fbpx
Connettiti con noi
cosa rischia chi diffonde fake news

Sociality

Diffusione di fake news: cosa si rischia? Come riconoscerle?

Il termine fake news è entrato ormai nel vocabolario di noi tutti, soprattutto dopo aver iniziato a diffondersi con il sempre maggiore utilizzo dei social network.


Questa circostanza non è casuale.

Prima di diffondere una notizia, infatti, i giornalisti, che lavorino per la stampa o per la televisione, sono tenuti a verificare la stessa anche al fine di evitare spiacevoli sanzioni.

Purtroppo la stessa attenzione non viene posta dagli internauti e così, fin troppo spesso, assistiamo alla divulgazione incontrollata di notizie false.

Istituita l’unità di monitoraggio

Il fenomeno è talmente grave che, stante la diffusione di sempre maggiori fake news attinenti al Covid-19, il Dipartimento per l’informazione e l’editoria con proprio decreto emesso il 04 Aprile 2020 ha istituito “l’Unità di monitoraggio per il contrasto della diffusione di fake news relative al COVID-19 sul web e sui social network”.

Tale unità, come suggerisce il nome, ha la funzione di contrastare la diffusione delle fake news ed alla stessa può partecipare anche l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Ci troviamo, tuttavia, innanzi ad una buona idea che non potrà, ad avviso di chi scrive, produrre buoni risultati finchè non si prevederanno delle sanzioni effettive nel caso di nconsapevole diffusione delle fake news.

La domanda, infatti, è proprio questa.

Cosa rischia chi diffonde una fake news?

In base alla gravità ed al contenuto della fake news, chi la diffonde rischia di essere accusato di diffamazione o di procurato allarme.

Eppure questo rischio non basta ad evitare la diffusione delle fake news ed il motivo per cui non si riesce a contrastarle, oltre alla mancata verifica da parte degli internauti, dipende dall‘inesistenza di una normativa specifica.

Le conseguenze di questa assenza sono notevoli sul piano giuridico.

Se esistesse una norma, ogni notizia che avesse le caratteristiche ivi descritte per essere assimilata ad una fake news determinerebbe una conseguenza, penale o civile, a carico di chi l’ha creata e/o diffusa.


In assenza della norma, occorre prima allertare la Polizia di Stato segnalando la notizia e successivamente occorrerà attendere che vengano svolte le indagini, per poi rimettere al giudice il compito di inquadrare quella notizia nelle varie fattispecie delittuose.

Verrebbe da chiedersi: perché si ha interesse a diffondere una fake news?

La risposta è semplice. La diffusione della fake news comporta un ritorno economico. Molti siti si basano sul click baiting, ed in virtù di ciò ottengono migliaia di visite e pubblicità.

Questo comporta il predetto ritorno economico.

A ciò si aggiunga che alcune volte cliccando su una notizia vengono installati dei software dannosi tanto per il computer quanto per lo smartphone.

Condivisione di fake news: quali conseguenze?

Nonostante non vi sia una disciplina specifica sul punto, sarebbe sbagliato pensare che la condivisione di una fake news sia esente da conseguenze.

Come affermato in precedenza, la decisione di configurare il reato di diffamazione, procurato allarme o addirittura truffa, spetta all’Autorità Giudiziaria e tale contestazione può essere mossa tanto nei confronti di chi ha creato la notizia quanto nei confronti di chi l’ha divulgata.

Bisogna, tuttavia, fare delle distinzioni per non cadere nell’errore di pensare che ognuno di noi (in fondo è capitato a tutti di ricondividere inconsapevolmente una fake news), rischia di essere accusato!

La condivisione di una fake news non integra nessun reato se chi la condivide è in buona fede.

Se chi pubblica sa che la notizia è falsa eppure condivide, allora è perseguibile per i medesimi reati che possono essere contestati a chi la fake news l’ha creata e messa on line.

Appare corretto porsi la domanda finale: cosa posso fare per evitare di diffondere una notizia falsa?

Come riconoscere una fake news?

La risposta è scontata: VERIFICARE.

Occorre verificare la fonte da cui proviene la notizia, controllare l’url del sito ed il layout dello stesso: molto spesso queste notizie vengono diffuse da siti che hanno nomi molto simili a testate ufficiali, bisogna fare molta attenzione e non abbassare mai la guardia.

Attenzione ai titoli che molte volte non corrispondono assolutamente al contenuto ed accertatevi che chi ha scritto la notizia sia identificabile.

Sarebbe opportuno controllare anche la data della notizia e se la stessa compare solo ed esclusivamente su quel sito: se il sito in questione è l’unico ad aver dato risalto alla notizia e non ci sono altre fonti segnalate, molto probabilmente avete a che fare con una fake news.

Avatar
Scritto da

Non faccio l'Avvocato ma lo sono. Calabra di nascita e "fiorentina" per adozione.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

leggi sodomia stati uniti leggi sodomia stati uniti

Nell’Idaho (USA) si puniscono ancora gli atti sessuali “contro natura”

Mondo

Donne e madri di ‘Ndrangheta: l’altra metà del crimine

Legalità

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora