Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
coming out

Mondo

I genitori religiosi reagiscono due volte peggio degli altri al coming out dei propri figli

Le persone LGBT+ con genitori religiosi o di stampo conservatore hanno 2,5 volte più possibilità di affrontare il rifiuto in seguito al coming out in famiglia. In relazione a questo, il 70% di chi riceve una reazione negativa soffre di ansia, depressione e pensieri suicidi.


È l’esito di un nuovo sondaggio della Fondazione Naz & Matt, istituita dall’inglese Mat Mahmood-Ogston dopo la morte del suo fidanzato Naz, suicidatosi dopo il rifiuto dei suoi genitori musulmani di accettarlo in quanto omosessuale. Sulla home page del sito della Naz & Matt Foundation campeggia lo slogan “La nostra missione è di non lasciare mai che la religione, nessuna religione, si frapponga all’amore incondizionato tra genitori e figli“.

Il sondaggio, realizzato su un campione di ragazzi inglesi, dimostra tuttavia che la maggior parte dei genitori accetta l’omosessualità dei propri figli, e che solo il 25% delle persone aderenti a qualche credo religioso, o di stampo conservatore, hanno registrato reazioni sfavorevoli al coming out dei propri parenti più prossimi. La percentuale dei genitori non credenti – o non conservatori – che non hanno accettato i propri figli gay è invece ferma al 10%. Altri genitori potrebbero essere risultati positivi, neutrali o si sono rifiutati di rispondere.

Mahmood-Ogston ha dichiarato a GayStarNews che l’omofobia innescata da famiglie religiose o culturalmente conservatrici è molto diffusa. “Abbiamo commissionato questo nuovo sondaggio per comprendere meglio le sfide che le persone LGBTQI + affrontano e l’impatto a volte devastante che hanno sulla loro salute mentale.” ha

I ricercatori hanno scoperto che le persone LGBT+ di origine religiosa o culturalmente conservatrice hanno il 30% in meno di probabilità di dichiararsi ai propri genitori o alle proprie famiglie rispetto ad altre persone LGBT + nel Regno Unito.

Effettivamente, il 27% del campione ha dichiarato di non essersi dichiarato perché temeva di deludere i genitori, il 23% temeva rabbia e aggressività e il 19% era preoccupato che i loro genitori li avrebbero diseredati. Paure fondate da dati concreti: tra coloro che hanno subito una reazione negativa al coming out, il 43% ha affrontato la rabbia dei propri familiari e il 13% è stato oggetto di abusi.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO a cura di M. D’Orta #10DaysOfHumanRights

Storie e Culture

terapie di conversione testimonianze terapie di conversione testimonianze

«Ho dormito con le braccia divaricate per 6 mesi» – Parla reduce da una terapia di conversione

Human Rights

THE COVE THE COVE

3 film sull’AMBIENTE che non sapevi di voler vedere

Human Rights

dopo di noi come funziona dopo di noi come funziona

“Dopo di noi”: a che punto è l’applicazione della legge che assiste i disabili gravi?

Dr. Rainbow

Logo Logo

Il garante per l’infanzia: un’autorità per il presente e il futuro dei bambini

Human Rights

Come si praticano il nudismo e il naturismo in tempo di Covid?

Sociality

attrice juno trans attrice juno trans

Elliot Page, la star di “Juno” nominata all’Oscar, ha fatto coming out come transgender

Mondo

malta diritto all'aborto malta diritto all'aborto

Malta: l’ultimo paese europeo che vieta l’aborto. Intervista a Voice for Choice

Desdemona

Scopri i nostri social
×