fbpx
Connettiti con noi
Cuba lgbt

Human Rights

Cuba: attivisti lgbt sfidano la polizia a L’Avana

CUBA – È stato reso noto nella giornata di ieri che un certo numero di attivisti per i diritti lgbt sono stati arrestati dopo una serie di scontri con la polizia nel corso di una manifestazione non autorizzata nella capitale cubana, L’Avana.


Quest’anno il governo guidato da Miguel Díaz-Canel ha vietato la consueta Marcia contro l’Omofobia, per non meglio precisate “ragioni di sicurezza”: il Centro nazionale per l’educazione sessuale (Cenesex), gestito dallo Stato, ha citato “nuove tensioni nel contesto internazionale e regionale” per giustificare la cancellazione.

manifestanti lgbt cuba
Manifestanti LGBT a Cuba (11 maggio), fonte: elnuevoherald

Gli attivisti, stando a quanto dice la BBC, hanno contestato la decisione dell’ente governativo, mettendone in dubbio la validità delle motivazioni e criticandola apertamente sui social media. La marcia sarebbe stata la prima dopo che le proteste di alcuni gruppi religiosi di matrice cattolica, lo scorso settembre, hanno fortemente osteggiato l’approvazione del matrimonio egualitario nella nuova Costituzione post-era Castro.

La marcia di sabato

Sabato scorso, oltre 100 attivisti lgbt hanno sfilato per le vie del Paeso del Prado a L’Avana, riunendosi in un corteo spontaneo e pacifico, per quanto non autorizzato, in protesta per la cancellazione della Marcia contro l’Omofobia. Punto d’arrivo di quest’anno sarebbe stata la sede del Ministero della Giustizia, con l’obiettivo di fornire richieste precise al governo cubano; tra cui “la cessazione della violenza e della repressione contro gli omosessuali, e le scuse ufficiali di Raul Castro per la repressione dei campi di concentramento degli anni ’60.

marcha derechos lgbt cuba
Manifestanti lgbt a Cuba (fonte: adn40)

Il corteo è stato bloccato dalla polizia, alcuni manifestanti hanno denunciato violenze da parte della polizia in borghese e tre di loro sono stati arrestati. Successivamente, per disperdere la folla, è intervenuto un ulteriore blocco di agenti. Marciare a Cuba senza permesso è severamente vietato dalla legge e fortemente punito dalla polizia.

Secondo quanto riferito da fonti ufficiali, altri eventi di stampo lgbt in programma nel paese saranno regolarmente tenuti. A Cuba, la discriminazione a causa del sesso o in base all’orientamento sessuale è illegale.

Fonte: RTVM, BBC


Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

diritti gay cina diritti gay cina

Col “Diritto di residenza” la Cina si apre ai diritti LGBT

Mondo

Nuovi sport: su LucaniaNews si rinnova la “caccia al Gay”

Sociality

uganda omosessualità uganda omosessualità

Uganda, senzatetto gay detenuti con il pretesto del Covid-19

Mondo

donazione sangue gay donazione sangue gay

Se essere gay è “rischioso” per donare sangue e plasma: il caso del Regno Unito (e non solo)

Dr. Rainbow

tunisia lgbt tunisia lgbt

Nessun matrimonio gay in Tunisia, un errore che sta costando caro

Mondo

diritti transgender giovani diritti transgender giovani

Regno Unito, stop alle operazioni per i minori transgender

Mondo

bosnia erzegovina diritti lgbt bosnia erzegovina diritti lgbt

Bosnia ed Erzegovina, primo passo verso le unioni civili

Mondo

Perù transgender tortura Perù transgender tortura

Il Perù condannato per la tortura di una donna transgender

Human Rights

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora