fbpx
Connettiti con noi
coming out

Mondo

I genitori religiosi reagiscono due volte peggio degli altri al coming out dei propri figli

Le persone LGBT+ con genitori religiosi o di stampo conservatore hanno 2,5 volte più possibilità di affrontare il rifiuto in seguito al coming out in famiglia. In relazione a questo, il 70% di chi riceve una reazione negativa soffre di ansia, depressione e pensieri suicidi.


È l’esito di un nuovo sondaggio della Fondazione Naz & Matt, istituita dall’inglese Mat Mahmood-Ogston dopo la morte del suo fidanzato Naz, suicidatosi dopo il rifiuto dei suoi genitori musulmani di accettarlo in quanto omosessuale. Sulla home page del sito della Naz & Matt Foundation campeggia lo slogan “La nostra missione è di non lasciare mai che la religione, nessuna religione, si frapponga all’amore incondizionato tra genitori e figli“.

Il sondaggio, realizzato su un campione di ragazzi inglesi, dimostra tuttavia che la maggior parte dei genitori accetta l’omosessualità dei propri figli, e che solo il 25% delle persone aderenti a qualche credo religioso, o di stampo conservatore, hanno registrato reazioni sfavorevoli al coming out dei propri parenti più prossimi. La percentuale dei genitori non credenti – o non conservatori – che non hanno accettato i propri figli gay è invece ferma al 10%. Altri genitori potrebbero essere risultati positivi, neutrali o si sono rifiutati di rispondere.

Mahmood-Ogston ha dichiarato a GayStarNews che l’omofobia innescata da famiglie religiose o culturalmente conservatrici è molto diffusa. “Abbiamo commissionato questo nuovo sondaggio per comprendere meglio le sfide che le persone LGBTQI + affrontano e l’impatto a volte devastante che hanno sulla loro salute mentale.” ha

I ricercatori hanno scoperto che le persone LGBT+ di origine religiosa o culturalmente conservatrice hanno il 30% in meno di probabilità di dichiararsi ai propri genitori o alle proprie famiglie rispetto ad altre persone LGBT + nel Regno Unito.

Effettivamente, il 27% del campione ha dichiarato di non essersi dichiarato perché temeva di deludere i genitori, il 23% temeva rabbia e aggressività e il 19% era preoccupato che i loro genitori li avrebbero diseredati. Paure fondate da dati concreti: tra coloro che hanno subito una reazione negativa al coming out, il 43% ha affrontato la rabbia dei propri familiari e il 13% è stato oggetto di abusi.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora