fbpx
Connettiti con noi
disobedience

Spettacolo

DISOBEDIENCE _ Felicemente autentici (recensione)

DISOBEDIENCE è un dialogo necessario con la nostra coscienza. Un invito a liberarsi dai ruoli che la società ci impone perché si possa essere autentici e felici.


Ronit, appresa la morte del padre, fa ritorno a Londra dove il genitore rabbino era a capo della comunità ebraico ortodossa.
Qui la donna ritrova i suoi amici di infanzia, il devoto Dovid e la remissiva Esti, e si sorprende a scoprirli marito e moglie.
In passato tra Ronit e Esti ci fu un’attrazione che causò malcontento nella comunità e adesso la passione tra le due donne pare destinata a riaccendersi.

Il nuovo film di Sebastián Lelio si apre sull’omelia che pronuncia il padre di Ronit poco prima di morire.
È importante tenerla a mente giacché essa anticipa quello che è il filo nascosto dell’intera vicenda.

Disobedience

DISOBEDIENCE, tratto dall’omonimo romanzo del 2007 di Naomi Alderman, riflette sulla figura della donna all’interno della comunità ebraico ortodossa. Ma è anche uno sguardo universale sui freni posti dalla società e dalle tradizioni e dalla famiglia, freni che limitano aspirazioni e desideri.

Il regista cileno, dopo lo splendido ritratto di una persona transgender nel suo precedente “UNA DONNA FANTASTICA“, torna a guardare all’universo femminile con incredibile sensibilità e attenzione.

I personaggi di Ronit e Esti sono delineati alla perfezione nella loro psicologia. Essi sono resi “tangibili” e credibili grazie alla recitazione di Rachel Weisz e Rachel McAdams. Le due attrici mostrano sul volto ogni incertezza o desiderio trattenuto, i loro corpi e le loro anime esplodono e implodono.

Esse sono autentiche anche nella coraggiosa scena del loro incontro amoroso: la telecamera guarda con dolcezza alle loro lingue e ai loro occhi e alle loro mani che si intersecano, si cercano, si amano.

Disobedience 2017

Ma al di là della splendida parentesi amorosa che coinvolge le due donne, è nelle loro scelte obbligate che ci viene chiesto di confrontarci.


Esti ha tentato di reprimere la sua natura per conformarsi alla comunità in cui è nata e cresciuta.
Ronit, che appare emancipata, è stata però costretta a lasciare quella comunità che la giudicava.
E Dovid (un bravo Alessandro Nivola) pare debba necessariamente perseguire la volontà e soddisfare le aspettative degli altri.

DISOBEDIENCE, a dispetto delle tematiche affrontate e del materiale incendiario, non è un film che vuole essere un’accusa sull’ortodossia di certi culti e religioni. Non vuole scavare nel torbido e nel mero piacere voyeuristico di un amore saffico.
Il film guarda alla natura umana e ai confitti interiori che spesso viviamo sulla nostra pelle quando non assecondiamo ciò che la famiglia o la società si aspetta da noi.

DISOBEDIENCE _ Felicemente autentici (recensione)
7 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

giulio regeni patrick zaki giulio regeni patrick zaki

Patrick Zaki sarà finalmente scarcerato!

Human Rights

diritti gay palestina diritti gay palestina

Essere omosessuali in Palestina vuol dire non avere via d’uscita

Mondo

Gli abusi dei diritti umani nel mondo dei Marvel’s Villains: un approfondimento

Sociality

TUTTI BRAVI GENITORI (con i figli degli altri) di Pagani, Locatelli e Ciccomascolo (Centro Leonardo Education) | Recensione

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×