ministra, al percorso parlamentare della legge contro l’omofobia, attualmente in discussione nelle Commissioni Pari Opportunità della Camera dei Deputati: la maggioranza l’ha messa in campo, come ministro per le Pari opportunità e la Famiglia sarò accanto al percorso parlamentare per questa battaglia di civiltà necessaria.

fonte: Il Messaggero, Gaypost, Open
Foto copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Amo il mare azzurro, i violini nei film di François Truffaut e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo di diritti umani, cultura e spettacolo.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

“Le Favolette di Alice” di GIANNI RODARI. 100anniRODARI. Recensione.

Storie e Culture

IL TRADITORE di Bellocchio e l esue 18 candidature ai David Di Donatello 2020 IL TRADITORE di Bellocchio e l esue 18 candidature ai David Di Donatello 2020

DAVID DI DONATELLO 2020 _ Il Traditore, Il Primo Re e Pinocchio i favoriti

Spettacolo

omosessualità in uzbekistan omosessualità in uzbekistan

Uzbekistan, dove la società incoraggia la violenza omofobica e la politica la ignora

Mondo

Perché il capezzolo femminile è censurato ma quello maschile no?

Desdemona

tutti gli uomini sono porci tutti gli uomini sono porci

“All men are pigs”, tutto sulla nuova piccante demo rilasciata dalla Kaimaki Games

Sociality

riforma bonafede riforma bonafede

Riforma Bonafede della prescrizione: perché gli Avvocati si oppongono? Le ragioni del sì e del no.

Human Rights

memorie di un assassino di Bong Joon-ho memorie di un assassino di Bong Joon-ho

MEMORIE DI UN ASSASSINO _ Siamo Tutti Colpevoli! (recensione)

Spettacolo

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ e gli strascichi dell’amore peloso post San Valentino (VM18)

Sociality

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli