fbpx
Connettiti con noi

Editoriale

Il 2021 in dodici immagini. Un anno da raccontare.

Il 2021 sicuramente verrà ricordato come l’anno dei mutamenti. Un anno di transizione sotto molteplici aspetti: sanitario, climatico e assetto geopolitico. Questo è stato anche l’anno dei “recuperi” dei grandi eventi internazionali: Expo, Olimpiadi e Campionato Europeo delle Nazioni in primis. Lo ricorderemo anche per i trionfi delle italiane e degli italiani a livello planetario: dal Nobel per la Fisica del Professor Parisi, al trionfo dei Måneskin all’Eurovision Song Contest di Rotterdam, che riporterà, nel 2022 a Torino, questa enorme e gargantuesca manifestazione musicale nel nostro paese dopo più di 30 anni. Innumerevoli i trionfi sportivi olimpici, paraolimpici e calcistici.


Altra musica per quanto riguarda il Clima. Il 2021 è stato un annus horribilis a causa di alluvioni, siccità ed eventi disastrosi. A braccetto con il clima la sofferente situazione geopolitica che sta inesorabilmente incattivendo le relazioni internazionali e la stabilità interna di molte nazioni. Scopriamo dunque i 12 scatti che raccontano al meglio gli eventi più significativi del 2021.

GENNAIO

ASSALTO AL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI D’AMERICA (6 gennaio) – L’anno inizia con l’irruzione al Campidoglio da parte di manifestanti pro-Trump, durante la sessione di certificazione della vittoria alle elezioni di Joe Biden. La seduta viene fermata, i parlamentari e il vicepresidente Mike Pence vengono fatti evacuare. Cinque persone muoiono negli scontri. Nella foto il manifestante simbolo dell’irruzione: il sedicente sciamano QAnnon Jake Angeli. Clicca qui per l’approfondimento.

FEBBRAIO

Il 13 Febbraio Mario Draghi e i 23 ministri del suo governo hanno giurano al Quirinale nelle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

L’esecutivo è nelle sue funzioni.

Draghi e tutti i ministri hanno recitato di fronte al Capo dello Stato la seguente formula: “Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione“.

Quello guidato da Draghi è il 67° Governo della Repubblica Italiana. In pochissimi giorni si aprì e si chiuse la crisi di quello precedente, il così detto Conte 2, che vide le dimissioni delle due ministre di Italia Viva. In pochissimi giorni il Presidente Sergio Mattarella nominò Mario Draghi per costituire un nuovo governo.

MARZO

Tra il 23 e il 29 Marzo la NAVE MERCANTILE “EVERGREEN” INCAGLIATA A SUEZ in Egitto paralizzando il commercio mondiale.


 La nave cargo EVERGREEN rimane bloccata per sei giorni nel canale di Suez e riparte soltanto dopo una serie di operazioni di trazione e di dragaggio. Durante lo stop, rimangono in attesa oltre 400 navi e il commercio mondiale perde quasi dieci miliardi di dollari al giorno.

APRILE

Il 6 Aprile: il sofà negato a Von Der Leyen.

Durante la visita della delegazione Ue nella capitale turca, nel palazzo presidenziale di Ankara, il leader di casa Erdogan fa sedere accanto a lui il presidente del Consiglio Ue Charles Michel, lasciando su un divano Ursula von der Leyen. Un video riprende la scena e l’evidente sorpresa della presidente della Commissione Ue che, allargando le braccia, mostra un certo disappunto. La Turchia, criticata da più parti, si difende: “Seguito protocollo standard”.

MAGGIO

Il 22 Maggio, a Rotterdam, i Måneskin vincono l’ESC 2021.


Dopo l’affermazione al Festival di Sanremo, i Måneskin si aggiudicano anche l’Eurovision Song Contest con Zitti e buoni’. In generale il 2021 è un anno trionfale per la band romana acclamata anche negli USA dove, a novembre, apre tra gli applausi un concerto dei Rolling Stones a Las Vegas. Milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

GIUGNO

CRISI CLIMATICA DEL LAGO CIAD.

Nella regione del lago Ciad è attualmente in corso una delle crisi umanitarie più gravi del continente africano. Le aree della Nigeria nord-orientale, del Niger sud-orientale, del Ciad occidentale e del Camerun settentrionale che si affacciano su quel che resta del lago sono colpite da profondi processi di desertificazione e siccità, aggravati ulteriormente da una cattiva gestione delle risorse idriche. La regione è uno dei luoghi al mondo maggiormente colpiti dai cambiamenti climatici tanto che stagioni aride si alternano a periodi di rovesci torrenziali senza precedenti. Nel giugno 2021, la zona ha registrato le precipitazioni più pesanti degli ultimi trent’anni, che hanno causato inondazioni improvvise nei villaggi e nei campi costringendo migliaia di persone a spostarsi. Fame e malnutrizione rimangono a livelli critici: secondo gli ultimi dati rilasciati dalla Nazioni Unite circa 10 milioni di persone nell’area vivono una grave situazione di insicurezza alimentare, di cui 8 milioni solo in Nigeria.

LUGLIO

L’11 Luglio, a Londra, L’ ITALIA VINCE EUROPEI – Al termine di una entusiasmante cavalcata, la Nazionale di Roberto Mancini dopo l’1-1 al termine dei 90’ e dei tempi supplementari, batte l’Inghilterra, a Wembley, ai calci di rigore e si aggiudica Euro 2020. Decisive le parate di Donnarumma, già protagonista in semifinale contro la Spagna. Per gli azzurri è il secondo titolo continentale dopo quello del 1968.

AGOSTO

Le olimpiadi di TOKIO 2020 decretano il miglior successo sportivo per la nostra nazione.

L’Italia ha supera il record storico di medaglie olimpiche: a Tokyo 2020 il medagliere italiano conta 40 podi tra oro, argento e bronzo. Superato il record di Roma 1960 e Los Angeles 1932.

Nella foto lo storico abbraccio tra il centometrista Jacobs e il saltatore Tamberi: vincitori dell’oro olimpico a pochi secondi di distanza.

SETTEMBRE

La Beffa Talebana.

Dopo giorni di rinvii, iniziano a Kabul le attività preparatorie per l’organizzazione della cerimonia di insediamento del governo dei Talebani in Afghanistan. Dopo aver annunciato di voler, simbolicamente, far iniziare la nuova era talebana l’11 settembre, dopo 20 anni dall’attentato alle Torri Gemelle, il nuovo governo torna totalmente sui suoi passi. Inoltre, dopo aver annunciato di volere delle donne nella squadra di governo, sancendo una vera e propria apertura, i Talebani, all’unanimità, estromettono totalmente le donne facendo ripiombare la nazione nell’oscurità della fine degli anni ’90.

OTTOBRE

Il 5 Ottobre, l’Accademia di Svezia annuncia che il Professor Giorgio Parisi vince il premio Nobel per la fisica “per la scoperta dell’interazione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici da scala atomica a scala planetaria”. Parisi, 73 anni, fisico teorico dell’Università Sapienza di Roma e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e vicepresidente dell’Accademia dei Lincei, viene premiato assieme al meteorologo e climatologo giapponese Syukuro Manabe e al modellatore climatico tedesco Klaus Hasselmann.

NOVEMBRE

Reggio Emilia, 19 novembre, Parco della Polveriera, Juana Cecilia Hazana Loayza, 34 anni viene ritrovata sgozzata. Pochi giorni dopo verrà arrestato l’ex compagno della vittima reo del delitto efferato. Novembre decreta inoltre il mese nero dei Femminicidi in Italia. Ad oggi la conta bagnata di sangue ha superato le 100 vittime.

DICEMBRE

Al confine fra Bielorussia, Polonia, Lituania e Lettonia sono fermi migliaia di migranti che provengono dal Medio Oriente grazie alla concessione di visti turistici da parte del Governo di Minsk. Fra loro, persone provenienti da Siria, Iraq, Yemen e Afghanistan che provano ad entrare in Europa in assenza di canali sicuri, mentre i Paesi dell’UE impediscono loro di chiedere protezione.

Come ha sottolineato la Commissaria per gli Affari Interni dell’UE Ylva Johansson, finora “ottomila migranti hanno attraversato le frontiere e si trovano in Lituania, Polonia o Lettonia, in centri di accoglienza. Diecimila migranti sono arrivati in Germania. I numeri sono contenuti, non è una crisi migratoria ma un attacco ibrido”. La crisi che si sta consumando in Bielorussia sta assumendo una portata regionale perché vede contrapporsi, di fatto, l’UE a Bielorussia e Russia, principale sostenitore, in uno scontro regionale dove a pagarne il prezzo più alto sono le persone al confine, private dei loro diritti fondamentali e bloccate al freddo e in condizioni disumane. L’UE da una parte sta applicando severe sanzioni economiche al Paese di Alexander Lukashenko, mentre lo stesso minaccia di fermare le forniture di gas naturale che ogni giorno alimentano i Paesi dell’Unione. La situazione dei migranti al confine tra Bielorussia e Polonia, Lituania e Lettonia è decisamente drammatica. Fra le persone bloccate alla frontiera si contano numerosi bambini, famiglie e altre persone vulnerabili che ogni giorno provano a passare il confine e sono spesso oggetto di respingimenti da parte delle forze di polizia, spesso anche violenti. Sono numerose le notizie di morti, informazioni che potrebbero anche essere parziali, a causa del divieto, per la stampa, per le Nazioni Unite e per le organizzazioni non governative di essere presenti nelle zone di confine. 

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Mostra i commenti

Articoli simili

jorge perlasca jorge perlasca

Perlasca: il finto console che salvò la vita a cinquemila ebrei ungheresi

Storie e Culture

Testimoni di Geova Testimoni di Geova

La persecuzione dei Testimoni di Geova nel regime Nazista

Human Rights

lucy salani sopravvissuta trans lucy salani sopravvissuta trans

Le persecuzioni nazifasciste delle persone trans: la testimonianza di Lucy Salani

Human Rights

enrica calabresi margherita hack enrica calabresi margherita hack

Enrica Calabresi, scienza e coraggio: l’insegnante che non si piegò ai nazisti

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×