fbpx
Connettiti con noi

Mondo

Iran: le donne potranno tornare allo stadio dopo 40 anni

Dopo 40 anni finalmente cade il veto per le donne iraniane che potranno tornare allo stadio, sebbene solo per le partite internazionali.


La “rivoluzione” è stata annunciata dal ministro dello Sport, Masoud Soltanifar: Sono stati fatti tutti i preparativi necessari in modo che le donne, nel primo periodo solo per partite internazionali, possano entrare negli stadi di calcio“. Le donne accederanno da ingressi riservati e occuperanno un settore a loro dedicato, e i servizi di sicurezza saranno intensificati per evitare incidenti.

La prima partita che vedrà la libera partecipazione di tutti i cittadini sarà Iran – Cambogia, valevole per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar 2022, che si terrà il prossimo 10 ottobre allo Stadio Azadi (“libertà” in persiano) di Teheran.

Il divieto di ingresso alle donne negli stadi di calcio era stato introdotto nel 1979, al tempo della Rivoluzione Islamica, perché si pensava che la presenza femminile in un luogo prettamente maschile potesse indurre a “compiere peccato“. Tuttavia, grazie anche alle sollecitazioni della FIFA, che in questi mesi aveva ventilato l’ipotesi di squalifiche dalle competizioni internazionali, finalmente anche le donne tifose di calcio potranno assistere liberamente ad una partita di calcio della loro nazionale. Il tutto nonostante le resistenze del clero sciita più conservatore.

ingresso stadio donne iran
Tifose iraniane

Le donne iraniane allo stadio: i precedenti

Mentre alle sole donne è consentito l’ingresso allo stadio per le partite della nazionale femminile, a pochissime cittadine iraniane è stato concesso di vedere gli uomini giocare a calcio finora, e in poche occasioni.

Dal 2005 a oggi, solo un numero ristretto di donne – nell’ordine delle centinaia, soprattutto parenti dei giocatori e impiegate della federcalcio iraniana – hanno avuto libero accesso allo stadio in una partita maschile, anche se lo scorso anno un nutrito pubblico prettamente femminile ha assistito alle partite della nazionale da un maxischermo predisposto per l’occasione dietro lo stadio Azadi.

Sahar Khodayari la ragazza blu
Sahar Khodayari

Chi non potrà purtroppo godere di questa novità sarà Sahar Khodayari, la tifosa di 29 anni che lo scorso mese di marzo si è suicidata per protesta contro il divieto d’ingresso delle donne allo stadio. Sahar è stata soprannominata sui social network “la ragazza blu”, perché blu era il colore della parrucca che indossava allo stadio, travestita da uomo, per tifare l’Esteghlal, la sua squadra del cuore. Sahar, dopo aver trascorso tre notti nel carcere femminile, sarebbe stata processata per oltraggio al pudore. Disperata per la possibilità di essere condannata a sei mesi di detenzione, Sahar si è data alle fiamme davanti al tribunale della capitale iraniana. Condotta d’urgenza in ospedale, non è sopravvissuta alle ustioni riportate.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scioglimento unioni civili Scioglimento unioni civili

Unioni civili: la fine di un rapporto sotto il profilo giuridico.

Legalità

Giornata dell’orgoglio Bisessuale: né diversamente etero, né diversamente omo

Dr. Rainbow

Giancarlo Siani, il giovane giornalista precario che spaventò la Camorra

Legalità

Transfobia al seggio di Siena, allontanato ragazzo trans

Human Rights

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora