fbpx
Connettiti con noi

Human Rights

ISTAT: per un italiano su 5 l’orientamento sessuale è uno svantaggio nel mondo del lavoro


Secondo il recente rapporto Istat-Unar sulle discriminazioni lavorative nei confronti delle persone LGBT nel 2020-2021, una persona su 5 ritiene che il proprio orientamento sessuale sia stato causa di svantaggio nella vita lavorativa, nell’avanzamento di carriera e crescita professionale nonché nel riconoscimento e nell’apprezzamento delle proprie capacità professionali.


L’orientamento sessuale non sarebbe invece percepito come motivo di discriminazione o svantaggio riguardo al reddito.

Nel complesso, recita il rapporto, il 26% delle persone occupate o ex-occupate dichiara che essere omosessuale o bisessuale ha rappresentato uno svantaggio nel corso della sua vita lavorativa.

Si rileva inoltre che 1 persona su cinque, occupata o ex-occupata in Italia, ha dichiarato di essere stato oggetto di aggressioni o di aver percepito un clima ostile nel proprio ambiente di lavoro. L’incidenza sarebbe maggiore, seppur di misura, tra le donne (21,5% contro 20,4%), sia lesbiche che bisessuali, tra i giovani (26,7%), gli stranieri o apolidi (24,7%) e le persone che vivono nel Mezzogiorno (22,6%).

Non solo mondo del lavoro

Il 38,2% delle persone che hanno contratto una unione civile o già in unione che si sono definite omosessuali o bisessuali dichiara di aver subito almeno un episodio di discriminazione in altri contesti di vita.

Tra queste persone, il 16,8% è stato costretto a trasferirsi in un nuovo quartiere o in un altro comune per poter vivere più tranquillamente il proprio orientamento sessuale (il 12% in un altro Comune, il 3,4% si è recato all’estero). Il 16,7% è stato trattato male dai vicini di casa; il 13,1% dice di essere stato trattato meno bene degli altri in uffici pubblici, mezzi di trasporto e negozi; il 10,4% ha avuto problemi in ambiente sanitario nei rapporti con medici, infermieri  o altro personale socio-sanitario: si tratta di percentuali superiori a una persona omosessuale su 10.


Fonte: Ansa, TgCom24

Leggi anche: Caro datore di lavoro, questo non puoi chiedermelo!


Scritto da

Sono nato in Puglia, terra di ulivi e mare, e oggi mi divido tra la città Eterna e la città Unica che mi ha visto nascere. La scrittura per me è disciplina, bellezza e cultura, per questo nella vita revisiono testi e mi occupo di editing. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare i diritti umani e i diritti lgbt+ nel mondo... e mi distraggo scrivendo di cultura e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Zannoni (con la sua faina) vince il 60° Premio Campiello

News

I MIEI STUPIDI INTENTI di Bernardo Zannoni (Sellerio) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

IL GIORNO IN CUI DIEDI FUOCO ALLA MIA CASA di Francesca Mattei (Pidgin) | Finalista premio John Fante 2022

Storie e Culture

MAI STATI INNOCENTI di Valeria Gargiullo (Salani) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×