previsioni maggio, pacchi diritti e animali futuro e sfortuna

Non è semplice determinare quale sia la migliore interpretazione di un essere umano da parte dei 12 segni dello Zodiaco.
Ma in onore all’appena trascorsa notte degli Oscar 2019, volevo consegnare io pure i premi a questo o quel segno per le loro doti recitative in questo speciale di #OroscoPERÒ.

Ma prima di decretare il vincitore o i vincitori, ecco a voi le candidature:

ARIETE nel ruolo di Testa Di Caz** nel film “QUEI MURI CHE TENTI DI ERGERE NON TI PROTEGGERANNO DAL MIO AMORE“.
Una storia un tantino morbosa di ossessioni e digressioni sul passato e il vissuto di questo impavido uomo che si perde tra monologhi infiniti.
Un percorso di ostacoli e tradimenti lo porterà a guardare in faccia la verità sulla sua natura e in un giorno di cielo poco nuvoloso variabile ecco scontrarsi con l’amore (ma sarebbe meglio dire che viene tamponato! ops!). Un thriller sentimentale che vi farà sudare tra le gambe.

TORO nel ruolo di Duro a Morire nel film “DAMMI UNA MANO BABY PER REGGERE IL COCKTAIL, ORA CHE HAI LA BOCCA IMPEGNATA“.
Un racconto di deformazione professio-anale in cui il protagonista è portato a ricercare una verità sepolta in un locale di giovani squillo.
Ma dietro la sua figura così sicura si cela un cuore frastagliato da solitudini puberali.
Una corsa contro il tempo, un cronometro dimenticato su un comodino vicino a un gel durex, una porta aperta sul cesso, una telecamera puntata sullo sguardo seducente del Toro.
La verità sarà dura da sfilare via…

GEMELLI nel ruolo dei Gemelli Omozigoti nel film già cult “NON SO CHI SEI ORA CHE HO CAPITO CHI SONO, MA MI PIACI TU E NON L’ALTRO“.
La storia a ritroso di un uomo che avanza per scoprire quale delle sue identità represse lo ha portato a commettere un delitto passionale.
E a metà film ecco la sconcertante verità: l’amante creduto morto non è mai morto. Egli lo aveva ucciso solo nella sua mente o quello che ha dinanzi è il doppio del suo amore?
Tre ore e mezza di girato per scoprire solo negli ultimi minuti che il protagonista si guardava allo specchio.
Scioccante! Snervante! Depravato!

CANCRO nel ruolo de La Mantide Blasfema nel film “NON APRITE QUELLA PORCA“.
Un gruppo di amici attraversano lande desolate quando si imbattono in un autostoppista dai modi candidi ma un tantino lascivi.
A turno subiranno le molestie ora psicologiche (monologhi sullo shopping di 45 minuti senza pubblicità) e ora fisiche (la censura ha tagliato oltre 12 ore di girato dove si vedevano solo caz** e cu**e ancora po***** e sb*** che BEPP dentro al BEEEEEP mentre che BEEEEP si faceva BEEEEEP dai BEEEP).
Vietato in 36 paesi, il film scandalo in concorso.

Miglior interpretazione
il CANCRO nella sua miglior interpretazione nel ruolo della Mantide Blasfema

LEONE nel ruolo di Catwoman nel film “GLI ANNI POCO RUGGENTI SOTTO AMABILI RUTTI“.
Un road movie dove il protagonista – spesso ripreso nella sua beltà per celare i buchi di sceneggiatura – si trova a cercare il suo Io nell’Io altrui, messi a novanta.
Una ricerca che lo porterà a esplorare gli anfratti più nascosti del genere umano e che lo allontanerà dal suo grande amore: se stesso.
Passionale, divertente, scanzonato. Di quei film che potresti rivedere all’infinito, anche senza mettere l’audio (tanto i dialoghi sono inutili).

VERGINE nel ruolo della Meretrice nel film “QUALCUNO SI FECE UN NIDO SUL MIO CU-CULO“.
Un uomo si fa internare in una clinica psichiatrica convinto che possa essere un’esperienza di formazione.
Peccato che egli non abbia confidenza col genere umano e sia più abituato a leggere i bugiardini dei medicinali.
Questo lo porterà alla follia e i pazzi saranno quelli sani.
Memorabile l’orgia finale: liberatoria, commovente, senza controfigure.

BILANCIA nel ruolo del Trapezista cieco nel film “SENZA RETE, MA CON LE RATE DA PAGARE“.
Un docufilm in cui il protagonista cerca di farsi strada nel circo della vita, combattuto tra l’amore per il contorsionista e il mangiafuoco.
La sua scelta sarà contrastata però dal pubblico e da un’orda scimmie incattivite.
Ma quello che tutti si chiederanno, il nostro eroe verrà schiacciato dal peso delle bollette da pagare o cadrà dal suo trapezio instabile?

SCORPIONE nel ruolo di Satana nel film “CARRIE- IL VIBRATORE DI SATANA“.
Una ragazzina un attimo sfigata con una madre pressante e dei compagni di scuola un tantino bulletti, scopre la propria sessualità e che certi assorbenti hanno le ali: questo almeno quando li vede volare contro la sua faccia. Ma la sua sessualità presto scalpiterà e la notte della festa di ballo, dopo esser stata colpita dal suo vibratore segreto, la sua rabbia vedrà travolgere tutte le persone che l’hanno derisa e umiliata. Vendicativa, permalosa, un attimo isterica. Come da copione.

SAGITTARIO nel ruolo di Iceberg in “TITANIC, LA NAVE CHE SBAGLIÒ ROTTA“.
Sarebbe banale raccontare una storia che tutti conosciamo, ecco perché questo ruolo è tra i più controversi e discussi dalla critica.
Nella sua fissità e nella sua imponente presenza, egli sarà rovina della nave dei sogni. Ma i sogni di chi? A un povero Iceberg che sopravvive in solitaria ai silenzi dell’oceano, ecco l’imprevisto. Uno dei baci cinematografici più emozionanti della storia: un iceberg e una nave.
Tragedia e amore. Egoismo e sogni in frantumi. Freddo, ma toccante.

CAPRICORNO nel ruolo della Cabina Telefonica nel film “CHIAMAMI COL NOME DELLA TUA EX“.
Una storia di formazione e di distruzione in cui il nostro protagonista si vede invaso da più personaggi, tra i più variegati.
Tutti ci stanno dentro. Tutti si confidano. Tutti impugnano la loro cornetta e poi… lo abbandonano.
Una storia di valori traditi, di emozioni sbiadite e buone vecchie maniere.

miglior interpretazione
Acquario è SAMARA, ma sarà la sua miglior interpretazione?

ACQUARIO nel ruolo di Samara nel nuovo capitolo della saga “THE RING COCK
Da un passato torbido e umidiccio riaffiorano copiosi i desideri dal pozzo in cui erano stati espressi e gettati.
Come odori di fosse biologiche, la volontà della protagonista non può essere fermata.
Essa tutto ciò che desidera si materializza, così come le malasorti altrui come una ferrea presa sotto allo scroto.

PESCI nel ruolo di Capitan Findus nel film “QUEL BASTONCINO DI MERLUZZO CROCCANTE IN GOLA
Un film azzardato, su di una sceneggiatura imbarazzante, che si ispira al celebre personaggio di una nota marca di prodotti surgelati. Surgelati come i sentimenti e gli amanti che scopriamo essere conservati nel freezer e con cui il protagonista ama condividere ancora il talamo nuziale.
Nostalgia e necrofilia, perversione e passione scottata in 4 salti in padella.

E il premio per la Miglior Interpretazione di un essere umano va a…
al nostro amico del CANCRO
per il suo ruolo di mantide blasfema in “Non Aprite Quella Porca”!
La sua interpretazione è sempre convincente, anche quando sorride o finge di aver sentimenti.

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,