Connettiti con noi
renault spot lesbiche

Sociality

L’amore al tempo degli spot: gli lgbt sono i grandi esclusi

L’evoluzione della tecnologia spesso non va al pari con l’evoluzione umana.

Siamo riusciti a progettare cose immense, riusciamo a programmare tutto dai tablet, non ci spaventa niente del futuro se possiamo averlo sul nostro smartphone. Tutto tranne l’omosessualità. Non se ne parla. Se non si dice non esiste. Invece c’è ed è oramai nelle nostre vite quotidiane, che si accetti o meno. Abbiamo inserito negli spot la pedofilia. Abbiamo inserito la violenza. Abbiamo inserito il bullismo. Ma non si riesce ad accettare l’amore fra due persone dello stesso sesso. Incredibile. Ho riflettuto su quanto la normalità dell’omosessualità sia gestita su social, programmi e spot. In Italia è molto difficile che sia resa pubblica e palese.

Qualche anno fa addirittura ricordiamo tutti la campagna della Barilla sulla famiglia tradizionale. “Barilla e gli omosessuali: non faremo pubblicità con omosessuali perché a noi piace la famiglia tradizionale. Se i gay non sono d’accordo, possono sempre mangiare la pasta di un’altra marca. Tutti sono liberi di fare ciò che vogliono purché non infastidiscano gli altri“, così Guido Barilla ai microfoni di Radio24 (26/09/2013), rispondeva a una domanda sul perché l’azienda non abbia mai fatto spot con protagonisti omosessuali”. Indubbiamente argomento delicato. Indubbiamente messaggi importanti da mettere all’interno di uno spot. Ma niente di surreale o inesistente. Normalità nelle nostre vite. Domande che spesso i bambini fanno e per le quali che sarebbe bene iniziare a trovare risposte. 

Un sogno d’amore firmato Tiffany – 2015

Non tutta l’omosessualità è volgarità. Non tutta l’eterosessualità è pudica.

Gli eccessi disturbano in tutti i casi. Qui si parla di amore. Nessuna influenza. Nessun pregiudizio. Nessuno stereotipo. E mentre noi siamo qua a dover scegliere la marca della pasta nel mondo si mangano messaggi importanti.

Ultimo ma non ultimo lo spot della Renault che per sottolineare il marchio che ci accompagna da moltissimi anni ha inserito al suo interno la storia di due bambine amiche che poi si ritrovano da adulte e si accorgono di amarsi. Tutto il percorso accompagnato sullo sfondo da una Renault. Arriverà in Italia? Quanto ancora ci nasconderemo dietro ad un dito?tiriamo fuori la verità, bella o brutta che sia. Prendere atto della realtà e imparare ad accettarla e soprattutto spiegarla alle generazioni future. È molto più semplice spiegare dell’amore che spiegare dell’odio.

Provocazione di Benetton contro le discriminazioni e HIV – 1989-1991

Ecco un excursus storico di qualche messaggio LGBT nella storia degli spot.

Lo spot della Renault diventato virale

Amore arcobaleno per Ikea – 1994

La libertà per Ikea – 2011

Una colorata sorpresa per Findus – 2014

Banco Argentina (Spot con donna transgender) – 2007

Amore Saffico – Magnum (2017)

Se volete saperne di più, vi consigliamo di recuperare questo articolo sulle 5 pubblicità LGBT mai viste in tv

Carlotta Cigliana
Scritto da

Non mi descrivo mai perché non sono gentile con me stessa

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

adozione cuculo adozione cuculo

L’adozione nel mondo animale, un mondo meraviglioso e istintivo

Storie e Culture

vanessa incontrada grassa vanessa incontrada grassa

Perché ci frega così tanto dei chili in più di Vanessa Incontrada?

Desdemona

pose golden globe pose golden globe

I Golden Globes 2020 si tingeranno di arcobaleno? Ecco tutte le candidature lgbtq+ (e tutte le nomination)

Spettacolo

Storia di un matrimonio (MARRAIAGE STORY) 2019 Storia di un matrimonio (MARRAIAGE STORY) 2019

STORIA DI UN MATRIMONIO _ Quello che resta non ci abbandona più (recensione)

Spettacolo

sovraffollamento carceri sovraffollamento carceri

In 4000 in un carcere per 800 detenuti: le condizioni carcerarie in Madagascar sono drammatiche

Mondo

miss universo lesbica miss universo lesbica

La prima concorrente di Miss Universo apertamente lesbica viene dal Myanmar

Mondo

tribunale per i diritti del malato tribunale per i diritti del malato

Tribunale del Malato, volontari in campo per difendere i cittadini da una cattiva sanità

Human Rights

lo stupratore sei tu lo stupratore sei tu

“Lo stupratore sei tu!”. Quando un flashmob smonta la cultura dello stupro

Desdemona

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli