Supporta BL Magazine

Lo sappiamo, anche noi odiamo i pop-up che t'impediscono di navigare e leggere quello che vorresti. Qua non ne troverai. Siamo una redazione libera e l'unica fonte di sostenamento sei tu. Puoi supportarci disattivando AdBlock e cliccando su Refresh. Grazie.

Sarà Dogman il film che concorrerà per l’Italia nella categoria “Miglior film straniero” agli Oscar 2019.

Il film di Matteo Garrone, distribuito nelle sale a partire dal 17 maggio, ha già ottenuto un buon successo di pubblico e di critica al Festival di Cannes 2018, dove Marcello Fonte si è distinto per la migliore interpretazione maschile.

L’opera è liberamente tratta dalla vicenda dell’omicidio del criminale e pugile dilettante Giancarlo Ricci (nel film Simone, interpretato da Edoardo Pesce), avvenuto a Roma nel 1988 per mano di Pietro De Negri (Marcello nel film di Garrone), detto “Er canaro“.

Marcello Fonte in una scena del film

La selezione

È stata l’ANICA, Associazione Nazionale Industria Cinematografiche Audiovisive incaricata lo scorso giugno dall’Academy, a rendere noto poche ore fa il nome della pellicola selezionata tra le ventuno visionate dalla commissione. In lizza c’erano anche “The Place” di Paolo Genovese, “A casa tutti bene” di Gabriele Muccino e “Napoli velata” di Ferzan Ozpetek.

Questi i membri della commissione incaricati, tutti appartenenti al mondo dell’industria cinematografica: Nicola Borrelli, Marta Donzelli, Gian Luca Farinelli, Antonio Medici, Silvio Soldini, Maria Carolina Terzi, Maria Sole Tognazzi Stefania Ulivi, Enrico Vanzina.

Il cast di “Dogman” al Festival di Cannes 2018

La corsa agli Oscar

La cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 24 febbraio 2019, ma scopriremo se Dogman sarà effettivamente in lizza per la statuetta solo il 22 gennaio 2019, giorno in cui verranno annunciate le nominations.

Le ultime pellicole nostrane ad aver conquistato la cinquina finale nella categoria Miglior film straniero sono La grande bellezza di Paolo Sorrentino (2014), La bestia nel cuore di Cristina Comencini (2006) e La vita è bella di Roberto Benigni (1999). Nel 2014 e 1999 la nomination si è tramutata nell’ambito premio, sbaragliando la concorrenza.

Una prima indicazione delle tendenze di voto dell’Academy ci verrà data come al solito con i Golden Globes, i premi assegnati dalla stampa americana, di cui saranno note le nomination il prossimo il 6 dicembre.

Potete recuperare la recensione di Dogman di BL Magazine cliccando qui.

Scrivo per la stampa locale, gioco a fare il blogger. Laureato in Economia. Pugliese integralista. Eclettico.
Mi piacciono i violini nei film di Truffaut, le poesie di Sandro Penna e i Frammenti di un discorso amoroso di Roland Barthes.

, , ,