fbpx
Connettiti con noi
mutilazioni femminili africa

Human Rights

In Sudan saranno presto vietate le mutilazioni genitali femminili

credts: Annie Spratt via Unsplash

Il Sudan ha deciso di rendere illegale la pratica delle mutilazioni genitali femminili (MGF).


Il nuovo progetto di legge, varato il 22 aprile dal consiglio dei ministri, prevede tre anni di carcere per chi pratichi l’asportazione dei genitali ai danni di bambine e ragazzine sudanesi.

La legge dovrà essere ufficialmente approvata dai membri del consiglio sovrano (ossia l’equivalente del Parlamento), istituito in seguito alla cacciata dell’ex dittatore Omar al-Bashir

Le mutilazioni genitali femminili in Sudan

Amira Azhary, membro del Consiglio nazionale per il benessere dei bambini e attivista per l’iniziativa Saleema, impegnata nella campagna di sensibilizxazione per porre fine alla pratica, ha dichiarato: “Ci aspettiamo che la legge venga approvata dal consiglio sovrano e, in tal caso, sarà un’espressione della volontà politica in questo paese“.


Il Sudan ha uno dei più alti tassi di MGF al mondo. Secondo le Nazioni Unite, l’87% delle donne sudanesi ha subito questa pratica. Le ragazze di solito hanno un’età compresa tra i 5 e i 14 anni.

C’è però un problema, che riguarda il profondo radicamento culturale dell’infibulazione in Sudan, pertanto gli attivisti si aspettano che ci vorrà del tempo affinché questa pratica possa essere considerata fuorilegge dagli stessi cittadini.

Grande soddisfazione anche da parte dell’UNICEF, che in una dichiarazione ha ammonito che ostetriche, fornitori di servizi sanitari, padri, madri e giovani devono essere informati della nuova legislazione, e lo Stato garantire conseguenze penali per coloro che eseguiranno il taglio sui genitali delle proprie ragazze, affinché la legge venga compresa.

Questa pratica non è solo una violazione dei diritti di ogni bambino” ha dichiarato Abdullah Fadel, rappresentante dell’UNICEF in Sudan, “è una pratica dannosa e ha gravi conseguenze per la salute fisica e mentale della ragazza“.

Alcuni Stati nel paese hanno vietato la MGF alcuni anni fa, ma i tentativi di vietarla a livello nazionale non hanno avuto successo sotto il dittatore Bashir.

Sono state soprattutto le donne sudanesi, egiziane e somale a guidare la crociata contro le MGF, grazie anche al loro intervento nella fase di restaurazione della democrazia nel paese.

infibulazione africa

Cosa sono le mutilazioni genitali femminili?

Le MGF comportano la rimozione parziale o totale dei genitali esterni femminili per motivi non medici. Si tratta di un’operazione effettuata il più delle volte in casa, in pessime condizioni igieniche, senza anestesia e utilizzando lame non sterilizzate. Le conseguenze della mutilazione spesso possono consistere in cistiti, emorragie, ritenzioni urinarie, dolore durante i rapporti sessuali e complicazioni durante il parto, che mettono in serio pericolo la vita di madri e nascituri. In più, il taglio anche solo parziale dei genitali e la ricucitura sono dolorosissimi.

Col taglio che asporta il clitoride e altre parti dei genitali femminili (come le piccole labbra, si riduce il tessuto necessario affinché le gambe possano essere divaricate completamente, rendendo impossibile fare sport (ginnastica, equitazione, nuoto), o nei casi più gravi accovacciarsi per urinare .


Le Nazioni Unite stimano che 200 milioni di donne e ragazze hanno subito la MGF in 31 paesi, 27 dei quali in Africa. Tuttavia, un rapporto pubblicato a marzo afferma che il numero potrebbe essere molto più elevato in quanto la pratica viene svolta in oltre 90 paesi, molti dei quali non raccolgono dati.

I leader mondiali si sono impegnati a eliminare le MGF entro il 2030.

fonte: The Guardian, CNN

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

BDSM e Femminismo: intervista al Non Collettivo Queer di Genova.

Desdemona

legge omofobia zan legge omofobia zan

Legge Zan il 3 agosto alla Camera, il testo approvato dalla Commissione Giustizia

Human Rights

puglia preferenza di genere puglia preferenza di genere

In Puglia si affossa la parità di genere, la politica non difende le donne

Human Rights

willow lesbica willow lesbica

Scooby Gang! Willow, Velma, e le occasioni mancate

Sociality

schiavi italia schiavi italia

Nel 2019 in Italia oltre 2000 “nuovi schiavi” nell’indifferenza generale

Human Rights

I SAPIOSESSUALI e la nuova attrazione che parte dal cervello

Sociality

coming out coming out

I genitori religiosi reagiscono due volte peggio degli altri al coming out dei propri figli

Mondo

erdonag libertà di stampa erdonag libertà di stampa

Con la legge “anti social media” Erdogan censurerà internet

Mondo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora