Connettiti con noi
e ora parliamo di kevin

Spettacolo

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN _ Crescere e amare il male (recensione)

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN (2011) è un film teso che indaga sulle origini e le ragioni di una violenza che non trova alcuna ragione di essere. Snervante, crudele e sublime.

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN con Tilda Swinton

In ogni storia c’è sempre un prima, un durante e un dopo.
Eva è remissiva, sfuggente con tutti. Pare aver timore di offendere la gente con la sua sola presenza. Accetta in silenzio uno schiaffo da una signora; accetta che le vengano imbrattate le pareti del suo appartamento, dove vive da sola. Eva non protesta. Si cerca un lavoro e va avanti nonostante tutto…
Perché?

Ed ecco che il film inizia a frammentare la narrazione e lo spazio temporale. Assieme a Eva andiamo a rivivere il suo personale inferno di…madre! Già, perché Eva è stata una donna sposata con due figli. Ma il rapporto col figlio maschio, Kevin, è sempre stato ambiguo e in un certo senso sbagliato.
Fin dalla tenera età il bambino piangeva sempre. Crescendo poi è diventato taciturno, poi dispettoso e disobbediente e quindi violento fino al giorno in cui tutto è precipitato.

Lynne Ramsay dirige un film disturbante eppure poetico, tratto dallo sconvolgente romanzo di Lionel Shriver.
Una ballata di morte che indaga uno dei rapporti più importanti e meravigliosi nella vita di ogni essere umano: quello tra madre e figlio.

Tilda Swinton regge quasi da sola l’intero apparato filmico e interpreta un ruolo non facile, fatto di silenzi e gesti trattenuti, di implosioni e momenti di totale sconforto e sconfitta.
Sicuramente una delle sue interpretazioni migliori che ne mostra tutta la grazia e la forza di donna e tutta la versatilità di attrice.

...e ora parliamo di kevin
Ezra Miller e Tilda Swinton in …E ORA PARLIAMO DI KEVIN

Affiancata da un sempre ottimo e dimesso John C. Reilly, Tilda trova la sua “nemesi” di madre nel giovane e bravissimo Ezra Miller, che i più ricorderanno nei ruoli più amabili di Patrick in “NOI SIAMO INFINITO” (2012) e in quelli di Flash in “JUSTICE LEAGUE” (2017).

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN è un film amaro, amarissimo.
Esso raggela le emozioni eppure capace di ferire nella sua calcolata e fredda fotografia contaminata costantemente da un rosso (quello del sangue, della vernice, della marmellata etc.) che preannuncia e poi ricorda una violenza immotivata e imperdonabile.
Una violenza e una colpa che solo una madre, forse, può perdonare o sopportare.

…E ORA PARLIAMO DI KEVIN _ Crescere e amare il male (recensione)
7.7 Recensione
0 Utenti (0 voti)
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio
Voto pubblico Lascia il tuo voto
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Lascia il tuo voto

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

Liliana Segre: la vita di una sopravvissuta ad Auschwitz

Storie e Culture

MEIN KAMPF di A. Hitler : il libro che programmò la Shoah (recensione)

Storie e Culture

JOJO RABBIT film JOJO RABBIT film

JOJO RABBIT _ Imparare a essere umani (recensione)

Spettacolo

tribunale di norimberga tribunale di norimberga

Processo di Norimberga: le dieci criticità e tutti i limiti di una dolorosa pagina di storia

Human Rights

olocausto omosessuale olocausto omosessuale

Omocausto: il silenzio assordante dei “triangoli rosa”

Human Rights

I Lager e il simbolismo del dolore

Storie e Culture

Walking Walking

#Le5 canzoni (+1) per non dimenticare l’orrore della Shoah

Storie e Culture

donne campi di concentramento donne campi di concentramento

Le donne dell’Olocausto nella Germania nazista

Storie e Culture

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli