fbpx
Connettiti con noi
canzoni violenza sulle donne

Spettacolo

#Le5 canzoni straniere che raccontano la violenza sulle donne che probabilmente non conoscevi

#1 Four women – Nina Simone (1966)

La tormentata voce black di Nina Simone ha saputo raccontare anche le violenze subite dalle donne afro-americane, nella loro doppia condizione di minoranza.


Correva l’anno 1966, e la straordinaria Nina regalava al mondo la tumultuosa “Four women“, contenuta nell’album Wild is the wind. Nella canzone si racconta, appunto, di 4 donne: Sarah, con la schiena piegata – ma non spezzata – dalle persecuzioni della vita e degli uomini; Siffronia, nata dalla violenza di un uomo bianco; Sweet Thing, una prostituta; e Peaches, consapevole e combattente, ma non più disposta a subire.

“Four women” costò molte critiche a Nina Simone anche dall’interno della comunità nera, perché per la prima volta rivelava le contraddizioni del sessismo e della doppia discriminazione subita, in quanto donne e in quanto afroamericane.

Nina Simone disse di questa canzone:

«Ho scritto una canzone, “Four Women” […] Le donne nella canzone sono nere, ma i loro toni della pelle vanno dal chiaro allo scuro e le loro idee di bellezza e la loro importanza ne sono profondamente influenzate. La canzone non fa altro che raccontare cosa passava nella mente della maggior parte delle donne nere d’America quando pensavano a loro stesse: la carnagione, i capelli – lisci, crespi, naturali – e cosa pensavano di loro le altre donne. Le donne di colore non sapevano cosa diavolo volevano perché erano definite da cose fuori dal loro controllo, e fino a quando non avessero avuto la sicurezza di definirsi sarebbero rimaste bloccate nello stesso casino per sempre. Quando “Four Women” fu pubblicato nel 1966, alcune stazioni radio nere vietarono ai DJ di suonarlo perché dicevano che “insultava” le donne nere. Non è stato così, e vietarlo è stata una cosa stupida da fare, ma non sono rimasta sorpresa. La canzone diceva una verità che molte persone negli Stati Uniti, specialmente i neri, semplicemente non erano pronte a riconoscerlo.»

«My skin is yellow
My hair is long
Between two worlds
I do belong
My father was rich and white
He forced my mother late one night
What do they call me
My name is Siffronia
My name is Siffronia
»

Usa le frecce <-> per scorrere

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali

oroscoPERÒ _ Docce fredde e geloni sul cuore

Sociality

“La Giornata contro la Violenza sulle Donne non serve senza educazione adeguata!” Intervista ad ANNA MAZZAMAURO

Desdemona

ADORAZIONE di Alice Urciuolo (66thand2nd) | Recensione

Desdemona

l'uomo nel buio- man in the dark l'uomo nel buio- man in the dark

L’UOMO NEL BUIO _ Un sequel che trasforma un omicida in un antieroe? (recensione)

Spettacolo

Scopri i nostri social
×