fbpx
Connettiti con noi
campania legge regionale omofobia

Human Rights

La Regione Campania approva una legge contro l’omotransfobia

Anche la Regione Campania si è finalmente dotata di una legge contro l’omotransfobia.


L’ultimo atto della giunta guidata da Vincenzo de Luca prima delle nuove elezioni regionali ha posto sotto i riflettori i diritti lgbt+ attraverso l’approvazione, con 34 voti favorevoli e uno contrario, di una legge relativa al contrasto alla violenza e alle discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità dei genere.

Il testo approvato consta di 13 articoli e prevede l’istituzione di un Osservatorio regionale che possa raccogliere e monitorare dati e fenomeni legati alla violenza e alle discriminazioni, collabora con enti, organismi e associazioni per prevenire e contrastare i fenomeni oggetto della legge.

Oltre 2300 le firme raccolte da Arcigay Napoli, che nel comunicato rilasciato stamattina così commentava la discussione in aula del testo: “Mentre il nostro Parlamento discute della nuova proposta di Legge contro l’omofobia, la transfobia e la misoginia, oggi, in assenza di una legge quadro nazionale contro i crimini d’odio legati all’orientamento sessuale e all’identità, nell’Aula del consiglio regionale campano si discute, come ultimo atto di questa consiliatura e dopo un lungo lavoro di concertazione con le nostre associazioni, della legge regionale contro la violenza di genere e contro l’omotranslesbofobia. Una legge importantissima per il futuro di questa terra, ma non solo. Dalla nostra Regione, dalla più grande regione del meridione, può arrivare un segnale chiaro e preciso al legislatore nazionale per colmare quel vuoto legislativo imperdonabile che fa dell’Italia l’unico Paese tra i fondatori della Comunità Europea a non avere una legge specifica contro i crimini d’odio legati all’orientamento sessuale e all’identità di genere.” e sottolineandone l’importanza nel contesto locale “La Campania risulta di fatto, dai dati sulla violenza di genere diffusi dal Ministero dell’Interno e raccolti dall’Eures e dagli episodi di omotranslesbofobia denunciati, maglia nera nel Paese per la diffusione, che non accenna a diminuire, degli episodi di violenza perpetuati ai danni delle donne e delle persone LGBT“.

L’approvazione della legge campana giunge a circa un anno di distanza dall’omologa normativa che ha visto la luce in Emilia Romagna, mentre sembra essere calato il sipario sulla proposta pugliese, in piedi da tre anni e mai approdata in aula per la discussione.

La discussione della legge nazionale firmata da Alessandro Zan, invece, con le necessarie norme penali, è ferma per la pausa estiva e riprenderà a settembre.

Foto in evidenza: Antinoo Arcigay Napoli

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

giulio regeni patrick zaki giulio regeni patrick zaki

Patrick Zaki sarà finalmente scarcerato!

Human Rights

diritti gay palestina diritti gay palestina

Essere omosessuali in Palestina vuol dire non avere via d’uscita

Mondo

Gli abusi dei diritti umani nel mondo dei Marvel’s Villains: un approfondimento

Sociality

TUTTI BRAVI GENITORI (con i figli degli altri) di Pagani, Locatelli e Ciccomascolo (Centro Leonardo Education) | Recensione

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×