fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
e ora parliamo di kevin

Spettacolo

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN _ Crescere e amare il male (recensione)

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN (2011) è un film teso che indaga sulle origini e le ragioni di una violenza che non trova alcuna ragione di essere. Snervante, crudele e sublime.


…E ORA PARLIAMO DI KEVIN con Tilda Swinton

In ogni storia c’è sempre un prima, un durante e un dopo.
Eva è remissiva, sfuggente con tutti. Pare aver timore di offendere la gente con la sua sola presenza. Accetta in silenzio uno schiaffo da una signora; accetta che le vengano imbrattate le pareti del suo appartamento, dove vive da sola. Eva non protesta. Si cerca un lavoro e va avanti nonostante tutto…
Perché?

Ed ecco che il film inizia a frammentare la narrazione e lo spazio temporale. Assieme a Eva andiamo a rivivere il suo personale inferno di…madre! Già, perché Eva è stata una donna sposata con due figli. Ma il rapporto col figlio maschio, Kevin, è sempre stato ambiguo e in un certo senso sbagliato.
Fin dalla tenera età il bambino piangeva sempre. Crescendo poi è diventato taciturno, poi dispettoso e disobbediente e quindi violento fino al giorno in cui tutto è precipitato.

Lynne Ramsay dirige un film disturbante eppure poetico, tratto dallo sconvolgente romanzo di Lionel Shriver.
Una ballata di morte che indaga uno dei rapporti più importanti e meravigliosi nella vita di ogni essere umano: quello tra madre e figlio.

Tilda Swinton regge quasi da sola l’intero apparato filmico e interpreta un ruolo non facile, fatto di silenzi e gesti trattenuti, di implosioni e momenti di totale sconforto e sconfitta.
Sicuramente una delle sue interpretazioni migliori che ne mostra tutta la grazia e la forza di donna e tutta la versatilità di attrice.

...e ora parliamo di kevin
Ezra Miller e Tilda Swinton in …E ORA PARLIAMO DI KEVIN

Affiancata da un sempre ottimo e dimesso John C. Reilly, Tilda trova la sua “nemesi” di madre nel giovane e bravissimo Ezra Miller, che i più ricorderanno nei ruoli più amabili di Patrick in “NOI SIAMO INFINITO” (2012) e in quelli di Flash in “JUSTICE LEAGUE” (2017).

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN è un film amaro, amarissimo.
Esso raggela le emozioni eppure capace di ferire nella sua calcolata e fredda fotografia contaminata costantemente da un rosso (quello del sangue, della vernice, della marmellata etc.) che preannuncia e poi ricorda una violenza immotivata e imperdonabile.
Una violenza e una colpa che solo una madre, forse, può perdonare o sopportare.

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN _ Crescere e amare il male (recensione)
7.7 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

luchino visconti francesco hayez luchino visconti francesco hayez

L’Arte omaggiata dal Cinema: quadri (e non solo) sul grande schermo

Storie e Culture

#Le5 affermazioni che non avremmo mai voluto sentire dai NO VAX e NO GREENPASS

Sociality

In Abruzzo un DDL per garantire la sepoltura dei bambini mai nati: basta!

Desdemona

Portici di Bologna: da oggi Patrimonio dell’Umanità UNESCO

News

Scopri i nostri social
×