fbpx
Connettiti con noi
alcolici

Dr. Rainbow

Il nostro cervello potrebbe essere direttamente coinvolto nella lavorazione di alcol, suggerisce uno studio sui topi

Nonostante l’alcol sia una sostanza ricreativa comune che beviamo da almeno 12.000 anni, sembra che ancora non comprendiamo appieno cosa fa all’interno del nostro corpo … o del cervello, se è per questo.


Un nuovo studio su topi e campioni di cervello umano ha esaminato l’enzima chiamato aldeide deidrogenasi e ha scoperto che potrebbe abbattere un particolare sottoprodotto della digestione dell’alcol nel cervello piuttosto che solo nel fegato.

Sappiamo che quando bevi alcol, il tuo corpo entra in azione per iniziare a scomporlo in altri composti. L’alcol si scompone in acetaldeide, che poi si scompone in acetato, che alla fine diventa anidride carbonica e acqua.

È questa relazione acetaldeide-acetato che il team ha esaminato più da vicino; l’enzima che controlla questo processo, chiamato aldeide deidrogenasi, è codificato da un gene chiamato ALDH2.

Potresti aver già sentito parlare di questo gene. Molte persone delle popolazioni asiatiche hanno una variazione genetica che causa un viso arrossato e livelli elevati di acetaldeide quando bevono alcolici, a causa della decomposizione della molecola meno efficiente.

L’acetaldeide e l’acetato sono entrambi prodotti ben noti della produzione di alcol e si pensava che il processo avvenisse interamente nel fegato prima che l’acetato passasse attraverso la barriera emato-encefalica nel sistema nervoso per causare alcuni dei comportamenti da ubriaco.

“A livello comportamentale, gran parte della ricerca sui metaboliti intermedi dell’alcol si è concentrata sull’acetaldeide, il cui modello di effetti è simile a quello dell’etanolo”, scrive il team nel loro nuovo articolo.

“Fino a poco tempo, l’acetato era stato considerato un sottoprodotto innocuo dell’alcol e si pensa che l’acetato cerebrale derivi in ​​gran parte dal metabolismo dell’alcol nel fegato”.


via Pixabay

Utilizzando tre campioni di cervello umano e undici topi, il team ha esaminato il punto in cui veniva espresso il gene ALDH2 e si è scoperto che non era solo nel fegato. Invece, ALDH2 veniva espresso anche nelle cellule cerebrali del cervelletto note come astrociti in due dei quattro campioni di cervello umano esaminati dal team.

Sapevamo già che il cervelletto è una regione cerebrale primaria coinvolta nella compromissione motoria dell’alcol, ma si pensava che tutto l’acetato venisse trasportato nel cervello dal fegato dopo che l’acetaldeide era stata scomposta lì.

Ma quando i ricercatori hanno allevato topi che erano carenti di ALDH2 nel cervello e non potevano produrre aldeide deidrogenasi negli astrociti del cervelletto, hanno trovato qualcosa di affascinante: l’alcol non ha influenzato la funzione motoria degli animali come previsto, e i livelli di acetato nel loro i cervelli sono rimasti ai livelli pre-alcol.

Presi insieme, i ricercatori pensano che questo significhi che parte dell’acetaldeide prodotta bevendo diventi acetato direttamente nel cervello, piuttosto che tutta  ( l’acetaldeide n.d.t) venga trasportata dal fegato. Il cervello stesso in questo caso sta metabolizzando il prodotto alcolico.


“Così, l’ALDH2 astrocitico controlla la produzione, gli effetti cellulari e comportamentali dei metaboliti dell’alcol in un modo specifico della regione del cervello”, scrive il team.

“I nostri dati indicano che l’ALDH2 astrocitico è un obiettivo importante, ma precedentemente poco riconosciuto, nel cervello per alterare la farmacocinetica dell’alcol e potenzialmente trattare il disturbo da uso di alcol”.

C’è molto altro lavoro da fare in questo spazio, inclusa la conferma che questo è anche il caso degli esseri umani, ma è comunque una scoperta entusiasmante. È affascinante pensare che stiamo ancora imparando cose nuove tutto il tempo, anche con una bevanda che è probabilmente più antica della scienza stessa.

Articolo pubblicato su sciencealert.com a cura di Jacinta Bowler e tradotto in italiano per Doctor Rainbow da Francesco Grassellini

Scritto da

Mostra i commenti

Articoli simili

oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali

oroscoPERÒ _ Docce fredde e geloni sul cuore

Sociality

“La Giornata contro la Violenza sulle Donne non serve senza educazione adeguata!” Intervista ad ANNA MAZZAMAURO

Desdemona

ADORAZIONE di Alice Urciuolo (66thand2nd) | Recensione

Desdemona

l'uomo nel buio- man in the dark l'uomo nel buio- man in the dark

L’UOMO NEL BUIO _ Un sequel che trasforma un omicida in un antieroe? (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
×