Connect with us
consumo risorse mondiali

Human Rights

“Earth Overshoot Day”, oggi la Terra ha già esaurito le sue risorse per il 2019

Oggi si celebra una triste giornata: l’Earth Overshoot Day è il giorno in cui il pianeta Terra esaurisce tutte le risorse che il pianeta stesso è in grado di generare (rigenerare) nell’anno solare.

Il “giorno del sovrasfruttamento”, segna il momento dal quale tutti i consumi dell’uomo saranno in eccesso rispetto a quello che gli ecosistemi della Terra possono rigenerare, bruciando in anticipo le risorse per il futuro.

Deforestazione, erosione del suolo, perdita di biodiversità e accumulo di anidride carbonica in atmosfera sono tra gli effetti più tangibili del sovra-utilizzo di quello che il pianeta ha da offrire.

giorno del sovrasfruttamento

Dai dati emersi dal Global Footprint Network, l’Italia occupa il nono posto nella classifica dei “paesi spreconi” ed ha già passato il suo Overshoot Day il 15 maggio scorso.

Il paese che a livello di risorse consuma di più in termini assoluti sono gli Stati Uniti: se tutto il mondo consumasse come loro, servirebbero le risorse di 5 pianeti.

A seguire ci sono l’Australia, da Russia, Germania e Svizzera.

quanti pianeti servono in un anno
Di quanti pianeti avrebbero bisogno in un anno i paesi del mondo per essere al pari con i propri consumi?

Global Footprint Network: gli obiettivi

Il Global Footprint Network, è un’organizzazione di ricerca internazionale che ha “aperto la strada all’impronta ecologica“, come definito da loro stessi, e che afferma che sia necessario arrivare a spostare la data del Earth Overshoot Day di almeno 5 giorni all’anno in maniera da consentire all’umanità di raggiungere la compatibilità del pianeta prima del 2050.

Purtroppo, però, l’obiettivo sembra difficile da raggiungere se pensiamo che l’anno scorso l’Earth Overshoot si è tenuto il primo agosto: in un anno si sono erose le risorse di tre giorni in più, nonostante si stia sviluppando, anche in occidente, una coscienza civile dovuta ai sempre più numerosi cambiamenti climatici e alla propaganda green che vede in Greta Thunberg la principale portavoce.

Mathis Wackernagel, fondatore dell’organizzazione ha dichiarato: “Abbiamo solo una Terra: questo è il contesto che definisce l’esistenza umana. Non possiamo usare le risorse di 1,75 pianeti senza conseguenze distruttive“. E ha aggiunto “Questo superamento può essere solo temporaneo, perché l’umanità alla fine dovrà operare all’interno delle risorse ecologiche che la Terra può metterci a disposizione, ma l’equilibrio potrà essere ripristinato dall’uomo come dal disastro“.

Il GFN ha delineato i quattro fattori fondamentali che contribuiscono a definire la domanda di risorse di un paese: l’edificazione delle città, il rifornimento di energia, il sostentamento nutritivo dei suoi cittadini e il numero di abitanti.

warth overshoot day italia
Qual è la data dell’Overshoot Day per tutti i paesi del mondo? Al primo posto c’è il Qatar.

Una tendenza che va invertita

Come si potrebbe invertire la tendenza? Anzitutto riducendo le emissioni di CO2: un decremento del 50% su scala mondiale, ad esempio, aiuterebbe a portare in avanti la data di ben 93 giorni (equivalente di tre mesi). Dimezzare il consumo di carne farebbe rifiatare il pianeta per altri 15 giorni.

GFN, insieme ad altre 30 organizzazioni, ha lanciato la campagna “Steps to #MoveTheDate“, nella quale si indicano i cinque cardini sui quali fare leva per spostare in avanti la data dell’Overshoot: energia, cibo, città, popolazione, e pianeta. E se volete agire in prima persona, attraverso il footprint calculator potrete calcolare il vostro “Overshoot day” personale e mettere in discussione le vostre abitudini quotidiane per contribuire a salvare la Terra.

Written By

Comments
bl magazine
Advertisement

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

Connect
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli