disobedience

Supporta BL Magazine

Lo sappiamo, anche noi odiamo i pop-up che t'impediscono di navigare e leggere quello che vorresti. Qua non ne troverai. Siamo una redazione libera e l'unica fonte di sostenamento sei tu. Puoi supportarci disattivando AdBlock e cliccando su Refresh. Grazie.

DISOBEDIENCE è un dialogo necessario con la nostra coscienza. Un invito a liberarsi dai ruoli che la società ci impone perché si possa essere autentici e felici.

Ronit, appresa la morte del padre, fa ritorno a Londra dove il genitore rabbino era a capo della comunità ebraico ortodossa.
Qui la donna ritrova i suoi amici di infanzia, il devoto Dovid e la remissiva Esti, e si sorprende a scoprirli marito e moglie.
In passato tra Ronit e Esti ci fu un’attrazione che causò malcontento nella comunità e adesso la passione tra le due donne pare destinata a riaccendersi.

Il nuovo film di Sebastián Lelio si apre sull’omelia che pronuncia il padre di Ronit poco prima di morire.
È importante tenerla a mente giacché essa anticipa quello che è il filo nascosto dell’intera vicenda.

 

Disobedience

DISOBEDIENCE, tratto dall’omonimo romanzo del 2007 di Naomi Alderman, riflette sulla figura della donna all’interno della comunità ebraico ortodossa. Ma è anche uno sguardo universale sui freni posti dalla società e dalle tradizioni e dalla famiglia, freni che limitano aspirazioni e desideri.

Il regista cileno, dopo lo splendido ritratto di una persona transgender nel suo precedente “UNA DONNA FANTASTICA“, torna a guardare all’universo femminile con incredibile sensibilità e attenzione.

I personaggi di Ronit e Esti sono delineati alla perfezione nella loro psicologia. Essi sono resi “tangibili” e credibili grazie alla recitazione di Rachel Weisz e Rachel McAdams. Le due attrici mostrano sul volto ogni incertezza o desiderio trattenuto, i loro corpi e le loro anime esplodono e implodono.

Esse sono autentiche anche nella coraggiosa scena del loro incontro amoroso: la telecamera guarda con dolcezza alle loro lingue e ai loro occhi e alle loro mani che si intersecano, si cercano, si amano.

Disobedience 2017

Ma al di là della splendida parentesi amorosa che coinvolge le due donne, è nelle loro scelte obbligate che ci viene chiesto di confrontarci.

Esti ha tentato di reprimere la sua natura per conformarsi alla comunità in cui è nata e cresciuta.
Ronit, che appare emancipata, è stata però costretta a lasciare quella comunità che la giudicava.
E Dovid (un bravo Alessandro Nivola) pare debba necessariamente perseguire la volontà e soddisfare le aspettative degli altri.

DISOBEDIENCE, a dispetto delle tematiche affrontate e del materiale incendiario, non è un film che vuole essere un’accusa sull’ortodossia di certi culti e religioni. Non vuole scavare nel torbido e nel mero piacere voyeuristico di un amore saffico.
Il film guarda alla natura umana e ai confitti interiori che spesso viviamo sulla nostra pelle quando non assecondiamo ciò che la famiglia o la società si aspetta da noi.

DISOBEDIENCE (2017)
  • 8/10
    regia - 8/10
  • 7.5/10
    sceneggiatura - 7.5/10
  • 6.5/10
    fotografia - 6.5/10
  • 6.5/10
    montaggio - 6.5/10
  • 8.5/10
    cast e recitazione - 8.5/10
  • 6.5/10
    musiche e colonna sonora - 6.5/10
  • 7/10
    costumi e scenografie - 7/10
7.2/10
⭐ Lascia il tuo voto
0 (0 votes)

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

, , , ,