Connect with us

Dr. Rainbow

Giornata della Visibilità Bisessuale: né diversamente etero, né diversamente omo

Nello sbandierato acronimo “LGBT”, la terza lettera è spesso quella più bistrattata e vittima di discriminazione nello stesso ambiente arcobaleno.

È la “b” di bisessuale, che raggruppa tutti quei soggetti che sono attratti, affettivamente e fisicamente, da persone di entrambi i sessi.

Oggi 23 settembre si celebra la Giornata Mondiale della Visibilità Bisessuale, istituita esattamente vent’anni fa in occasione della International Lesbian and Gay Association Conference di Johannesburg (Sudafrica) dagli attivisti americani Wendy Curry, Michael Page e Gigi Raven Wilbur, con l’obiettivo colmare il gap di influenza e accettazione all’interno della società di una categoria ancora piuttosto invisibile e marginalizzata, anche nell’ambito della comunità rainbow.

Fu scelta la data simbolica del 23 settembre come Bisexual Pride and Bi Visibility Day, in quanto settembre era il mese del compleanno di Freddie Mercury.

In Italia questa ricorrenza è giunta solo due anni fa, a Padova, e in seguito al primo Bi Visibility Day diverse associazioni LGBT hanno lanciato campagne contro la bifobia, con slogan come “To BI or not to BI” e “Bi happy

giornata mondiale visibilità bisessuale
Essere bisessuali “Non è una fase”

Bisex, i grandi invisibili della comunità LGBT

La bifobia configura l’avversione e l’intolleranza verso la bisessualità e i bisessuali, e come accade per l’omofobia è spesso alimentata da stereotipi negativi.

In uno scenario di sfumature sessuali sempre più nutrito, nel quale la parola “fluidità” sembra essere la chiave di volta dell’apparato sessuale moderno, la bisessualità sembra essere perennemente malvista da chi gode di uno status di preferenza unitario.

Se da un lato le visioni contemporanee di pansessualità e sapiosessualità ci pongono verso un’accettazione globale dell’amore onnicomprensivo, l’essere bisessuali non si scardina facilmente dal concetto di promiscuità e infedeltà, e tra le critiche più comuni che vengono poste ai soggetti bisessuali resiste il mancato coraggio di maturare la consapevolezza di essere gay o lesbiche.

Non è facile dichiararsi serenamente bisessuale, né questo termine sembra essere di uso comune nei media o nelle narrazioni televisive e cinematografiche di oggi (ad eccezione della nota serie Orange is the new black, tanto per citare un esempio positivo), ed è anche per questo che vi sono ancora molte resistenze nel fare coming out.

La bifobia è una forma di violenza, costringere qualcuno a definirsi etero/gay è una forma di coercizione, esattamente come quella generata dagli impulsi eteronormativi verso gli omosessuali. Se i Pride non bastano, giornate come questa saranno necessarie a sensibilizzare non solo la società, ma anche quella frangia di comunità rainbow che interpreta la bisessualità come un errore.

Written By

Sono nato a Monopoli (BA) 33 anni fa. Ormai prossimo alla resurrezione, mi sposto tra la Puglia e la Città Eterna. Respiro e scrivo, come dicono i Baustelle. Dirigo BL Magazine dove mi occupo soprattutto di diritti umani, cultura, tv e spettacolo.

Comments
bl magazine
Advertisement

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

Sport e baci, i più belli del mondo

Storie e Culture

Alla scoperta dei Nobel per la Letteratura 2018 e 2019

Storie e Culture

Karl Heinrich Ulrichs, la storia del primo scrittore ad aver fatto Coming Out

Storie e Culture

#3Film sul COMING OUT Che Non Sapevi Di Voler Vedere

Spettacolo

#Le5 esperienze di coming out dei nostri lettori (Speciale Coming Out Day)

Storie e Culture

11 ottobre: COMING OUT DAY. Quando dichiararsi rende liberi

Human Rights

“Pestilenza arcobaleno”: in Polonia la politica e la chiesa seminano omofobia per vincere le elezioni

Mondo

“No alle barriere architettoniche. Si alla libertà di movimento”: i diritti dei disabili sono diritti umani

Human Rights

Connect
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli