fbpx
Connettiti con noi
george floyd morte

Mondo

George Floyd, la ricostruzione dei suoi ultimi venti minuti di vita

In un video di 9 minuti pubblicato lo scorso 31 maggio, il New York Times ha ricostruito gli ultimi istanti di vita di George Floyd, il cittadino afroamericano ucciso dall’agente Derek Chauvin lo scorso 25 maggio dopo l’arresto della polizia di Minneapolis.


In questi 9 minuti, la ricostruzione si basa sulla combinazione dei video girati dai presenti, dalle telecamere di sicurezza, l’analisi dei documenti ufficiali e il supporto di esperti di consulenza.

Il lasso di tempo intercorso tra l’intervento della polizia e l’arrivo della prima squadra di soccorso è di circa venti minuti, sufficienti perché George Floyd, immobilizzato da Chauvin e dai suoi colleghi, dopo aver ripetutamente lamentato problemi di respirazione, morisse per asfissia.

Il video contiene immagini che potrebbero urtare la sensibilità dello spettatore. Segue la trascrizione dei sottotioli del video.

È un lunedì sera a Minneapolis. La polizia risponde a una chiamata su chi, presumibilmente, ha usato una banconota da 20 dollari falsi per comprare delle sigarette.

17 minuti dopo, l’uomo su cui la polizia stava investigando giace immobile a terra, e viene dichiarato morto poco dopo. L’uomo è George Floyd, di 46 anni. Un buttafuori originario di Houston che aveva perso il lavoro in un ristorante in seguito alla pandemia di coronavirus.

La morte di Floys ha scatenato grandi proteste a Minneapolis, e la rabbia in tutto il paese. Quattro ufficiali sono stati licenziati e posti sotto inchiesta. Uno di loro, Derek Chauvin, è stato arrestato e accusato di omicidio e omicidio colposo.

Grazie all’analisi dei video degli astanti, i video di sicurezza, i filmati e l’audio dello scanner della polizia, l’interrogazione di testimoni ed esperti che hanno esaminato i documenti rilasciati dalle autorità, si è cercato di creare un quadro completo possibile e comprendere meglio come George Floyd sia morto in custodia della polizia.

Gli eventi del 25 maggio iniziano qui: Floyd è seduto al posto di guida del suo SUV blu. Dall’altra parte della strada c’è un minimarket chiamato Cup Food. Filmati da questa videocamera di sicurezza del ristorante ci aiutano a capire cosa succede dopo.

Alle 19:57, due impiegati provenienti da Cup Food affrontano Floyd su una presunta banconota contraffatta appena usato nel loro negozio per comprare sigarette, chiedendone la restituzione. I due tornano a mani vuote. Quattro minuti dopo chiamano la polizia. Secondo la trascrizione del 911, un dipendente afferma che Floyd abbia usato delle banconote false per comprare sigarette, che è “terribilmente ubriaco” e “non ha il controllo di se stesso“.

Il primo veicolo della polizia arriva presto sulla scena. Gli agenti Thomas Lane e J. Alexander Kueng si avvicinano al SUV blu. Pochi secondi dopo Lane estrae la pistola, e non sappiamo esattamente perché. Ordina a Floyd di mettere una mano sul volante. […] Dopo circa 90 secondi gli agenti strattonano Floyd per tirarlo fuori dal SUV.

Un uomo filma da un’auto parcheggiata dietro di loro.


Gli ufficiali ammanettano le mani di Floyd dietro la schiena e Kueng lo accompagna al muro del ristorante.

Va bene, come ti chiami?” dalla trascrizione del 911 e dal filmato conosciamo ora tre fatti importanti.

In primo luogo, la polizia credeva di rispondere a un uomo ubriaco e fuori controllo. In secondo luogo, anche se la polizia si aspettava la situazione, possiamo vedere che il Floyd non ha agito violentemente, e terzo, che sembra essere già in difficoltà.

derek chauvin
Derek Chauvin, l’agente responsabile per la morte di George Floyd.

Sei minuti dopo l’arresto, i due ufficiali tornano al loro veicolo. Mentre degli ufficiali si avvicinano alla loro macchina, possiamo vedere Floyd cadere a terra. Secondo la denuncia penale presentata contro Chauvin, l’ufficiale che è stato successivamente arrestato, Floyd afferma di essere claustrofobico e si rifiuta di entrare nell’auto della polizia. Durante la lotta, Floyd sembra girare la testa per rivolgersi più volte agli ufficiali. Secondo la denuncia, dice loro di non riuscire a respirare.

Alle 8:17, nove minuti dopo l’arresto, arriva la terza e ultima macchina della polizia sulla scena. Trasporta gli ufficiali Tou Thao e Derek Chauvin. Entrambi hanno precedenti di denunce presentate contro di loro. Thao una volta fu citato in giudizio lanciando un uomo a terra e colpendolo, Chauving è stato coinvolto in tre sparatorie della polizia, una delle quali fatale.

Chauvin viene coinvolto nella lotta per far salire Floyd a bordo della macchina. I filmati delle telecamere di sicurezza di Cup Food mostrano Kueng alle prese con Floyd. Chauvin lo trascina attraverso il sedile posteriore e sulla strada. Non sappiamo perché. Floyd ora è sdraiato sul marciapiede, a faccia in giù. È allora che due testimoni iniziano a girare, quasi contemporaneamente.

Il filmato del primo testimone ci mostra che tutti e quattro gli ufficiali sono ora riuniti intorno a Floyd. È il primo momento in cui possiamo vedere chiaramente che Floyd è a faccia in giù a terra con tre ufficiali che fanno pressione su collo, busto e gambe.

Alle 8:20 sentiamo la voce di Floyd per la prima volta: “Non riesco a respirare, amico”, per favore“.

Il video si ferma quando Lane sembra dire alla persona che sta girando di andarsene.

Gli agenti trasmettono un Codice 2, richiesta di assistenza medica non di emergenza per un infortunio alla bocca di Floyd. Sullo sfondo, si può sentire Floyd che ansima.

La chiamata viene rapidamente aggiornata a un Codice 3, chiamata per assistenza medica di emergenza.

Adessoi un altro spettatore, la 17enne Darnella Frazier, sta girando da una prospettiva diversa. Il suo filmato mostra che, nonostante le richieste di assistenza medica, Chauvin rimane bloccato per altri sette minuti. Non possiamo vedere se Lueng e Lane stanno ancora facendo pressione.

Floyd: ansimante
Chauvin: che cosa vuoi?
Floyd: Non riesco a respirare, per favore, il ginocchio nel mio collo … Non riesco a respirare.
Chauving: Beh, alzati, in macchina, amico.
Floyd: Lo farò.
Chauvin: Alzati, sali in macchina.
Floyd: Non riesco a muovermi.

Nei due video, Floyd può essere ascoltato dicendo agli ufficiali che non riesce a respirare almeno 16 volte in meno di cinque minuti. Ma Chauvin non toglie mai il ginocchio da Floyd, anche quando i suoi occhi si chiudono e sembra incosciente.

Secondo gli esperti medici e di polizia, questi quattro agenti stanno commettendo una serie di azioni che violano le politiche della polizia e, in questo caso, diventano fatali. Hanno tenuto Floyd disteso a faccia in giù, esercitando pressione per almeno 5 minuti.

Questa azione combinata ha probabilmente compresso il suo petto rendendo impossibile respirare. Chauving sta spingendo il suo ginocchio al collo di Floyd, una mossa vietata dalla maggior parte dei dipartimenti di polizia.

La politica dei dipartimenti di polizia di Minneapolis afferma che un ufficiale può farlo solo in caso di “resistenza attiva”. E anche se gli agenti chiedono assistenza medica, non prendono provvedimenti per soccorrere Floyd da soli mentre aspettano l’arrivo dell’ambulanza.

Secondo la denuncia contro Chauvin, Lane gli chiede due volte di far rotolare Floyd dall’altra. Chauvin dice di no.

8:27 – 20 minuti dopo l’arresto, un’ambulanza arriva sulla scena.

Passante: levati dal collo!
Passante2: è ancora addosso a lui?

Il soccorritore, finalmente giunto, controlla il polso di Floyd

Passante: davvero?

Chauvin tiene il ginocchio sul collo di Floyd per quasi un altro minuto intero, anche se Floyd sembra non rispondere. Scende solo quando glielo dice il soccorritore.

Chauvin ha tenuto il ginocchio sul collo di Floyd per un totale di 8 minuti e 46 secondi, secondo la denuncia presentata contro di lui. Floyd viene quindi caricato nell’ambulanza, che lascia la scena, forse perché si sta formando una folla.

L’unità medica ha richiesto ulteriore assistenza medica da parte dei vigili del fuoco.

8:32 – ma quando arrivano i vigili, gli ufficiali non danno loro “alcuna informazione chiara sul floyd o dove si trova“, secondo il rapporto sugli incidenti dei vigili del fuoco. Ciò ritarda la loro capacità di aiutare i paramedici.

Nel frattempo, Floyd sta andando in arresto cardiaco. È dichiarato morto al vicino ospedale intorno alle 21:25.

floyd proteste
credits: Getty Images

Il rapporto preliminare sull’autopsia di Floyd, citato nella denuncia contro Chauvin, sostiene che gli effetti combinati di essere trattenuti, da parte della polizia e del malessere cardiaco sottostante, hanno contribuito alla sua morte.

L’avvocato dei familiari di Floyd ha rivelato le conclusioni dell’autopsia indipendente richiesta dalla famiglia. Secondo questo esame autoptico condotto da Michael Baden e dalla patologa Allecia Wilson dell’università del Michigan,la morte di Floyd è stata «un omicidio causato dall’asfissia provocata dalla compressione della schiena e del collo che ha portato alla mancanza di flusso sanguigno al cervello».

I video diffusi non dipingono l’intero quadro di ciò che è accaduto a George Floyd: ulteriori immagini e audio dalle telecamere dei palazzi di fronte potrebbero rivelare di più sul perché sia iniziata la lotta e su come si è intensificata. La polizia ha rapidamente licenziato tutti e quattro gli ufficiali e Chauvin è stato accusato di omicidio e omicidio colposo. Ma per molti, nulla di tutto questo è stato sufficiente e l’indignazione per la morte di George Floyd si è diffusa sempre più negli Stati Uniti

Mentre in tutto il paese divampano le proteste contro l’uccisione di Floyd, i governatori democratici di alcuni degli stati più popolosi della nazione hanno respinto l’invito del presidente Donald Trump di schierare le forze armate statunitensi per «dominare le strade» in risposta alla violenza che è scoppiata in tutto il paese.

Stando ai report pubblicati negli Stati Uniti, nel paese si conferma una situazione di violenza che colpisce soprattutto i neri. Una ricerca pubblicata qualche anno fa sulla rivista scientifica Plos One evidenzia questo divario: negli USA un afroamericano disarmato ha una probabilità di essere ucciso dalla polizia  3,5 volte superiore rispetto a un cittadino bianco ugualmente disarmato. Questo dato, in alcune contee, si spinge fino a 20 volte più su.

Nello stesso dossier si legge che la probabilità un nero ha più possibilità di essere sparato dalla polizia nelle città più grandi, dove i salari medi sono più bassi e c’è un gran numero di residenti neri. Bisogna inoltre sottolineare che non vi è relazione “tra l’influenza razziale negli spari della polizia e il tasso di crimine”: ciò vuol dire che il tasso di violenza della polizia non corrisponde al tasso di criminalità.

Secondo i dati rilasciati dal sito mappingpoliceviolence.org, il 99% degli agenti che vengono accusati o condannati per questi eventi non riporta accuse di tipo penale.

Fonte: New York Times, Il riformista

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora