fbpx
Connettiti con noi

Desdemona

Le donne del nord del Messico non saranno più incarcerate per abortire.

In uno stato del nord del Messico le donne saranno libere di abortire senza essere incarcerate, creando un precedente giudiziario per rendere legale l’aborto in tutti gli stati messicani.

Decisione storica quella di Martedì 7 Settembre 2021, per quanto riguarda il Messico, nello specifico lo stato di Coahuila, uno degli stati nel nord del Paese in cui l’aborto era stato negato anche in caso di stupro.


La Corte Suprema di Giustizia annulla infatti la detenzione per l’interruzione volontaria di gravidanza, che era ancora valida in alcuni stati del paese, una vera e propria giornata chiave per il diritto di decidere delle donne, in cui tutti i ministri nella sessione plenaria hanno votato all’unanimità.

Questo significa che le donne potranno finalmente decidere sul proprio corpo e sulla propria maternità, una grandissima battaglia portata avanti ancora in tutto il mondo dai collettivi femministi e non solo, che ha quindi portato alla depenalizzazione dell’aborto. Le donne non saranno più perseguite penalmente o portate in carcere.

D’ora in poi non sarà possibile perseguire alcuna donna che abbia abortito nei casi considerati da questa corte (…) comincia una nuova via di libertà, chiarezza, dignità e rispetto. È un grande passo nella storica lotta per l’uguaglianza e l’esercizio dei loro diritti,

ha affermato il presidente della SCJN Arturo Zaldívar precisando che non ci sarà mai più una donna in carcere per aver esercitato i propri diritti.

Lo stato specifico in cui è stato depenalizzato l’aborto, dopo due giorni di discussione dei ministri della Corte, è la Coahuila, nel nord, la cui linea sull’IVG era molto restrittiva poiché il primo aborto era punito con la reclusione da uno a tre anni. In alcuni stati del Messico gli anni di carcere arrivano anche a 30.

Sebbene la sentenza obblighi a modificare il proprio codice penale solo a Coahuila, questa decisione costituisce un potente precedente giudiziario per la sua applicazione negli altri stati messicani (32 in totale). I collettivi femministi potranno dunque sfruttare a loro vantaggio per combattere la criminalizzazione dell’aborto in altri codici penali statali attraverso i tribunali.

Ben diversa la sorte delle donne nel paese con cui confina Coahuila, il Texas, dove l’aborto è appena diventato totalmente illegale anche in caso di stupro e di malformazione del feto: la stampa internazionale ha letto questa sentenza anche come una risposta e una presa di posizione sul tema.

Soprattutto, la sentenza nello stato messicano di Cohauila potrebbe permettere ad alcune donne del Texas di interrompere la gravidanza oltre confine, il che darebbe un messaggio molto forte e di contrasto.


Scritto da

Attivista Politica, Femminista Intersezionale. Speaker e Autrice su Radio Città Pescara Popolare Network. Mi occupo di libri alla Libreria Primo Moroni di Pescara.

Mostra i commenti

Articoli simili

Dopo 30 anni, siamo Capaci di ricordare?

Legalità

La Spagna approva il congedo mestruale (ma non solo!).

Desdemona

Obbligo di esporre il prezzo al pubblico: come tutelarsi in qualità di consumatori?

Legalità

giornata mondiale omotransfobia giornata mondiale omotransfobia

17 maggio, Giornata Mondiale contro l’Omotransfobia: in Italia una vittima denunciante ogni tre giorni

Human Rights

Scopri i nostri social
×