Connettiti con noi

Mondo

Donna, lesbica e sindaca: Claudia Lopez trionfa a Bogotà e promette una rivoluzione sociale

Bogotà da oggi ha una sindaca, e per di più omosessuale dichiarata.

Claudia Lopez di Alianza Verde ha conquistato lo scranno del primo cittadino della capitale della Colombia, ed è la prima donna lesbica a vincere una sfida elettorale municipale di una metropoli latinoamericana.

La Lopez ha sconfitto il candidato della destra Carlos Fernando Galan, appoggiato dal partito di governo, alle elezioni amministrative di ieri 27 ottobre. Oltre alla capitale Bogotà, gli elettori sono stati chiamati a rinnovare i governatori di 32 dipartimenti e i sindaci di qualche migliaio di comuni.

A garantire la vittoria alla Lopez, ex senatrice e vicepresidente, è stato il 35,2% dei votanti, pari a poco più di un milione di voti (nelle elezioni amministrative colombiane non occorre raggiungere la maggioranza assoluta dei voti). Come annunciato in campagna elettorale, i primi obiettivi politici da conseguire per la neosindaca saranno: maggiore sicurezza sulle strade, lotta allo sfruttamento del lavoro minorile, progetti per sensibilizzare all’educazione sessuale ed evitare gravidanze indesiderate adolescenziali e maggiori opportunità lavorative per gli over 45.

claudia lopez bogotà

Chi è Claudia Lopez, l’alcaldesa di Bogotà

Politologa, giornalista e ricercatrice, Claudia Lopez, 49 anni e una vita dedicata all’attivismo politico, nel corso degli anni ha condotto diverse indagini sul fenomeno della parapolitica, portando alla luce una fitta rete di legami di corruzione tra politica e il mondo militare. Le sue indagini, intorno a metà degli anni 2000, hanno portato all’arresto di circa il 30% dei membri del Congresso Repubblicano.

La sua prima candidatura è avvenuta nel 2014, per Alianza Verde al Senato, imponendosi come la donna più suffragata alle elezioni politiche e ricevendo oltre 80 mila voti nella sua circoscrizione. Nel 2018 ha preferito non rinnovare la sua candidatura a senatrice e dedicarsi alla campagna elettorale per vincere le primarie del suo partito alla corsa municipale.

Claudia Lopez è prima di sei fratelli di una famiglia borghese di Bogotà. È laureata in Finanza, Governo e Relazioni Internazionali presso l’Università di Colombia e ha conseguito quest’anno il dottorato in scienze politiche presso la Norhtwenster University di Chicago. È legata sentimentalmente ad Angelica Lozano, senatrice della repubblica colombiana e collega di partito.

Assumerà il suo ruolo ufficialmente con decorrenza 1 gennaio 2020.

sindaco bogotà lesbica
La neosindaca di Bogotà Claudia Lopez, a sinistra, bacia appassionatamente la compagna Angelica Lozano, senatrice.

Le elezioni nelle altre città colombiane

La sconfitta del partito conservatore il Centro Democratico, è stata significativa anche a Medellin, città simbolo dei cartelli della droga, che al candidato di bandiera Ivan Duque ha preferito l’indipendente Daniel Quintero.

Una doccia fredda per Alvaro Uribe, ex presidente e leader del Centro Democratico, che ha riconosciuto “con umiltà” la sconfitta elettorale aprendo scenari di ulteriore difficoltà per il prosieguo dell’attività di governo.

fonte: il fatto quotidiano, infobae

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Amo il mare azzurro, i violini nei film di François Truffaut e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo di diritti umani, cultura e spettacolo.

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

Liliana Segre: la vita di una sopravvissuta ad Auschwitz

Storie e Culture

MEIN KAMPF di A. Hitler : il libro che programmò la Shoah (recensione)

Storie e Culture

JOJO RABBIT film JOJO RABBIT film

JOJO RABBIT _ Imparare a essere umani (recensione)

Spettacolo

tribunale di norimberga tribunale di norimberga

Processo di Norimberga: le dieci criticità e tutti i limiti di una dolorosa pagina di storia

Human Rights

olocausto omosessuale olocausto omosessuale

Omocausto: il silenzio assordante dei “triangoli rosa”

Human Rights

I Lager e il simbolismo del dolore

Storie e Culture

Walking Walking

#Le5 canzoni (+1) per non dimenticare l’orrore della Shoah

Storie e Culture

donne campi di concentramento donne campi di concentramento

Le donne dell’Olocausto nella Germania nazista

Storie e Culture

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli