Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
gay pride tbilisi

Human Rights

Georgia, il Pride si è svolto senza scontri nonostante le minacce dei gruppi fascisti

Aggiornamento ore 19:50 +++ TBILISI: IL PRIDE SI E’ SVOLTO SENZA SCONTRI +++


Secondo quanto si apprende dalla pagina fb Tbilisi Pride, oggi pomeriggio si è svolta senza intoppi la prima Pride March della Georgia.

Il primo Pride di Tbilisi ha finalmente avuto luogo! Nonostante il fatto che i gruppi radicali e il governo abbiano fatto del loro meglio per sabotare i nostri eventi, oggi siamo riusciti a celebrare la nostra Marcia della dignità!” si legge da una nota degli organizzatori. “Lo spazio pubblico appartiene anche a noi e non siamo disposti a rinunciarci!

Per motivi di sicurezza, era stata diramato dalla polizia un comunicato riguardante un ennesimo rinvio della parata, al fine di disperdere i manifestanti anti lgbt. Il leader del movimento di protesta Levan Vasadze ha dovuto arrendersi quando, una volta accortosi del fallimento della sua contro-manifestazione, ha visto un drone con una bandiera arcobaleno volare sulla sua testa.

Tbilisi (GEORGIA) – Sarebbe dovuto tenersi lo scorso 22 giugno il primo Tbilisi Pride, rinviato ad oggi a seguito delle proteste dei gruppi di estrema destra e dell’influenza della chiesa ortodossa.

Stiamo arrivando!“. L’esclamazione è perentoria e inequivocabile sulla pagina facebook ufficiale della prima marcia dell’orgoglio dello Stato caucasico. “Il Ministero degli affari interni ha piene risorse per garantire la messa in sicurezza della marcia in un clima sicuro e protetto. Speriamo che il governo della Georgia – conclude il comunicato – sia pienamente consapevole della responsabilità che gli è stata imposta e che sia all’altezza del compito” .

Tuttavia, gruppi di estrema destra (riuniti sotto l’egida del nome “alfa dominante”) sono seriamente intenzionati ad interrompere la marcia, definita “propaganda lgbt“, organizzando una contromanifestazione che potrebbe sfociare addirittura in atti di violenza.

georgia pride

L’ex premier “Marcia provocatoria, rabbia comprensibile”

Gli esponenti del partito conservatore di maggioranza in carica in Georgia non ha accolto piacevolmente l’organizzazione del Pride a Tibilisi.
Nonostante diversi avvertimenti” ha tuonato ieri l’ex Primo Ministro georgiano Irakli Garibashvili (leader del partito al governo) durante un’intervista rilasciata alla tv “stanno ancora cercando di fare in modo che questa marcia avvenga. La definisco una marcia provocatoria, che non ha nulla a che fare con l’orgoglio – e continuando – La maggior parte della nostra società è conservatrice, quindi la loro rabbia contro questo tipo di parate è assolutamente comprensibile.

Ma non è bastato giustificare la rabbia di un gruppo di fascisti. L’ex Premier si è poi scagliato contro la comunità lgbt in quanto “minoranza” minimizzandone i problemi e le istanze: “Se sono in minoranza, smetto di irritare le persone e non cerco di provocare la società. In realtà, hanno zero problemi. Siamo una nazione tollerante. Questo è un problema immaginario e una provocazione pianificata dal partito di opposizione contro il nostro stato“.

presidente georgia
L’ex Presidente della Georgia Irakli Garibashvili

Le ragioni del rinvio

Gli organizzatori del Tibilisi Pride hanno dovuto rinviare la Marcia dopo che la polizia ha sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma per fermare la folla che protestava contro la visita di un parlamentare russo, e in seguito ai blitz degli squadristi di estrema destra e dei militanti ortodossi negli uffici degli attivisti LGBTI dello scorso 19 giugno.

Visto il clima di grande contrasto tra attivisti rainbow e conservatori (politici e religiosi), si è optato per il rinvio della Marcia per non inasprire la tensione tra le parti.

BL Magazine seguirà la situazione e vi aggiornerà sugli sviluppi.


Le proteste per la cancellazione del Pride a Tbilisi dello scorso Giugno

I diritti lgbt in Georgia

Nonostante gli atteggiamenti poco accoglienti e inclusivi della società e l’omofobia diffusa, la Georgia vanta politiche (almeno sulla carta) piuttosto buone per quanto riguarda la comunità lgbt, soprattutto considerando il contesto geopolitico in cui è inserita (la persecuzione delle persone lgbti in Azerbaijan, Cecenia e Iran sono all’ordine del giorno).

L’omosessualità è legale dal 1990, ossia da subito dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, e sebbene dal 2017 il matrimonio egualitario sia definito incostituzionale, la Georgia proibisce direttamente la discriminazione in base all’orientamento sessuale e all’identità di genere (anche sul luogo di lavoro) e considera i crimini di matrice omofobica un fattore aggravante di azione penale. Peccato che la legge, per quanto vigente, trovi scarsa applicazione per via dell’omofobia diffusa che scoraggia le denunce.

fonte: Gaystarnews
Photos: Tbilisi Pride Official Page

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

i simpson coming out i simpson coming out

Quando anche i Simpson hanno fatto coming out (Speciale Coming Out Day)

Sociality

leggi sodomia stati uniti leggi sodomia stati uniti

Nell’Idaho (USA) si puniscono ancora gli atti sessuali “contro natura”

Mondo

.gay dominio siti web .gay dominio siti web

Nasce il dominio .gay, per un web sempre più arcobaleno

Sociality

barbados gay rights barbados gay rights

Dall’ergastolo alle unioni civili: la svolta di Barbados nei diritti LGBT+

Mondo

trump obiezione di coscienza lgbt trump obiezione di coscienza lgbt

L’amministrazione Trump non è LGBT friendly e lo dimostrano 172 motivi

Mondo

coming out coming out

I genitori religiosi reagiscono due volte peggio degli altri al coming out dei propri figli

Mondo

tel aviv pride tel aviv pride

Primo sì al divieto delle terapie di conversione in Israele

Mondo

corte di giustizia europea lgbt corte di giustizia europea lgbt

Corte Europea, una sentenza prende posizione contro la discriminazione lgbt+

Human Rights

Scopri i nostri social