fbpx
Connettiti con noi
rosemary ketchum
credits: cbs news

Mondo

Il West Virginia elegge la sua prima rappresentante transgender

Il Pride Month continua ad essere foriero di risultati per la rappresentatività della comunità LGBT+ nel mondo.


Ieri, la donna transgender Rosemary Ketchum, ha conquistato un seggio al consiglio comunale di Wheeling, diventando la prima persona trans ad aver vinto le elezioni in West Virginia.

Si tratta della quarta rappresentante LGBT+ eletta nella Virginia Occidentale e la ventiseiesima funzionaria transgender a prestare servizio negli Stati Uniti.

La Ketchum, direttrice associata della National Alliance on Mental Illness of Greater Wheeling, è membro del consiglio di amministrazione dell’American Civil Liberties Union of West Virginia.

Per il suo programma politico cittadino, Rosemary intende occuparsi di alloggi a prezzi accessibili, sostegno ai senzatetto, combattere la dipendenza da oppiacei, migliorare il trasporto pubblico, energia pulita e gestione dei rifiuti.

Un’idea totale di inclusività

L’elezione di Rosemary è fortemente simbolica per i diritti LGBT+ in West Virginia, uno stato relativamente conservatore che non riconosce alcuna protezione verso la discriminazione dovuta all’orientamento sessuale e all’identità di genere, anche se la neoeletta ha obiettivi di più larghe vedute.

Sono entusiasta di rappresentare l’inclusività” aveva detto al quotidiano locale The Intelligencer lo scorso anno, “ma non sto realizzando la campagna sulla mia identità di genere. Ci sono troppi problemi sistemici che dobbiamo affrontare […] Le persone non si sentono parte della loro comunità […] Ci sono persone che sono nate in città e non possono più permettersi di vivere qui, che vivono nelle nostre strade e sotto i nostri ponti che non hanno accesso ai servizi igienici pubblici“.

La Ketchum ha avuto la meglio su altri tre candidati. Intervistata dalla CBS News ha dichiarato: “Candidarsi per l’ufficio non è mai stato nei miei piani, ma ho sempre creduto che quando vedi qualcosa di sbagliato fai il possibile per risolverlo”. e ha aggiunto “Spero che la mia gara possa ispirare altre persone a candidarsi. Invece di convincere i nostri funzionari eletti a intraprendere politiche a noi favorevoli, probabilmente dovremmo sostituirli.


LGBTQ Victory Fund, un’organizzazione dedicata ad aiutare le persone LGBTQ ad essere elette in politica, nel festeggiare la vittoria di Rosemary ha così commentato: “Le persone trans sono gravemente sottorappresentate in carica elettorale – con solo 26 funzionari trans in qualsiasi parte del paese – quindi la vittoria di Rosemary risuonerà ben oltre il suo stato.”

È grazie a pioniere come la Ketchum in West Virginia che la comunità LGBT+ sta cominciando a cambiare le cose dall’interno, assumendo ruoli sempre di maggiore importanza nelle cariche pubbliche del paese.

“La vittoria di Rosemary ispirerà altre persone trans provenienti da stati conservatori a prendere in considerazione una corsa elettorale nelle loro comunità – e quindi quei candidati ispireranno anche gli altri “, ha detto la presidente di Victory Fund Annise Parker “Quel circolo virtuoso è la chiave per costruire l’accettazione trans e il potere politico a lungo termine”.

fonte: CBS News


Scritto da

Sono nato in Puglia, terra di ulivi e mare, e oggi mi divido tra la città Eterna e la città Unica che mi ha visto nascere. La scrittura per me è disciplina, bellezza e cultura, per questo nella vita revisiono testi e mi occupo di editing. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare i diritti umani e i diritti lgbt+ nel mondo... e mi distraggo scrivendo di cultura e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Dopo 30 anni, siamo Capaci di ricordare?

Legalità

La Spagna approva il congedo mestruale (ma non solo!).

Desdemona

Obbligo di esporre il prezzo al pubblico: come tutelarsi in qualità di consumatori?

Legalità

giornata mondiale omotransfobia giornata mondiale omotransfobia

17 maggio, Giornata Mondiale contro l’Omotransfobia: in Italia una vittima denunciante ogni tre giorni

Human Rights

Scopri i nostri social
×