Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Mondo

Irlanda del Nord legalizza aborto e nozze gay (grazie a Londra!)

Lo scorso mese di Luglio il parlamento britannico ha votato due emendamenti per estendere anche all’Irlanda del Nord la legislazione vigente nel resto del paese in tema di aborto e nozze gay.


La decisione di Westminster è diventata esecutiva a partire da ieri 21 ottobre, in via sussidiaria rispetto alla legislazione territoriale, in quanto da oltre 1000 giorni i partiti di Belfast (Partito Unionista Democratico, di stampo conservatore, e Sin Féin, indipendentista di matrice socialista), non riescono a trovare un accordo su una nuova coalizione di governo.

Si tratta di due decisioni storiche: se sul matrimonio omosessuale, che nel resto del Regno Unito è vigente dal 2014, il Partito Unionista Democratico ha posto il veto per renderlo esecutivo anche in Ulster, sull’aborto vigeva una normativa risalente addirittura all’epoca vittoriana.

L’interruzione di gravidanza era infatti regolata dalla legge del 1861 sui reati contro la persona, che consentiva l’aborto solo nei casi in cui la gravidanza avesse messo a rischio la vita e la salute fisica o mentale della gestante, prevedendo pene durissime come l’ergastolo sia per chi si fosse sottoposto ad aborti illegali che per eventuali collaboratori. Chiunque volesse ricorrere all’aborto avrebbe dovuto recarsi in altre zone del Regno Unito.

irlanda aborto
Attiviste irlandesi fonte: Getty Image

Con la decriminalizzazione sono annullati tutti i procedimenti giudiziari in corso, e sarà avviato un dialogo a livello locale per stabilire il cambiamento dell’offerta del servizio sanitario, con scadenza marzo 2020.

Grande gioia per gli attivisti di diritti umani, che si sono riversati nelle strade di Belfast per festeggiare il doppio successo. Tra questi Patrick Corrigan, direttore di Amnesty International nell’Irlanda del Nord ha espresso la sua soddisfazione augurandosi di “Suonare le campane di nozze a San Valentino”.

Contrari i conservatori delle comunità religiose (tanto protestanti quanto cattoliche) che negli ultimi anni si sono opposti fermamente all’entrata in vigore della nuova legislazione, anche se le pressioni per cambiare le leggi vittoriane si sono moltiplicate soprattutto dopo che, nel 2018, anche nella cattolica Repubblica d’Irlanda si è abrogata la normativa, molto restrittiva, dell’interruzione di gravidanza.

fonte: Euronews

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

primo ministro nuova zelanda primo ministro nuova zelanda

Il nuovo Parlamento della Nuova Zelanda è il più queer del mondo

Mondo

L’ONU ha adottato il metodo Falcone

Human Rights

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ _ Uno, Nessuno, Centomila di PESCI e di GEMELLI (VM18)

Sociality

legge omofobia rinvio legge omofobia rinvio

Il presidente Fico rinvia, ancora una settimana per il ddl Zan

Human Rights

Finalmente “una donna”! E magari un giorno ci diranno anche il suo nome.

Desdemona

Della Gentilezza e del Coraggio di GIANRICO CAROFIGLIO (Feltrinelli) Recensione

Storie e Culture

bangladesh violenza contro le donne bangladesh violenza contro le donne

Il Bangladesh introduce la pena di morte per stupro, ma la soluzione è altrove

Human Rights

GREENLAND con Gerard Butler GREENLAND con Gerard Butler

GREENLAND _ La fine del mondo…in famiglia (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social