Connettiti con noi

Human Rights

Elena Bonetti (PD) è il nuovo Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia

È Elena Bonetti, membro della direzione nazionale del Partito Democratico, il nuovo Ministro delle Pari Opportunità e della Famiglia della Repubblica Italiana.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, presso la sala stampa del Quirinale, ha reso noto la lista dei dicasteri che, da domani mattina, comporranno il nuovo Governo del Paese.

Il Ministero delle Pari Opportunità era assente da ben sei anni da un esecutivo. Dopo Josefa Idem, Ministro per il Governo Letta, alle Pari Opportunità erano state assegnate deleghe a sottosegretari direttamente riferibili al Presidente del Consiglio. L’ultimo sottosegretario a ricevere la delega alle pari opportunità nel governo Conte I è stato Vincenzo Spadafora.

L’unione di due istituti tra loro speculari, pari opportunità e famiglia, che nell’esecutivo giallo-verde erano stati fortemente in contrasto tra loro (soprattutto quando a ricoprire il ruolo di Ministro della Famiglia è stato il leghista Lorenzo Fontana), fa ben sperare sull’adozione di politiche più inclusive anche per la comunità lgbt.

elena bonetti chi è
Elena Bonetti, neoministro per le Pari Opportunità e Famiglia del Governo Conte Bis

Chi è Elena Bonetti

Mantovana, 43 anni, sposata con due figli, Elena Bonetti è professore associato di analisi matematica presso l’Università di Milano. Si è laureata nel 1997 presso l’Università di Pavia e ha conseguito il PhD in Matematica all’Università di Milano nel 2002. I suoi ambiti di ricerca trattano di modelli analitici per le scienze applicate. Collaborare con diverse Università italiane e con il CNR. Candidata alle elezioni politiche del 2018 per la Camera dei Deputati, non è stata però eletta. È vicina all’ex leader del PD Matteo Renzi e sul suo profilo twitter si dichiara favorevole allo ius culturae.

Dalla sua biografia sul sito del Partito Democratico, appare molto significativa l’esperienza nel mondo degli scout. Nel 2014 è stata tra le firmatarie della “Carta del Coraggio”, in cui i giovani scout hanno chiesto all’Agesci (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) un’apertura su temi legati a omosessualità, divorzio, convivenza.

Sulla sua pagina la Bonetti dichiara “La passione educativa e il desiderio di accompagnare le giovani generazioni ad essere buoni cittadini, capaci di contribuire a scrivere una storia bella e generativa per la nostra comunità, trovano le radici nel mio cammino scout. Su questa strada ho imparato la bellezza del camminare insieme, la felicità e la pienezza che nascono dal servizio, il coraggio di dire sì, la chiamata a lasciare il mondo migliore di come l’abbiamo trovato.

Profilo Twitter: qui

Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 33 anni fa. Ormai prossimo alla resurrezione, mi sposto tra la Puglia e la Città Eterna. Respiro e scrivo, come dicono i Baustelle. Dirigo BL Magazine dove mi occupo soprattutto di diritti umani, cultura, tv e spettacolo.

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli