fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

News

Difendeva i Bambini di Bibbiano ma poi organizzava orge con minorenni.

A Bologna dopo la denuncia della madre di una minore, la compagnia dei carabinieri di Bologna Centro ha eseguito sette misure cautelari (su otto indagati) nei confronti di altrettante persone accusate a vario titolo di induzione alla prostituzione e reati in materia di stupefacenti.


I fatti sono accaduti in una villa tra Pianoro e Rastignano denominata dai frequentatori “Villa Inferno”.

Tra cli indagati un esponente della Lega Luca Cavazza, 27 anni, candidato per la Lega con Lucia Borgonzoni alle ultime elezioni regionali, è ai domiciliari. “Dopo appurate verifiche si precisa che Luca Cavazza non risulta essere iscritto alla Lega”, precisa Andrea Ostellari, senatore e coordinatore della Lega in Emilia. Nel 2016, a 23 anni, Cavazza fu il più giovane in corsa per Forza Italia alle elezioni comunali per eleggere il nuovo sindaco di Bologna. Fece rumore, all’epoca, la sua visita sulla tomba di Mussolini e il post su Facebook: “Tutto quello che fu fatto non potrà essere cancellato. A noi!”

Inoltre il Cavazza risulta aver partecipato a diverse manifestazioni del Family day. Inoltre fu in prima linea nella difesa dei “bambini di Bibbiano”.

Luca Cavazza

Ieri sono state eseguite perquisizioni. Secondo quanto ricostruito l’ipotesi degli investigatori è di un giro di ragazzine arruolate e portate in un albergo fuori città, per prestazioni sessuali in cambio di droga. L’inchiesta è partita nel febbraio scorso: una madre denuncia ai carabinieri diversi allontanamenti e il consumo di droga da parte della figlia di 17 anni. Il nucleo operativo della Compagnia carabinieri Bologna avvia l’attività d’indagine, anche con intercettazioni, che consente di costruire l’impianto accusatorio: induzione alla prostituzione della minorenne, convinta a compiere atti sessuali con gli indagati e altre persone in cambio di denaro e stupefacenti. La madre aveva intercettato anche dei video nel cellulare della figlia.

Proprio la minorenne ha dichiarato : “A casa sua ho appreso che spesso si svolgono incontri per consumare cocaina e fare sesso tanto da essere conosciuta come ‘Villa Inferno’. Cosi mi aveva detto proprio Luca Cavazza quando mi aveva convinto a seguirlo”, spiega poi che “arrivati a casa di Bacci, io avevo già appreso da Cavazza che ci saremo fatti una ‘fattanza’, cioé Bacci ci avrebbe dato della coca. Infatti appena arrivati a casa di Bacci io ho visto che c’erano una decina di persone tra ragazzi e ragazze che stavano pippando”

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Mostra i commenti

Articoli simili

carte gender neutral carte gender neutral

Dai Paesi Bassi un mazzo di carte gender neutral, con i metalli al posto delle figure

Storie e Culture

FINZIONI di Jorge Luis Borges (Adelphi) Recensione

Storie e Culture

bosnia neve migranti bosnia neve migranti

I migranti abbandonati al gelo in Bosnia: “viviamo come animali”

Human Rights

THE GENTLEMEN (2019) di Guy Ritchie THE GENTLEMEN (2019) di Guy Ritchie

THE GENTLEMEN _ I cattivi ragazzi di Guy Ritchie (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
×