fbpx
Connettiti con noi
canzoni lgbt eurovision

Spettacolo

Eurovision e diversità: #Le5 canzoni da ricordare

Usa le frecce <-> per scorrere

PingPong – Sa’me’akh (Israele 2000)

Peace! Peace!“: con queste parole, e sventolando una bandierina della Siria, i PingPong vent’anni fa salutavano il pubblico di Stoccolma.


La loro performance di Sa’me’akh fu tutt’altro che memorabile, e loro stessi ammisero di aver partecipato al contest con molta leggerezza.

Tuttavia questi quattro ragazzi naif, tanto stonati quanto scoordinati, che sembrano passati di lì per bere una cosetta, sono iscritti a chiare lettere nella storia del concorso per due ragioni: una di queste è quella di essersi scambiati il primo bacio gay della storia dell’Eurovision, e la seconda è di aver irritato moltissimo il broadcaster israeliano proprio per la bandiera siriana brandita con orgoglio al termine dell’esibizione, tanto da rifiutarsi di rimborsare le spese del viaggio alla delegazione.

Sa’ma’eck, al di là dello stile allegro e gaio, è una canzone che parla di kibbutz, di guerre e di amore come antidoto all’odio: “E ora ho un nuovo ragazzo di Damasco / Quando sono triste, mi manda una rosa rossa.


Nonostante le buone intenzioni totalizzarono solo 7 punti, chiudendo al 22° posto. Peggio di loro fecero solo Francia e Belgio.

Usa le frecce <-> per scorrere

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

thailandia diritti lgbt thailandia diritti lgbt

Unioni civili in arrivo in Thailandia, è la seconda volta in Asia

Mondo

Temptation Island, 7° edizione e del congiuntivo nessuna traccia

Sociality

disclosure netflix recensione disclosure netflix recensione

“Disclosure”, viaggio catartico oltre gli stereotipi transgender sullo schermo (recensione)

Spettacolo

rimborsi voucher rimborsi voucher

Rimborso viaggi: cosa cambia l’intervento della Commissione Europea

Legalità

primario devo perdere tempo con questo frocio primario devo perdere tempo con questo frocio

Varese, primario offende un paziente sedato “questo fr*cio”: denunciato e sospeso

Human Rights

365 giorni recensione film 365 giorni recensione film

365 GIORNI _ Perché è un film brutto e pericoloso (recensione)

Spettacolo

polonia omofobia polonia omofobia

Polonia, Duda vuole il divieto costituzionale alle adozioni gay

Mondo

ennio morricone cinema ennio morricone cinema

Addio a Ennio Morricone. #Le5 colonne sonore che hanno fatto la storia del cinema

Spettacolo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora