fbpx
Connettiti con noi

News

Difendeva i Bambini di Bibbiano ma poi organizzava orge con minorenni.

A Bologna dopo la denuncia della madre di una minore, la compagnia dei carabinieri di Bologna Centro ha eseguito sette misure cautelari (su otto indagati) nei confronti di altrettante persone accusate a vario titolo di induzione alla prostituzione e reati in materia di stupefacenti.


I fatti sono accaduti in una villa tra Pianoro e Rastignano denominata dai frequentatori “Villa Inferno”.

Tra cli indagati un esponente della Lega Luca Cavazza, 27 anni, candidato per la Lega con Lucia Borgonzoni alle ultime elezioni regionali, è ai domiciliari. “Dopo appurate verifiche si precisa che Luca Cavazza non risulta essere iscritto alla Lega”, precisa Andrea Ostellari, senatore e coordinatore della Lega in Emilia. Nel 2016, a 23 anni, Cavazza fu il più giovane in corsa per Forza Italia alle elezioni comunali per eleggere il nuovo sindaco di Bologna. Fece rumore, all’epoca, la sua visita sulla tomba di Mussolini e il post su Facebook: “Tutto quello che fu fatto non potrà essere cancellato. A noi!”

Inoltre il Cavazza risulta aver partecipato a diverse manifestazioni del Family day. Inoltre fu in prima linea nella difesa dei “bambini di Bibbiano”.

Luca Cavazza

Ieri sono state eseguite perquisizioni. Secondo quanto ricostruito l’ipotesi degli investigatori è di un giro di ragazzine arruolate e portate in un albergo fuori città, per prestazioni sessuali in cambio di droga. L’inchiesta è partita nel febbraio scorso: una madre denuncia ai carabinieri diversi allontanamenti e il consumo di droga da parte della figlia di 17 anni. Il nucleo operativo della Compagnia carabinieri Bologna avvia l’attività d’indagine, anche con intercettazioni, che consente di costruire l’impianto accusatorio: induzione alla prostituzione della minorenne, convinta a compiere atti sessuali con gli indagati e altre persone in cambio di denaro e stupefacenti. La madre aveva intercettato anche dei video nel cellulare della figlia.

Proprio la minorenne ha dichiarato : “A casa sua ho appreso che spesso si svolgono incontri per consumare cocaina e fare sesso tanto da essere conosciuta come ‘Villa Inferno’. Cosi mi aveva detto proprio Luca Cavazza quando mi aveva convinto a seguirlo”, spiega poi che “arrivati a casa di Bacci, io avevo già appreso da Cavazza che ci saremo fatti una ‘fattanza’, cioé Bacci ci avrebbe dato della coca. Infatti appena arrivati a casa di Bacci io ho visto che c’erano una decina di persone tra ragazzi e ragazze che stavano pippando”

Avatar

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

ENOLA HOLMES su Netflix ENOLA HOLMES su Netflix

ENOLA HOLMES _ Una giovane eroina destinata al facile successo (recensione)

Spettacolo

leggi sodomia stati uniti leggi sodomia stati uniti

Nell’Idaho (USA) si puniscono ancora gli atti sessuali “contro natura”

Mondo

Donne e madri di ‘Ndrangheta: l’altra metà del crimine

Legalità

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora