fbpx
Connettiti con noi
cellule

Dr. Rainbow

I neuroscienziati rilevano cellule “zombi” confuse nel cervello umano dopo la morte

Penseresti che una volta che un umano è morto, il corpo avrebbe finito di fare le cose; senza circolazione sanguigna e aria, i sistemi interni si esaurirebbero rapidamente. Ma a causa di uno strano capriccio della biologia ci sono cose come i morti viventi – cellule viventi, almeno, all’interno di un corpo fatto ed  impolverato.


Alcune cellule del cervello umano aumentano effettivamente la loro attività dopo la morte. Queste cellule “zombi” aumentano la loro espressione genica e continuano coraggiosamente a provare a svolgere i loro compiti vitali, come se qualcuno si fosse dimenticato di dire loro che ora sono ridondanti.

Il neurologo Jeffrey Loeb dell’Università dell’Illinois e colleghi hanno osservato mentre queste cellule germogliavano ostinatamente nuovi tentacoli e si occupavano delle faccende domestiche per ore dopo la morte.

“La maggior parte degli studi presume che tutto nel cervello si ferma quando il cuore smette di battere, ma non è così”, ha detto Loeb. “I nostri risultati saranno necessari per interpretare la ricerca sui tessuti del cervello umano. Non abbiamo quantificato questi cambiamenti fino ad ora”.

Gran parte delle informazioni che abbiamo sui disturbi cerebrali come l’autismo, l’Alzheimer e la schizofrenia, provengono da esperimenti eseguiti sui tessuti cerebrali dopo la morte; questo approccio è fondamentale nella ricerca di trattamenti, poiché i modelli animali per gli studi sul cervello spesso non riescono a tradursi in noi.

Di solito, questo lavoro viene svolto su tessuti di persone decedute oltre le 12 ore. Confrontando l’espressione genica nei tessuti cerebrali freschi (rimossi come parte della chirurgia dell’epilessia da 20 pazienti) con i suddetti campioni cerebrali di persone decedute, Loeb e il team hanno trovato differenze sorprendenti che non erano specifiche per età o malattia.

Hanno utilizzato i dati sull’espressione genica, che in seguito hanno confermato esaminando l’istologia del tessuto cerebrale, per comprendere i cambiamenti dell’attività specifica delle cellule nel tempo dalla morte, a temperatura ambiente.

Mentre la maggior parte dell’attività genica è rimasta stabile per le 24 ore documentate dal team, le cellule neuronali e la loro attività genica si sono rapidamente esaurite. Tuttavia, la cosa più notevole è che le cellule gliali hanno aumentato l’espressione genica ei processi.


via Flickr

Sebbene all’inizio sorprenda, questo in realtà ha molto senso, dato che le cellule gliali, come la microglia e gli astrociti che mangiano rifiuti, vengono chiamate in azione quando le cose vanno male. E morire è tanto “sbagliato” quanto gli esseri viventi possono andare.

“Che le cellule gliali si ingrandiscano dopo la morte non è troppo sorprendente dato che sono infiammatorie e il loro compito è quello di ripulire le cose dopo lesioni cerebrali come la privazione di ossigeno o ictus”, ha detto Loeb.

Il team ha poi dimostrato che l’RNA espresso dai geni non cambia di per sé entro 24 ore dalla morte, quindi qualsiasi cambiamento nella sua quantità deve essere dovuto alla continuazione dei processi biologici.

“L’espressione genica completa di campioni di cervello umano appena isolati consente una visione senza precedenti della complessità genomica del cervello umano, a causa della conservazione di così tante trascrizioni diverse non più presenti nei tessuti post-mortem”, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo.


Ciò ha enormi implicazioni per gli studi passati e presenti che utilizzano il tessuto cerebrale per comprendere le malattie che coinvolgono le risposte immunitarie, come queste cellule gliali “zombi” che si gonfiano mentre divorano inutilmente frammenti di cervelli morenti circostanti.

Dopo 24 ore, tuttavia, anche queste cellule hanno ceduto e non erano più distinguibili dal tessuto degradante che le circondava.

“I ricercatori devono tenere conto di questi cambiamenti genetici e cellulari e ridurre il più possibile l’intervallo post-mortem per ridurre l’entità di questi cambiamenti”, ha spiegato Loeb. “La buona notizia dalle nostre scoperte è che ora sappiamo quali geni e tipi di cellule sono stabili, che si degradano e che aumentano nel tempo in modo che i risultati degli studi post-mortem sul cervello possano essere compresi meglio”.

Anche nella morte, noi entità biologiche non siamo mai del tutto statiche.

Questa ricerca è stata pubblicata su Scientific Reports

Articolo pubblicato su sciencealert.com a cura di Tessa Koumoundouros e tradotto in italiano per Doctor Rainbow da Francesco Grassellini

Scritto da

Mostra i commenti

Articoli simili

5G 5G

Come se ne avessimo bisogno, una revisione importante ha appena confermato che il 5G è completamente sicuro

Dr. Rainbow

dna dna

I ricercatori hanno scoperto il gene responsabile di uno dei cancri al seno più letali

Dr. Rainbow

NON LASCIARMI (Destino) NON LASCIARMI (Destino)

3 film sul DESTINO che non sapevi di voler vedere

Spettacolo

Scopri i nostri social
×