fbpx
Connettiti con noi

Human Rights

I giornalisti Maria Ressa e Dmitry Muratov hanno vinto il Premio Nobel per la Pace

Il Premio Nobel per la Pace è stato assegnato oggi alle ore 11 ai giornalisti Maria Ressa dalle Filippine e Dmitry Muratov della Russia.


La coppia è stata onorata del prestigioso riconoscimento per gli “sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che è una condizione preliminare per la democrazia e una pace duratura“, come riferito dalla presidente del Comitato norvegese per il Nobel, Berit Reiss-Andersen.

Sono rappresentanti di tutti i giornalisti che difendono questo ideale in un mondo in cui la democrazia e la libertà di stampa affrontano condizioni sempre più avverse“, ha affermato.

Chi è Maria Ressa

Maria Ressa, 58 anni, ha detto alla Norwegian TV2 di essere “scioccata” ed “emozionata” nel ricevere l’onore, che avrebbe dato a lei e ai suoi colleghi “un’enorme energia per continuare la lotta“.

Nel 2012, Ressa è stata la co-fondatrice di Rappler, una società di media digitali per il giornalismo investigativo, di cui è tuttora a capo, mentre Muratov ha contribuito all’ideazione del quotidiano indipendente Novaya Gazeta, di cui è caporedattore dal 1995.

Rappler, come affermato da Reiss-Andersen, ha “concentrato l’attenzione critica sulla controversa e omicida campagna antidroga del regime di Duterte” che ha provocato “un numero di morti è così alto che la campagna assomiglia a una guerra condotta contro la stessa popolazione del paese”.

La giornalista di origini filippine ha anche documentato come i social media vengano utilizzati per diffondere notizie false, manipolare l’opinione pubblica e perseguitare gli avversari politici.

Oggi Maria Ressa, che possiede anche la cittadinanza statunitense ed è anche un’ex corrispondente della CNN, è attualmente libera su cauzione in attesa di appello contro una condanna dell’anno scorso in un caso di diffamazione informatica, per il quale rischia fino a sei anni di carcere.


Raggiunta telefonicamente dal comitato, Ressa si è detta “senza parole“.

Ressa: “Un mondo senza fatti è un mondo senza verità e fiducia”

Intervistata a caldo proprio da Rappler, queste sono state le parole di Maria Ressa, “Quando viviamo in un mondo in cui i fatti sono discutibili, quando il più grande distributore di notizie al mondo dà la priorità alla diffusione di bugie intrise di rabbia e odio, e le diffonde più velocemente e oltre i fatti, allora il giornalismo diventa attivismo. E questa è la trasformazione che abbiamo attraversato in Rappler. Come facciamo ciò che facciamo? Come possono i giornalisti continuare la missione del giornalismo? Perché è così difficile continuare a raccontare alla comunità, al mondo, quali sono i fatti? […] In una battaglia per i fatti, immagino che ciò che questo dimostri è che il comitato del premio Nobel per la pace ha capito che un mondo senza fatti significa un mondo senza verità e fiducia“.

Maria Ressa è la prima cittadina di origine filippina a vincere il Premio Nobel individualmente. Prima di lei, Franz Ontal è stato uno dei funzionari dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche che ha vinto il premio nel 2013, mentre l’ex presidente dell’Università dell’Ateneo de Manila, padre Jett Villarin, faceva parte del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici che ha vinto nel 2007 insieme all’ex presidente degli Stati Uniti. vicepresidente Al Gore.

Chi è Dmitry Muratov

Muratov, 59 anni, difende da decenni la libertà di parola in Russia, in condizioni sempre più difficili.


Nel 1993, è stato uno dei fondatori della Novaya Gazeta, che mostra un “atteggiamento fondamentalmente critico nei confronti del potere“, ha affermato il comitato.

Dall’inizio del giornale, ben sei dei suoi giornalisti sono stati uccisi per le loro attività professionali. Questi sono Igor Domnikov (2000), Yuri Shchekochikhin (2003), Anna Politkovskaya (2006), Anastasia Baburova (2009), nonché l’avvocato Stanislav Markelov (2009) e l’attivista per i diritti umani Natalya Estemirova (2009) che hanno lavorato con il comitato editoriale.

Fin dalla sua fondazione nel 1993, Novaya Gazeta ha pubblicato articoli critici su argomenti che vanno dalla corruzione, alla violenza della polizia, agli arresti illegali, alla manipolazione elettorale, alle fabbriche di troll, all’uso delle truppe russe dentro e fuori la Russia. Gli oppositori della Novaya Gazeta hanno risposto con minacce, violenze e omicidi. Da quando il giornale è stato fondato, sei dei suoi giornalisti sono stati uccisi, tra cui Anna Politkovskaya, che scriveva della guerra in Cecenia. Nonostante le uccisioni e le minacce, il caporedattore Muratov non ha abbandonato il principio di indipendenza e ha difeso costantemente il diritto dei giornalisti di scrivere su argomenti selezionati purché soddisfino gli standard professionali ed etici del giornalismo” ha riferito Reiss-Andersen.

Il giornalismo libero, indipendente e basato sui fatti aiuta a proteggere dall’abuso di potere, dalle bugie e dalla propaganda di guerra. Senza la libertà di espressione e la libertà di stampa, sarà difficile promuovere con successo la fratellanza tra le nazioni, il disarmo e un ordine mondiale migliore per avere successo nel nostro tempo“, ha concluso Reiss-Andersen.

Dmitry Muratov

“Questo premio è merito di Anna Politkovskaya e i suoi colleghi”

Muratov, nella sua carriera, si è occupato della guerra in Cecenia, della corruzione globale e interna, delle persecuzioni e delle violazioni dei diritti umani. I giornalisti della pubblicazione sono diventati vincitori di oltre 60 premi professionali, incluso il Pulitzer.

Contattato dall’agenzia di stampa Tass, Muratov ha detto del premio: “Non posso prendermi il merito di questo. Questo è di Novaya Gazeta. È quella di chi è morto difendendo il diritto delle persone alla libertà di parola. È per Igor Domnikov, è per Yura Shchekochikhin, è per Anna Politkovskaya, è per Nastya Baburova, è per Natasha Estemirova, è per Stas Markelov. Questo è per loro“.

Muratov è il terzo russo di sempre a vincere il Premio Nobel per la pace, dopo il fisico e attivista per i diritti umani Andrei Sakharov (1975) e al presidente dell’URSS Mikhail Gorbachev (1990) che, curiosamente, è stato proprio tra i finanziatori di Nobaya Gazeta con i fondi del Nobel per la Pace.

10 milioni di corone

L’anno scorso, l’onore è andato all’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite che combatte la carestia, il World Food Programme (WFP), che ha sede in Italia, a Roma.

Il premio – consistente in un diploma, una medaglia d’oro e un assegno da 10 milioni di corone (980.000 euro, 1,1 milioni di dollari) – viene tradizionalmente assegnato il 10 dicembre, anniversario della morte nel 1896 del creatore del premio Alfred Nobel.

Il Premio per la Pace è l’unico Nobel assegnato nella capitale norvegese.

Nn è ancora noto se Ressa e Muratov potranno recarsi a Oslo per ritirare il premio, a causa della pandemia: sarà l’Istituto Nobel di Oslo a decidere nei prossimi giorni se tenere la cerimonia online o di persona.

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Fondazione Falcone: proposta riforma ergastolo ostativo

Legalità

oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali

oroscoPERÒ_ della beatitudine e della dannazione

Sociality

Barbero e le differenze strutturali delle donne: non è “biologia”, è patriarcato.

Desdemona

LA MAFIA SPIEGATA AI BAMBINI di M. Rizzo e L. Bonaccorso (BeccoGiallo) | Recensione

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×