Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
bangladesh violenza contro le donne

Human Rights

Il Bangladesh introduce la pena di morte per stupro, ma la soluzione è altrove

Lo stato del Bangladesh introdurrà la pena di morte per chi si macchia del reato di stupro.


Lo scorso lunedì, in conferenza stampa, il segretario di gabinetto Khandker Anwarul Islam ha confermato il varo, da parte del governo, di un emendamento al disegno di legge sulla prevenzione della repressione di donne e bambini atto a punire chiunque venga condannato per stupro con la morte. La legge, attualmente, prevede la reclusione a vita per gli stupratori e la pena capitale è prevista solo per chi commette omicidi a sfondo sessuale.

L’emendamento, secondo quanto affermato dal ministro della Giustizia e della giustizia, Anisul Huq, entrerà in vigore martedì.

La decisione del governo giunge al culmine di un periodo in cui le aggressioni sessuali, sempre più violente, hanno provocato un’ondata di proteste in tutto il paese nelle ultime settimane.

Il video virale e l’esplosione delle proteste

Un mese fa è stato diffuso su facebook il video di una giovane donna aggredita violentemente e stuprata in gruppo nel distretto sud-orientale di Noakhali. Il filmato, che era stato condiviso dagli aggressori per ricattare e far vergognare la vittima, ha portato all’arresto di otto persone.

Il caso della giovane violentata, che ha avuto una fortissima eco mediatica nel paese, ha portato all’insorgere di numerose proteste, nella capitale Dhaka e in altre città, verso una giustizia assente e una politica indifferente nei confronti del problema endemico delle aggressioni sessuali e degli stupri in Bangladesh.

Questo filmato davvero inquietante dimostra la violenza scioccante a cui sono regolarmente sottoposte le donne del Bangladesh. Nella stragrande maggioranza di questi casi, il sistema giudiziario non riesce a ritenere responsabili gli autori“, ha detto il sultano Mohammed Zakaria, ricercatore dell’Asia meridionale di Amnesty International.

La forte indignazione è esplosa al culmine di una serie di episodi di violenza e stupri con vittime di sesso femminile: settimane prima diversi membri della Lega Bangladesh Chhatra, l’ala studentesca del partito al governo, erano stati arrestati e accusati di aver stuprato una donna nella città settentrionale di Sylhet.

Ii manifestanti nelle strade di Dhaka, con cartelli come “Impiccate gli stupratori” e “Nessuna pietà per i violentatori” hanno chiesto pene più severe per il reato di violenza sessuale, compresa la pena di morte.

975 vittime di stupro in meno di un anno in Bangladesh

Stando alle statistiche dell’organizzazione per i diritti umani Ain-o-Salish Kendra, tra gennaio e settembre 2020 sono stati segnalati nel paese almeno 975 casi di stupro, inclusi 208 stupri di gruppo. 161 episodi si sarebbero verificati solo nel mese di settembre, con la metà delle vittime minorenni, secondo il Bangladesh Mahila Parishad.

Sarebbero poi 43 le vittime registrate, alle quali andrebbero aggiunte le 12 donne decedute a causa di suicidio e i 12 manifestanti (tra cui 9 uomini) uccisi durante le proteste. Sei vittime, inoltre, sarebbero state colpite con l’acido mentre l’omicidio di cinque donne avrebbe un legame con questioni di dote.

Il rapporto di ASK si basa sulle informazioni rilevate da nove quotidiani, portali di notizie online e proprie fonti.


Bisogna garantire l’applicazione della legge per prevenire la violazione dei diritti, altrimenti, la cultura dell’impunità si instaura nella società e aumenta il numero di episodi di violazione dei diritti umani“, si legge nel comunicato firmato dal segretario generale di ASK Md Nur Khan.

Nel 2019, sempre secondo ASK, le vittime di violenza erano state 1.413 e le donne uccise 76 (con 10 vittime di suicidio).

HRW: “No alla pena di morte, ma revisione del sistema giudiziario”

Sulla questione non è mancato l’intervento di Human Rights Watch, che si è schierato ovviamente contro la decisione del governo del Bangladesh: “L’introduzione della pena di morte è una decisione sbagliata, non solo perché la pena capitale è intrinsecamente disumana e dovrebbe essere abolita, ma perché non è una vera soluzione alla violenza sessuale“. La previsione dell’emendamento, secondo la ong, potrebbe scoraggiare le donne dal denunciare persone a loro vicine o addirittura incoraggiare gli stupratori ad uccidere le loro vittime per ridurre la probabilità di arresto.

Ciò che richiede lavoro ed è urgentemente necessario – continua HRW – è la revisione di un sistema giudiziario in cui ai sopravvissuti sia garantito accesso ai servizi sanitari e supporto legale.

I crimini di violenza sessuale in Bangladesh oggi sono sottostimati, e anche quando le donne denunciano i crimini subiti, i loro aguzzini sono raramente perseguiti dalla legge. Il tasso di condanne per stupro è infatti molto basso, e ciò offre agli stupratori ogni motivo per essere sicuri di cavarsela.

La Coalizione per la riforma della legge sugli stupri, che riunisce molte associazioni per i diritti delle donne e si oppone fermamente alla pena di morte per stupro, ha redatto una lista di 10 punti per realizzare un’efficace legge contro l’abuso sessuale: la modifica della definizione di stupro per includere tutte le vittime, indipendentemente dall’identità di genere o dallo stato civile, il divieto di utilizzare prove del carattere nei processi per stupro, la formazione della polizia e dei funzionari giudiziari sulla violenza sessuale e di genere e l’offerta di educazione sessuale a tutti i bambini.

Insomma, riparare ai danni di una radicata società patriarcale con la pena di morte non è affatto la soluzione migliore in un paese già negligente nei confronti dei diritti delle donne, prive di tutela sanitaria e legale, discriminate nella società e vittime di revenge porn oltre che di stupro, con tutte le ripercussioni sul piano psicologico e familiare che questi accadimenti, purtroppo, provocano ai danni delle donne oppresse.

All’inizio di quest’anno, l’Alta Corte del Paese ha ordinato al Ministero della Giustizia di formare una commissione entro 30 giorni per affrontare il preoccupante aumento della violenza sessuale. Oltre 9 mesi dopo, la commissione non è stata ancora creata.

Fonte: The Guardian

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

discriminazione asessuali discriminazione asessuali

L’afobia vista da un’attivista asessuale: cos’è e come si manifesta (intervista)

Human Rights

Telegram: “DeepNude” e siamo nudi con un click

Sociality

ddl zan 28 ottobre emendamenti ddl zan 28 ottobre emendamenti

Camera: il ddl Zan prosegue spedito e accoglie anche il contrasto all’abilismo

Human Rights

camilla ragazza lesbica camilla ragazza lesbica

La vicina è lesbica, l’aggrediscono e le danneggiano l’auto: lo sfogo di Camilla sui social

Human Rights

dancer in the dark vent'anni dancer in the dark vent'anni

DANCER IN THE DARK: il “musical” di Lars von Trier usciva in Italia 20 anni fa

Spettacolo

presidente conte dpcm presidente conte dpcm

DPCM 25 Ottobre 2020: Lockdown mascherato, disastro assicurato.

Legalità

ddl omofobia pregiudiziale ddl omofobia pregiudiziale

RESPINTA la pregiudiziale di costituzionalità del DDL ZAN, comincia il voto agli emendamenti

Human Rights

stormfront stormfront

Inside… The Boys, le differenze LGBT tra serie e fumetto

Sociality

Scopri i nostri social