Connect with us
se questo è un uomo

Culture

I 100 anni di Primo Levi, simbolo di una memoria da custodire

Il 31 luglio 1919 nasceva a Torino Primo Levi.

Simbolo italiano della lotta all’antisemitismo, Primo Levi sopravvisse alla deportazione nel campo di sterminio di Auschwitz, dove rimase per circa un anno.

Nato da una famiglia di origine ebraica, subisce gli effetti delle leggi razziali sin dall’Università, dove portò a termine a fatica gli studi in chimica. Dopo la laurea si avvicina agli ambienti antifascisti e viene presto arrestato per essere condotto ad Auschwitz. La drammatica esperienza nel campo di concentramento è raccontata nel toccante romanzo “Se questo è un uomo”, di cui Levi confesserà essere «nato fin dai giorni di lager per il bisogno irrinunciabile di raccontare agli altri, di fare gli altri partecipi».

Ad oggi, “Se questo è un uomo” è una delle opere memorialistiche sui lager nazisti più lette e più complete della storia della letteratura. Alle testimonianze della vita ad Auschwitz, infatti, si alterna l’analisi delle complesse regole della società dei detenuti.

riassunto se questo è un uomo levi

Il lungo e travagliato viaggio di ritorno dal lager verso casa di Primo Levi, che lo vide attraversare ben sei nazioni, è descritto nel romanzo “La tregua“, diventato nel 1997 un film con John Turturro (nei panni di Levi) per la regia di Francesco Rosi.

In occasione del centenario dalla nascita, numerose iniziative in Italia e nel mondo, dal Brasile alla Turchia celebreranno la memoria dello scrittore con momenti di lettura, riflessioni e approfondimenti tratti dai suoi capolavori letterari.

Ricordare oggi Primo Levi è quanto mai necessario per rinsaldare il legame di ognuno di noi con la memoria del dolore, perché l’antisemitismo, soprattutto quello emergente, resti confinato ad una dimensione ideologica malata e incompatibile con i valori di uguaglianza e convivenza tra i popoli.

La memoria va custodita, protetta, salvaguardata. Così come vorrebbe Primo Levi.

Written By

Sono nato a Monopoli (BA) 33 anni fa. Ormai prossimo alla resurrezione, mi sposto tra la Puglia e la Città Eterna. Respiro e scrivo, come dicono i Baustelle. Dirigo BL Magazine dove mi occupo soprattutto di diritti umani, cultura, tv e spettacolo.

Comments
bl magazine
Advertisement

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

BOO CLUB - Tutto può succedere BOO CLUB - Tutto può succedere

BOOK CLUB – L’amore ai tempi del viagra e del vino

Spettacolo

cinema e giornata della memoria cinema e giornata della memoria

Una cinepresa accesa sulla GIORNATA DELLA MEMORIA

Spettacolo

Hannah Arendt La banalità del male Hannah Arendt La banalità del male

“La Banalità del Male: Eichmann a Gerusalemme” di HANNAH ARENDT

Culture

LA CITTA’ DEGLI ORSI di Fredrik Backman (Mondadori)

Culture

L’Attentissima di Teresa De Sio

Culture

Il Fascismo Eterno di UMBERTO ECO

Culture

Chiamami col tuo nome – Il Llibro

Culture

Connect
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli