fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Dr. Rainbow

Josef Mengele, l’ “angelo della morte” di Auschwitz

Mentre l’Armata Rossa si avvicinava ad Auschwitz, l'”angelo della morte” nazista Josef Mengele, fuggì. È sopravvissuto a molte delle sue vittime.


Mengele, il figlio maggiore di Karl e Walburga Mengele, che gestiva un’azienda di macchine agricole nella città di Günzburg, nello stato tedesco della Baviera meridionale, ha studiato medicina e antropologia. Dopo aver ricevuto due dottorati, si è rivolto alla ricerca presso l’Istituto di biologia ereditaria e igiene razziale di Francoforte.

Nell’estate del 1940, il 29enne Mengele si unì alle Waffen-SS, il ramo militare del partito nazista. Nel 1943 ricoprì il grado di Sturmbannführer, l’equivalente di un maggiore, e fu trasferito ad Auschwitz, dove lavorò come medico del campo. Era attivo nel processo di selezione presso la rampa – e particolarmente interessato ai bambini, in particolare ai gemelli e ai nani.

Mengele ha testato se l’iniezione di coloranti potesse cambiare il colore degli occhi di una persona. Ha operato su bambini senza anestetici, ha infettato i gemelli con la tubercolosi e la febbre eruttiva/esantematica (specialmente meningite cerebrospinale o tifo petecchiale). Molti bambini sono morti durante questi esperimenti; altri sono stati deliberatamente uccisi. I prigionieri chiamavano Mengele “l’angelo della morte”.

Lidia Maksymowicz aveva 3 anni quando lei e la sua famiglia arrivarono al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau nel dicembre 1943, deportati dalla Germania nazista dalla zona di Minsk in Bielorussia. Era notte fonda. La rampa era ben illuminata. Le truppe delle SS gridavano. I cani da guardia stavano abbaiando. Le famiglie erano state violentemente lacerate. Lidia fu separata dalla madre e inviata alla caserma dei bambini, un edificio in legno con lunghe file di cuccette. Le strutture brulicavano di parassiti, c’era fieno al posto dei materassi e le coperte erano rigide di sporcizia. I bambini soffrivano di fame e freddo, e temevano le visite del medico Josef Mengele.

Non riesco a ricordare la sua faccia, solo i suoi stivali lucidi“, ha detto Maksymowicz. “Quando ho sentito i suoi passi, sono strisciata sotto il giaciglio, mi sono abbassata e ho chiuso gli occhi. Pensavo che non mi avrebbe trovato.” Lidia non è riuscita a nascondersi da Mengele. Egli ha testato i vaccini sulla ragazza. Dopo innumerevoli iniezioni, era più morta che viva. Un giorno la madre di Lidia si intrufolò nelle baracche dei bambini per portare da mangiare a sua figlia e la trovò priva di sensi con la febbre alta.

Zdenek Zofka, uno storico di Günzburg che ha pubblicato un libro sulla città durante l’era nazista, scrive che Mengele non era né un sadico né un fanatico. Zofka ritiene che il medico fosse motivato da un “cinismo sconfinato” che gli permetteva di vedere le sue vittime non come esseri
umani, ma come “materiale che è già morto“.

Joseph Mengele durante uno dei suoi esperimenti

La “fine” della famiglia Mengele

Nel novembre 1932, il padre di Mengele offrì alla fabbrica di macchine agricole Karl Mengele & Söhne (Mengele & Sons) uno spazio per uno degli eventi della campagna elettorale di Adolf Hitler. Nel maggio 1933, Karl Mengele si unì al partito nazista.


Dopo la guerra, gli affari andarono ancora meglio. Karl Mengele fu eletto consigliere comunale e sindaco e, nel 1952, con suo figlio in fuga per sfuggire alle accuse di aver commesso atrocità per conto dei nazisti, Karl Mengele fu nominato cittadino medaglia d’oro della città. Una strada è stata intitolata a lui. Dopo la sua morte nel 1959, suo figlio Alois, uno dei fratelli minori di Josef, rilevò l’attività. Da allora è andato in rovina.

Nel 2009, il figlio di Alois Mengele, Dieter, ha creato la Familie Dieter Mengele Sozialstiftung, una fondazione che riferisce di aver donato oltre un quarto di milione di euro in beneficenza. La moderna famiglia Mengele non vuole avere nulla a che fare con il passato, nemmeno con progetti che commemorano le vittime di suo zio.

Mengele“, ha detto una donna, rispondendo al telefono alla fondazione. Alla domanda se fosse disposta a parlare per un colloquio, ha risposto: “Non siamo interessati ai contatti con i media“. Ha riattaccato.

Nel febbraio 1985, quando si è tenuto su Mengele un simbolico “tribunale” allo Yad Vashem di Israele, il World Holocaust Remembrance Center, con telecamere che registrano le storie dei sopravvissuti sulle atrocità commesse dal medico, il governo degli Stati Uniti ha ordinato una nuova
indagine
sulla scomparsa di Mengele. La ricompensa in denaro offerta da vari governi, fondazioni e individui per la sua cattura ammontava a oltre 3 milioni di dollari.


Reporter da tutto il mondo accorrevano a Günzburg, soprannominata “Mengele Town”. Un titolo del quotidiano britannico Daily Express lo chiamava “La città in cui il Dr. Morte getta ancora la sua ombra malvagia“.
Ma Mengele era già morto. Poco prima che l’Armata Rossa raggiungesse Auschwitz nel gennaio 1945, Mengele fuggì in Germania e si nascose sotto falso nome vicino a Günzburg. Fuggì dalla caccia all’uomo internazionale e fuggì in Sud America con il sostegno finanziario della sua famiglia nel 1949.

I residenti hanno anche installato una targa in onore delle vittime di Mengele nel cortile della storica Dossenbergerhaus, che oggi è una scuola elementare. La targa è stata disegnata dagli studenti e l’iscrizione cita il filosofo austriaco Jean Amery, che combatté in Belgio con la resistenza
e fu internato ad Auschwitz, Buchenwald e Bergen-Belsen: “Nessuno può sfuggire alla storia del suo popolo“. Le parole sono circondate da dozzine di paia di occhi – un riferimento agli esperimenti di Mengele.

Fonti: “Colpa senza espiazione“, un progetto del dipartimento polacco di DW, il portale Interia e il gruppo multimediale Wirtualna Polska.
dw.com/zbrodniabezkary https://www.dw.com/en/a-german-town-and-josef-mengele-auschwitz-angel-of-death/a-52114089

Traduzioni per Doctor Rainbow a cura di Chicco Grassellini
A cura di Pamela Pellegrini

Scritto da

Mostra i commenti

Articoli simili

doveri inquilino doveri inquilino

I diritti e i doveri dell’inquilino: cosa bisogna sapere

Legalità

pilota ga formula 1 pilota ga formula 1

La storia di Mike Beuttler, il primo pilota gay della Formula 1

Storie e Culture

EMILY BLUNT EMILY BLUNT

Amando EMILY BLUNT _ 3 Film che non sapevi di voler vedere

Spettacolo

Il maxi-processo alla ‘Ndrangheta nel silenzio dell’Italia

Legalità

Scopri i nostri social
×