fbpx
Connettiti con noi

Legalità

Genitori in ritardo al suono della campanella.

A cura di Sara Astorino.


Molte volte sorgono conflitti tra genitori e insegnati o insegnati e dirigente scolastico legati al ritardo con cui i genitori si recano a scuola per riprendere i figli dopo il suono dell’ultima campanella.

Non si parla di ritardi occasionali, che possono essere tollerati, ma di ritardi che si verificano di frequente e che hanno delle tempistiche inaccettabili.

Secondo alcuni genitori, infatti, l’insegnate è tenuto a rimanere a scuola col bambino fino a quando il genitore, o un delegato, non si recherà a prenderlo.

Gli insegnanti, invece, ritengono che non sia giustificabile un atteggiamento di ritardo costante che, di fatto, implica un illegittimo ed ingiustificato prolungamento del loro orario di lavoro.

Non esiste, invece, una posizione unica assunta dai Dirigenti scolastici.

Alcuni condividono la posizione degli insegnanti mentre altri ritengono che i docenti dell’ultima ora di lezione, soprattutto in caso di bambini particolarmente piccoli, debbano attendere per un tempo indefinito l’arrivo del genitore.

Chi ha ragione?


La risposta a questa domanda si trova nella normativa di vigilanza degli alunni durante l’entrata e l’uscita da scuola.

Chi è tenuto alla vigilanza?

Cominciamo col dire che la vigilanza sugli alunni è esercitata tanto dai docenti quanto dal personale della scuola e dal personale ausiliario.

Cosa prevede l’obbligo di vigilanza posto a carico del docente?


L’art. 29, comma 5, del CCNL pone lìobbligo dell’insegnante fi vigilare sugli alunni per tutto il corso delle lezioni e per tale scopo gli stessi devono trovarsi in classe cinque minuti prima delle lezioni ed assistere all’uscita degli alunni.

Quando ci sono alunni particolarmente piccoli, si pensi alla scuola primaria, l’insegnate dell’ultima ora deve accompagnare gli alunni e deve verificare che all’uscita ci siano i genitori.

Questo perché sarebbero direttamente responsabili laddove affidassero un bambino ad una persona non delegata.

Si pensi ai casi di conflitto sulla genitorialità o a i casi di minori sottratti dal genitore che non ne aveva la custodia.

Cosa accade se il genitore o un suo delegato non è presente?

Ebbene l’insegnante non ha l’obbligo di attendere l’arrico del genitore.

Ha, invece, il diverso obbligo di segnalare al dirigente scolastico ( o al vicario) la mancata presenza del genitore e di “consegnare” l’alunno alla vigilanza dei collaboratori scolastici.

Cosa comporta?

Il corretto rispetto della normativa determinerà che il collaboratore scolastico dovrà sorvegliare l’alunno e, pertanto, non potrà svolgere le ordinarie mansioni.

Sarà, inoltre, onere dei collaboratori scolastici prendere contatto con i familiari e con i delegati della famiglia per assicurarsi che l’alunno rimanda meno tempo possibile all’interno dell’istituto.

E’ evidente che il mancato svolgimento delle proprie mansioni ricadrà negativamente anche sugli altri alunni che troveranno ad esempio le aule sporche.

Cosa succede se il ritardo è cronico e non episodico?

Nel caso in cui il ritardo non sia episodico ma cronico la scuola ha la facoltà, non l’obbligo, di avvisare l’Autorità giudiziaria, Polizia e/o Carabinieri, affinché vengano effettuate idonei indagini sugli episodi di abbandono temporaneo del minore.

La foto utilizzata per questo articolo è stata estratta dal sito. http://www.familing.it/puntualmente-in-ritardo/

Scritto da

Non faccio l'Avvocato ma lo sono. Calabra di nascita e "fiorentina" per adozione.

Mostra i commenti

Articoli simili

Zannoni (con la sua faina) vince il 60° Premio Campiello

News

I MIEI STUPIDI INTENTI di Bernardo Zannoni (Sellerio) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

IL GIORNO IN CUI DIEDI FUOCO ALLA MIA CASA di Francesca Mattei (Pidgin) | Finalista premio John Fante 2022

Storie e Culture

MAI STATI INNOCENTI di Valeria Gargiullo (Salani) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×